ILARIA CAPUA parla ancora, il VIROLOGO ha spiegato perché COVID-19 si è diffuso tanto “ILMETEO.it

CORONAVIRUS: ILARIA CAPUA torna a parlare, il virologo ha spiegato perché COVID-19 si è diffuso così tanto

Ilaria CAPUA spiega perché COVID-19 si è diffuso così tantoIlaria CAPUA spiega perché COVID-19 si è diffuso così tantoIl virologo ILARIA CAPUA spiegato tra le righe del Corriere della Sera che “non tutti i virus diventano PANDEMIA“. Ci sono elementi specifici che portano all’insorgenza dell’infezione. Prima di tutto, c’è fattore virale, una sorta di “potenziale pandemico” legato alle loro modalità di trasmissione e alla loro contagiosità, precisa l’esperto. Poi c’è il file fattore individuale, il che significa che l’evoluzione è particolarmente dipendente “dal comportamento degli individui isolati e dai sistemi in cui gli individui operano”, come spiega Capua. Non c’è dubbio che la diffusione accelerata di Covid nel mondo sia avvenuta a causa di movimento di persone internazionale, nazionale e locale.

Secondo il virologo, fino alla pandemia del 2020, questi erano i principali fattori alla base della diffusione di un’infezione pandemica. Ora, invece, subentra un altro elemento, rappresentato da entità virtuali come informazioni e social media. “Mai, negli ultimi cento anni, l’informazione è stata così onnipresente, liquida e confusa con argomenti complicati, anche per addetti ai lavori”, osserva l’esperto.

Affronta l’argomento Sars-Cov-2 sulla scala dei clickbait aumenta il rischio di disorientamentochi poi ha le chiavi per uscire da questa situazione, cioè le persone, che sono solo il “fattore individuale” ”. A tal proposito, il virologo precisa: “È proprio attraverso il messaggio di illusioneche si muovono nella connettosfera dei social network e dall’amplificazione di informazioni ambigue emesse da media altamente accreditati che determinano cosa succede al “fattore virus” “. Secondo l’esperto, è quindi probabile che anche fattori virtuali abbiano influenzato la pandemia del 2020.

READ  Fattori di rischio per la malattia di Alzheimer

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *