Impegno in aumento a causa dell’aumento dei prezzi, anche la classe media cede le cose

Impegno in aumento a causa dell’aumento dei prezzi, anche la classe media cede le cose

L’impegno può sembrare un ricordo del passato. Ma diventa rapidamente più affollato sui canali che offrono questo servizio. Secondo un tour di RTL Nieuws, il calo annuale del giro d’affari dei banchi dei pegni all’inizio dell’estate, dovuto al deposito delle ferie, si è appena materializzato.

L’istituto di bilancio Nibud avverte da tempo che sempre più famiglie a reddito medio entrare in un pizzico. Ora possono vederlo accadere al banco dei pegni.

soldi veloci

Consegna l’anello d’oro della nonna per guadagnare velocemente o lascia un nuovo iPhone come garanzia per pagare la bolletta della luce. Il pegno è la consegna di un bene in cambio di una somma di denaro con la possibilità di riacquistarlo alcune settimane o mesi dopo. A un tasso di interesse di circa il 4,5% al ​​mese. Coloro che non restituiscono la merce dopo il termine concordato la perderanno.

La catena di pegno dell’usato, leader di mercato nei Paesi Bassi con 53 filiali, sta registrando un aumento significativo. Lo stock di articoli in pegno che i negozi dell’usato hanno immagazzinato congiuntamente è aumentato del 34% negli ultimi sei mesi, ha affermato il manager Berthold Bakker. “Siamo le antenne della società. Questi sono segnali che sappiamo essere i precursori di ciò che sarà riconosciuto da tutti tra sei mesi o un anno”.

Rottura di tendenza

In Goudprijs BV, la società madre dietro le decine di filiali della catena Gold Exchange Office, stanno anche assistendo a un aumento del numero di prestiti. Qui, il valore delle azioni impegnate, come gioielli, orologi o lingotti d’oro, è aumentato del 16% da gennaio.

READ  Il 15% degli olandesi utilizza già l'intelligenza artificiale; un quarto di loro pensa che i posti di lavoro scompariranno | Tecnologia

Secondo il direttore Johan de Ruiter di Goudprijs BV, questa crescita è notevole, poiché il numero di impegni diminuisce all’inizio dell’estate negli anni regolari. “Le persone poi ottengono la paga delle ferie e di solito non hanno bisogno di soldi extra. Quest’anno non c’è stato quasi nessun calo, il che è davvero un’interruzione nella tendenza”.

Crescita enorme

La stessa tendenza è visibile nel Pandhuis L’Aia, un’istituzione municipale. Ad agosto lo stock di prestiti è aumentato dell’11% rispetto all’inizio di quest’anno. Anche qui il periodo di quiete dovuto al pagamento delle ferie quest’anno non ha avuto luogo.

Nella prima metà dello scorso anno, circa 8.000 clienti hanno preso in prestito qualcosa dal Pandhuis, quest’anno il contatore si è attestato a 12.000 dopo sei mesi. Sebbene questa enorme crescita sia in parte spiegata dalle chiusure del 2021, il direttore degli aiuti finanziari Jan van der Hulst vede un’interruzione nella tendenza. Nel periodo pre-corona, il numero di impegni è diminuito di anno in anno, ora c’è di nuovo in aumento.

“Quello che la gente ci dice è che i prezzi sono aumentati, è più difficile pagare la bolletta alla cassa, i prezzi dell’energia sono saliti alle stelle”, afferma Van der Hulst.

Qualcosa di sorprendente è visibile anche tra gli acquirenti di oro e i prestatori di pegno: il tipo di clienti sembra cambiare, afferma Berthold Bakker di Prodotti usati. “Stiamo vedendo non solo i gruppi di reddito tradizionalmente vulnerabili, ma anche le persone con doppio reddito e i lavoratori autonomi che compaiono sempre più ai nostri sportelli”, afferma.

classe media

Nel 2019 il valore di una transazione media presso Prodotti Usati era di circa 90 euro, ora è di 128 euro. Secondo Bakker, questa è un’indicazione che la clientela sta cambiando. “Il gruppo target tradizionale del banco dei pegni difficilmente aveva cose costose, le persone che vengono ora le hanno”, afferma Bakker. “Mentre qualche anno fa ci venivano offerti principalmente smartphone di seconda mano di qualche anno fa, i prodotti offerti ora sono sempre più quasi nuovi.”

READ  Astrazeneca, Cavaleri (Ema): “Meglio vietare il vaccino anche a chi ha più di 60 anni. Giornata aperta? Speravamo in un approccio più cauto”

Come funziona un banco dei pegni

Il pegno è una forma speciale di prestito, in cui il debitore lascia un oggetto di valore in cambio di una somma di denaro.

Nel tempo, di solito diversi mesi, il debitore deve rimborsare la proprietà per riprenderne il possesso, compreso un interesse legalmente limitato del 4,5% al ​​mese.

Secondo Berthold Bakker, direttore della catena di banchi di pegno Used Products, i clienti ricevono circa la metà del valore attuale dell’oggetto come prestito in contanti. Se il prestito non può essere rimborsato entro il termine concordato, il prestatore di pegno diventa proprietario dell’oggetto. Quindi rivende gli oggetti nella finestra.

Di solito circa il 10% degli oggetti impegnati non viene più raccolto perché il proprietario non può più sputare l’importo. Negli ultimi sei mesi, questa cifra è salita al 15% in Prodotti usati.

preoccupante

Il direttore del Nibud Arjan Vliegenthart non è sorpreso che i banchi dei pegni stiano diventando sempre più affollati. All’inizio di quest’anno, il suo istituto ha avvertito che non solo i gruppi a basso reddito, ma anche le famiglie a reddito medio e alto stanno affrontando difficoltà finanziarie a causa dell’aumento dei prezzi di cibo ed energia. Una famiglia su tre sta attualmente lottando con le spese, dice, quindi non sorprende che il pegno sia in aumento.

“Questa è una conseguenza molto logica delle persone che falliscono e sono creative nella raccolta di risorse finanziarie”, afferma Vliegenthart. “Questo vale non solo per i clienti regolari del banco dei pegni, che erano già al minimo, ma anche per i nuovi gruppi che sono stati in grado di sbarcare il lunario e ora devono accontentarsi”.

READ  Aegon ha dovuto spiegare meglio il ritiro: decine in più nonostante il ritorno di migliaia di euro | I soldi

Nibud non disapprova l’impegno, ma mette in guardia contro gli interessi. “Troviamo che le persone vanno a un banco dei pegni solo quando sono con le spalle al muro e non hanno altre opzioni per prendere in prestito altrove. È anche relativamente costoso, per molte persone è un’emergenza di misura”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *