Improvvisamente la “due battaglia” della sinistra contro la destra si fermò, Kuiken non voleva dire: Rutte deve andarsene

Improvvisamente la “due battaglia” della sinistra contro la destra si fermò, Kuiken non voleva dire: Rutte deve andarsene

I primi fuochi d’artificio suonano mentre i leader politici sono quasi pronti per il tema finale del dibattito finale di NOS: la fiducia nella politica. Prima di questo, i clacson potevano essere ascoltati nella Casa provinciale del Brabante settentrionale, centinaia di trattori stavano fuori dall’edificio martedì sera per le otto e mezza, dove i politici dell’Aia hanno l’ultima possibilità di attirare gli elettori al Consiglio provinciale di mercoledì . elezioni.

Nella stanza, che è stata trasformata in uno studio, Geert Wilders (PVV) sostiene che la fiducia nel governo può ancora essere ripristinata “se rimettiamo gli olandesi al primo posto e al centro”. Dice anche che il leader del VVD Mark Rutte – “e non lo dico come un attacco personale” – dovrebbe dimettersi da primo ministro: “Ha ferito troppe persone. E non parlo solo dei beneficiari, gli abitanti di Groningen, ma anche dei contadini che ora ne sono fuori, i pescatori, i pensionati.

I colpi continuano, all’ingresso un folto gruppo di guardie giurate si muove avanti e indietro agitato. Oppure sono negli angoli a parlare tra loro. Mark Rutte afferma, come sempre nei dibattiti e in altre apparizioni televisive della scorsa settimana, che “le cose non sono andate bene” e inizia un elenco di tutto ciò che è andato bene per l’Olanda sotto la sua direzione.

Atje Poussin

Il presentatore Rob Trip sposta l’attenzione di Rutte su Attje Kuiken di PvdA: lei è in questo round con Rutte e Wilders, gli altri leader politici sono seduti accanto. Trip vuole sapere come Kuiken considera la responsabilità dei membri del PvdA, in Rutte II, con l’estrazione del gas a Groningen e lo scandalo delle sovrattasse. “Abbiamo, dice, leader politici che hanno detto: lo prendo a cuore e mi assumo la responsabilità, e se ne sono andati”.

READ  Truffe telefoniche? Impariamo i suggerimenti dei call center

È questo, chiede Rob Trip, un esempio per Rutte? Lei intende questo? “Non ho detto questo”, ha detto Kuiken. Trip ripete la sua domanda. Kuiken chiaramente non vuole entrare in questo. Voleva sapere cosa pensava del ruolo dei membri del PvdA, vero? Ma Trip non si arrende. Rutte dovrebbe seguire l’esempio dei membri del PvdA che si sono dimessi? “Non vuoi rispondere?

Rutte la guarda con concentrazione, e quando Attje Kuiken non vuole rispondere per la terza volta, sorride – solo per un momento. Per settimane, VVD e GroenLinks/PvdA avevano messo in guardia gli elettori: votare per quest’altro partito era dannoso per i Paesi Bassi. Ma qui la “battaglia per due” si interrompe bruscamente: Rutte non ha dovuto lasciarla. Trip chiede per la quarta volta. Kuiken dice che sta “rendendo giustizia alla gente di Groningen” non avendo il dibattito sul ruolo di Rutte qui adesso. «Ottima osservazione», disse Rutte.

Leggi anche: Qual è la posta in gioco per i partiti nazionali?

Van der Plas e Baudet

Prima del dibattito, sulle sedie dei politici c’erano appunti con i loro nomi e foto: dovevano sedersi lì. Rutte era seduto davanti, i membri del BBB hanno visto due ore e mezza prima del dibattito che Caroline van der Plas era seduta alla sua sinistra, ea destra: Mirjam Bikker della ChristenUnie. Mezz’ora dopo, la foto di Esther Ouwehand (PvdD) era improvvisamente accanto a Rutte e al suo vecchio posto, poco più avanti c’era quella di Van der Plas. Questo è quello che aveva fatto il Partito per gli Animali: secondo Ouwehand, lei era tra due “persone molto grandi” – lei non lo voleva. In consultazione con la direzione della NOS, BBB è riuscito a far finire di nuovo Van der Plas accanto a Rutte, questa volta al posto di Bikker.

READ  T-Mobile aumenta i prezzi degli abbonamenti dell'8,6% da gennaio | Tecnologia

E fu così che Van der Plas, poco prima dell’inizio della trasmissione, appoggiò la testa contro la spalla di Rutte con un fotografo davanti a lei. Sembrava non capire. Thierry Baudet (FVD) era in fila dietro di loro. Non parlava con nessuno, guardava il telefono. A turno del dibattito su clima ed energia, ha affrontato Kuiken e Sigrid Kaag (D66). Non volevano prestarle attenzione, Kuiken le voltò le spalle dopo solo poche frasi: aveva voglia di discutere con Kaag.

Rob Trip non ha mollato, ha dato la parola anche a Baudet. Ha menzionato i contadini che suonano il clacson fuori. “Non credo”, disse Kuiken, “che M. Baudet abbia mai visto un contadino da vicino.” Forse ha un paio di stivali marroni a casa. Ma l’ha anche trovata “non così rilevante per il dibattito” e si è rivolta a Kaag.

Tre quarti d’ora dopo, sono iniziati i colpi. Il pubblico doveva rimanere dentro dopo che gli era stato permesso di bere qualcosa al bar. C’era una sicurezza speciale per i leader politici. Alle undici i trattori sono partiti, le porte si sono riaperte.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *