in Italia il primo sciopero di autisti e lavoratori negli hub di Amazon

Una 24 ore di sciopero per la prima volta in Italia dai lavoratori Amazon che da questa mattina alle 7 e fino a domani mattina alla stessa ora, hanno incrociato le braccia per protestare contro il fallimento delle trattative a livello nazionale sul rinnovo del contratto di secondo livello. “Per un giorno vogliamo fermarci, dobbiamo fermarci – hanno annunciato attraverso i sindacati Filt Cgil, Fit Cisl e Uiltrasporti – è una questione di rispetto del lavoro, della dignità dei lavoratori, della sicurezza per loro e per voi. Per questo motivo, per vincere questa battaglia per la giustizia e la civiltà, abbiamo bisogno della solidarietà di tutti i clienti e di tutti i clienti Amazon “.

I lavoratori negli hub e nei magazzini che facevano appello a loro, ai clienti per sostenere lo sciopero dei lavoratori, sono andati in sciopero. “Voi che ricevete un servizio, siete le persone a cui chiediamo attenzione e solidarietà, perché continui a essere svolto nel miglior modo possibile”, si legge nella nota dei sindacati. Tra le rivendicazioni sindacali alla base dello sciopero, spiegano Cgil e Filt, “la verifica dei carichi di lavoro e delle tariffe di lavoro imposte, la verifica e negoziazione dei turni, la riduzione dell’orario di lavoro degli autisti, la clausola sociale e la continuità di occupazione per tutti in caso di cambio di contratto o cambio fornitore, stabilizzazione di orari fissi e precari e rispetto delle norme di salute e sicurezza “.

Sciopero Amazon: 75% di abbonamenti

Gli stessi sindacati hanno detto che l’adesione allo sciopero è stata la 75 per cento dei dipendenti, “con punte del 90% in alcune zone”: ora se ne aspettano una “in brevissimo tempo” convocazione dall’azienda. “È un manifestazione riuscire – spiegano – anche oltre le nostre aspettative considerando che tanti lavoratori e tanti lavoratori si sentono “ricatti” perché hanno contratti atipici e quindi hanno visto la manifestazione come un rischio per il loro precario impiego ”.

READ  le conseguenze per i clienti

I sindacati hanno ribadito il le ragioni della protesta: “Amazon è cresciuto enormemente grazie al boom dell’e-commerce in tempi di pandemia ed è giusto che stia ridistribuendo alcuni ricchezza anche in termini di diritti al suo dipendenti. Ad oggi l’azienda si è sempre rifiutata di discutere con i sindacati la verifica delle squadre, i carichi di lavoro e le tariffe di lavoro imposte, la riduzione dell’orario di lavoro degli autisti, la clausola sociale e la continuità del lavoro. il tutto in caso di cambio di contratto o fornitore, stabilizzazione degli orari fissi e precari e rispetto delle norme in materia di salute e sicurezza “.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *