“In Italia la tradizione politica neofascista è diventata molto diffusa”

“In Italia la tradizione politica neofascista è diventata molto diffusa”

Quando gli italiani hanno dovuto votare all’inizio della scorsa estate dopo la caduta del governo di Mario Draghi, c’è stata subito molta eccitazione fuori dall’Italia per il vincitore dichiarato, Fratelli d’Italia. Un partito di destra radicale, guidato anche da Giorgia Meloni, che era ancora adolescente nel MSI neofascista. Quanto sarebbe “fascista” la Meloni, o l’Italia, ancora oggi?

Non solo la Meloni ei suoi compagni di partito hanno reagito con irritazione a tali domande. Anche molti commentatori e analisti italiani sembravano faticare a capire perché la parola F sia apparsa improvvisamente in così tanti articoli (stranieri). “Fai attenzione quando chiedi commenti a colleghi stranieri”, ha avvertito Antonio Polito, vicedirettore del giornale. Corriere della Sera, in un pezzo tagliente come un rasoio. “Perché si aspettano che noi, italiani, soprattutto, confermiamo il loro allarmismo di fronte al fascismo”.

Lo storico britannico David Broder (34) ridacchia, indicando un paradosso. “L’idea che il dibattito sul passato fascista dell’Italia venga importato da giornalisti stranieri è comica, dal momento che l’Italia e gli stessi media italiani rimangono ossessionati da quel passato”, ha detto Broder davanti a un espresso su una terrazza a Roma. “Quello che la storia delle due guerre mondiali e le loro conseguenze significano per l’identità nazionale è ancora un argomento molto dibattuto in Italia”.

Questo è esattamente l’argomento del libro recentemente pubblicato da Broder I nipoti di Mussolini: il fascismo nell’Italia contemporanea. In esso, lo storico britannico, che vive in Italia da anni, approfondisce la storia del Movimento Sociale Italiano (Movimento Sociale Italiano, MSI), il partito neofascista fondato subito dopo la seconda guerra mondiale da fascisti fanatici e membri di Il regime di Benito Mussolini, che aveva sostenuto il dittatore fino all’ultimo momento.

Leggi anche: Gli italiani non si preoccupano se vince un partito con radici fasciste, perché?

Broder esamina anche ciò che questa eredità di guerra significa ancora oggi per l’Italia, esponendo, ad esempio, i tentativi dei politici italiani di destra di equiparare le vittime del nazifascismo alle vittime italiane dei partigiani. Tito), ad esempio commemorandoli contestualmente.

“Questo paragone è offensivo per le vittime dell’Olocausto”, dice lo storico. “In fondo questi ultimi sono stati massacrati a causa dell’odio etnico, ideologia condivisa dai fascisti vittime della resistenza partigiana. Inoltre, anche le vittime dell’Italia fascista furono molto più numerose. In breve, non è possibile confrontare la grandezza e l’intento dietro i due eventi.

READ  Adeguamento, disco verde per la soglia di subappalto per le grandi opere innalzata al 50%

Lo storico mette in guardia da paragoni storicamente falsi e da un “racconto di vittime” che scardina i crimini fascisti equiparandoli a quanto accaduto dall’altra parte. Chiarisce il suo punto facendo riferimento alla Germania. “Sappiamo anche che le truppe sovietiche violentarono le donne tedesche alla fine della guerra. Puoi certamente ricordarlo, ma la Germania non adeguerà la sua cultura commemorativa e dirà, beh, i nazisti potrebbero aver sterminato sei milioni di ebrei, ma per quanto riguarda i sovietici e la loro cattiva condotta?

Nessuna comprensione critica del fascismo

Broder osserva che la destra italiana cerca di separare il fascismo dal nazismo tedesco, in genere condanna solo l’alleanza di guerra con la Germania e la dittatura, e quindi cerca di banalizzare il ruolo storico del fascismo. “Non c’è abbastanza spazio per una comprensione critica di come il fascismo potrebbe svilupparsi e di come si relaziona ad altre idee politiche”.

E così con le idee di Fratelli d’Italia, il partito di destra radicale di Giorgia Meloni, presidente del Consiglio da sei mesi. La Meloni era ancora una giovanissima adolescente quando entrò a far parte dell’ala giovanile del MSI neofascista a Roma. E la sua affermazione alla televisione francese che “Mussolini è stato un grande politico, e qualunque cosa abbia fatto l’ha fatta per l’Italia”, può forse anche essere liquidata come un peccato giovanile.

Leggi anche Chi è la figura di spicco del partito con radici fasciste? Un profilo

Dopotutto, il MSI sarebbe poi confluito nel partito di destra conservatore Alleanza Nazionale, che si sarebbe formalmente allontanato dal passato fascista. Ma poi Meloni ha fondato nel 2012 il nuovo partito Fratelli d’Italia, che ha fatto ancora una volta un significativo spostamento a destra. Per questo, almeno fuori dall’Italia, il partito è bollato come post-fascista e radicale di destra, anche se la stessa Meloni preferisce essere bollata come “nazional-conservatrice”, e la stragrande maggioranza dei media italiani chiama semplicemente i Fratelli “di destra”. .

Il tuo libro sembra un minaccioso avvertimento, ma non sei troppo allarmista? Già durante la campagna elettorale il Meloni dichiarò di non avere alcuna intenzione di instaurare un’altra dittatura.

«Non ho mai affermato il contrario, e mi sembra che questo sia solo il minimo che ci si possa aspettare. Se i confini tra centrodestra ed estrema destra fascista in Italia si sono fatti molto sfumati, è anche perché la Fratellanza di L’Italia ei suoi alleati hanno legittimato i militanti neofascisti.

Puoi fare qualche esempio?

La Meloni ha affermato qualche anno fa che i gruppi neofascisti Forza Nuova e CasaPound erano “partiti non xenofobi”, e CasaPound ha stretto addirittura un’alleanza politica con la destra radicale Matteo Salvini [nu Meloni’s vicepremier]dopo di che gli attivisti di CasaPound sono comparsi nelle liste elettorali della Lega di Salvini.

READ  L'Hellas Verona resta dopo il ruolo eroico di 'Suárezje' e Ngonge in Serie A - Voetbal International

“Il modo in cui la Meloni parla oggi del vecchio missino, cercando di inserirlo nella tradizione degli anni Settanta democratico legge in Italia”, è abbastanza revisionista. Democratico? Questo partito simpatizzava fortemente con le dittature militari di America Latina, Spagna, Portogallo e Grecia. Negli anni ’80 il fondatore Giorgio Almirante si definiva ancora apertamente fascista e il MSI un partito fascista. Ha detto che il fascismo non riguardava solo il regime, ma racchiudeva una tradizione di valori e idee, formando una cultura politica che doveva evolversi nel tempo. Durante la creazione del Msi si è affermato che non si trattava di restaurare il regime, ma certamente non di rinnegarlo. E in realtà non lo fanno mai. Infatti il ​​criminale di guerra Graziani è ancora venerato.

L’idea di una civiltà occidentale in pericolo è il collante tra molti movimenti di destra radicale

Il generale fascista Rodolfo Graziani, che ha usato l’iprite in Etiopia durante le guerre coloniali italiane e ha imprigionato 100.000 libici nei campi di concentramento, ha ricevuto un memoriale nella provincia di Roma nel 2012, finanziato con i soldi dei contribuenti. Alla cerimonia ha partecipato il politico regionale Francesco Lollobrigida, definendo Graziani “un punto di riferimento”. Lollobrigida, cognato del premier Meloni, è ministro dell’Agricoltura nel suo governo. “Come Lollobrigida, quasi tutti gli altri framework provengono dal vecchio MSI”, osserva Broder.

Sta dicendo che il fascismo è diventato molto comune in Italia?

“La tradizione politica neofascista del Msi è diventata certamente molto diffusa. Quando Fratelli d’Italia ha vinto le elezioni del settembre 2022, le preoccupazioni iniziali sono state rapidamente placate. In Italia e non solo. Molto diverso nel 2018, quando Movimento Cinque Stelle e Lega hanno iniziato a governare insieme, e i timori di un’uscita dall’euro erano ancora presenti.

“Il fatto che Meloni e Fratelli d’Italia siano diventati così rapidamente mainstream non significa che siano diventati morbidi, ma che altri politici e partiti erano pronti a legittimarli. I conservatori americani vi hanno giocato un ruolo importante invitando la Meloni al CPAC, la massa alta dell’America conservatrice. E partiti e paesi in tutta Europa che condividono le dure opinioni di Meloni sulla migrazione.

È post-fascista? Salvini de la Lega o Viktor Orbán in Ungheria condividono le stesse visioni migratorie.

“Esatto. Fratelli d’Italia ha le sue radici nel fascismo storico, ma questa politica dell’identità etnica è nuova. politici per diffondere la teoria della grande sostituzione: che esiste un grande piano per sostituire la popolazione bianca e cristiana d’Europa, e che la gente ama [de Hongaars-Amerikaanse zakenman] George Soros promuove l’immigrazione di massa per ripopolare l’Europa di migranti. Questa idea di civiltà occidentale che si sgretola e svanisce è il collante tra molti movimenti di destra radicale. Anche l’ex ideologo di Trump Steve Bannon sostiene questa teoria.

READ  Lipsia - Liverpool: 0-2 Champions 2020/2021. Risultato finale e commento della partita
Lux e Libertà

Leggi anche questo commento NRC: Non lasciare incontrastate le teorie del complotto come “l’entourage”.

Ma l’Europa non sembra preoccupata, almeno finché Meloni terrà il suo Paese molto vicino alla Nato e all’Ue sugli aiuti all’Ucraina.

“Il suo impegno nei confronti della Nato e dell’Ue non sorprende, ma è in linea con la tradizione del Msi di presentare l’Italia come un partner minore nell’Alleanza euro-atlantica. La Meloni non può che tenere il passo, sempre alla ricerca di una legittimazione internazionale. Se avesse parlato di Zelensky come ha fatto il suo compagno di coalizione Berlusconi, sarebbe stata costretta a dimettersi da tempo. [de oud-premier, die Poetin als een vriend beschouwt, zei dat hij als premier nooit met Zelensky was gaan praten, en een ‘zeer negatief oordeel heeft over die meneer’]. La Meloni non vuole assolutamente cambiare la posizione geopolitica dell’Italia. Chi lo temeva può essere rassicurato. Ma non è la fine della questione.

Perché la lotta che Fratelli d’Italia vogliono condurre si svolge proprio nel loro Paese?

“Precisamente. E sebbene l’opposizione e la magistratura siano molto più forti in Italia, il paragone con Viktor Orbán in Ungheria è certamente valido. Orbán sta letteralmente dicendo che gli ungheresi hanno combattuto e vinto contro i comunisti nel 1989, e ora devono ricombattere questa battaglia “L’Ungheria e la Polonia sono paesi con una storia di repressione comunista e sovietica. La destra internazionale vuole abbracciare questo senso di vittimismo. Lo si vede chiaramente nella retorica di Fratelli d’Italia: la civiltà italiana, occidentale è sotto pressione e ci sarebbe essere un piano per distruggere il popolo italiano.

Diritti Lgbt

Altro punto di confronto con l’Ungheria è il conservatorismo etico di Fratelli d’Italia e Giorgia Meloni. Il primo ministro italiano critica l’aborto e più diritti LGBTI e dà priorità alla famiglia tradizionale. Il mese scorso, il governo italiano ha rimproverato le autorità cittadine progressiste, ordinando loro di rispettare rigorosamente la legge al momento della registrazione dei bambini provenienti da famiglie gay.

In Italia viene riconosciuto solo il genitore biologico, dopodiché il partner deve seguire una procedura legale per essere riconosciuto anche come genitore. Il comune di Milano, tra gli altri, ha riconosciuto entrambi i genitori sin dall’inizio, ma è stato ordinato da Roma di non farlo più.

Per David Broder è una scritta sul muro: “Non prevedo un ritorno del fascismo storico, ma mi aspetto un nuovo irrigidimento delle identità e un lento processo di scivolamento verso l’autoritarismo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *