In molti luoghi della terra, il rischio di inondazioni sta aumentando rapidamente

In molti luoghi della terra, il rischio di inondazioni sta aumentando rapidamente

I ricercatori dell’Università di Utrecht hanno studiato per cinquecento luoghi sulla terra quanto velocemente aumenterà la probabilità di inondazioni a causa del futuro innalzamento del livello del mare. Cambiamento climatico naturale: in più di un quarto delle località, la probabilità di inondazioni aumenterà di dieci volte entro trent’anni.

“Sapevamo già che con l’innalzamento del livello del mare dovuto al cambiamento climatico, aumenta il rischio di inondazioni, e quindi di inondazioni”, afferma Tim Hermans, ricercatore climatico presso l’Università di Utrecht, che è anche l’autore principale dello studio. “Ma mancava ancora la traduzione di quanto tempo ci vuole perché il rischio di inondazioni diventi troppo alto”.

Per le cinquecento località è stato studiato quanto tempo rimane prima che le difese costiere cadano. Un esempio semplificato di tale calcolo: supponiamo che la protezione costiera sia alta tre metri, quindi l’entroterra sarà allagato se il livello dell’acqua è superiore a tre metri. Supponiamo che ciò accada una volta ogni cento anni. Con un innalzamento del livello del mare di un metro, un livello dell’acqua di due metri sarebbe quindi sufficiente per un’inondazione. Supponiamo che questo livello di acqua si verifichi dieci volte più spesso, quindi il rischio di inondazioni è dieci volte superiore.

Hermans ha confrontato l’innalzamento del livello del mare “necessario” con l’innalzamento del livello del mare previsto secondo l’IPCC, il panel sul clima delle Nazioni Unite: “Poi si arriva a un momento di aumento del rischio di inondazioni”.

L’adattamento spesso richiede molto tempo

Nei Paesi Bassi, lo standard di probabilità di inondazione per gli argini differisce in modo significativo: a L’Aia e Rotterdam, il limite inferiore è una volta ogni 10.000-30.000 anni. In altre parti della costa settentrionale e in Zelanda, il limite inferiore è una probabilità di inondazione di una volta ogni mille anni. “Con questo rischio in mente, il nostro studio è molto utile per determinare quando è necessario adeguare le difese costiere”, afferma Hermans. “Ci sono voluti 45 anni per realizzare i lavori sul delta dopo l’alluvione, per esempio, quindi bisogna sapere per tempo quando il rischio di allagamento diventa troppo grande”.

READ  ChatGPT si dimostra anche molto convincente nei riassunti scientifici (e i revisori sono presi con gli occhi ben aperti)

Uno dei luoghi indagati da Hermans e dai suoi colleghi era la costa intorno a Den Helder. Entro il 2116, il rischio di inondazioni sarà aumentato a una volta ogni dieci anni. Jeroen Aerts, professore di rischio idrico e climatico presso la Libera Università di Amsterdam, che non è stato coinvolto nello studio, ritiene che questa stima sia un po’ troppo precisa. “Ci sono incertezze nei calcoli globali”, afferma Aerts. “Pensate all’approvvigionamento idrico dei fiumi dell’entroterra. Se un picco di portata di un fiume coincide con una tempesta in mare, si ottengono livelli d’acqua ancora più alti. Questo non è preso in considerazione nei calcoli della ricerca di Herman.

Nessuna misurazione del tempo nel 1953

Inoltre, il livello dell’acqua durante l’alluvione del 1953 non fa parte della serie di misurazioni con cui lavora Hermans. Aerts: “Se applichi le statistiche al livello dell’acqua più alto misurato, ma non includi inondazioni catastrofiche, la probabilità prevista di inondazioni è molto più bassa di quanto non sia in realtà”. Hermans: “C’erano già misurazioni nel 1953, ma non ancora ogni ora, e questo era uno dei nostri criteri. Inoltre, abbiamo incluso la sensibilità all’inclusione o meno di specifici livelli estremi dell’acqua nei calcoli.

A parte queste incertezze, Aerts lo definisce “uno studio molto utile”. Le incertezze non se ne vanno mai, dice. “Inoltre, crea urgenza per il tempo limitato che a volte viene lasciato per rafforzare le difese costiere esistenti”.

In generale, Hermans rileva che nelle aree non abituate a grandi differenze di marea e livelli d’acqua estremamente elevati, il rischio di inondazioni aumenta più rapidamente. “Pensa all’Europa meridionale ea parti dell’Australia e del Sud Africa”, dice. “Nei Paesi Bassi abbiamo un po’ più di tempo perché qui c’è molta più variazione nei livelli dell’acqua alta. L’innalzamento del livello del mare ha quindi un effetto relativamente minore sull’aumento del rischio di inondazioni.

READ  Coppia di buchi neri vicini alla Terra: la scoperta inquietante e spettacolare di Hubble

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *