In questa città ogni anno cadono dal cielo 74 tonnellate di plastica (e gli scienziati sono preoccupati)

In questa città ogni anno cadono dal cielo 74 tonnellate di plastica (e gli scienziati sono preoccupati)

Sta letteralmente piovendo microplastiche nella città neozelandese di Auckland. E tutte quelle minuscole particelle possono quindi essere inalate di nuovo e accumularsi nel corpo.

Sappiamo da tempo che l’inquinamento da plastica è un grosso problema. Ma un nuovo studio ci spinge ancora una volta verso i fatti. I ricercatori hanno calcolato che 74 tonnellate di microplastiche cadono ogni anno nella città neozelandese di Auckland. Per fare un confronto, questo equivale a più di 3 milioni di bottiglie di plastica! “Gli scienziati hanno probabilmente sottovalutato drasticamente la quantità di microplastiche nell’aria”, ha affermato il ricercatore Joel Rindelaub.

Piove plastica
Nello studio, i ricercatori hanno catturato microplastiche cadute dal cielo utilizzando un imbuto e un barattolo installati sul tetto di un campus universitario. Quasi tutte le microplastiche erano troppo piccole per essere viste ad occhio nudo. Gli scienziati hanno identificato le particelle più piccole applicando un colorante che emette luce in determinate condizioni. In questo modo, sono stati in grado di trovare e analizzare anche particelle piccole fino a 0,01 millimetri. Successivamente, il team ha calcolato la massa totale.

Le microplastiche diventano visibili dopo l’applicazione del colorante. La scala è di 50 micron (equivalente a 0,05 millimetri). Immagine: Università di Auckland

Città
I ricercatori sono finalmente riusciti a determinare la quantità totale di microplastiche nell’aria sopra Auckland. E i risultati sono piuttosto inquietanti. Ad esempio, questo sembra superare di gran lunga la quantità scoperta negli ultimi anni a Londra, Amburgo e Parigi. Il team conclude che ogni giorno ad Auckland cadono in media quasi 5.000 particelle di plastica su ogni metro quadrato. A titolo di confronto, uno studio condotto nel 2020 ha stimato che in media “solo” 771 microplastiche per metro quadro al giorno vengono depositate a Londra, 275 ad Amburgo e 110 a Parigi.

READ  La NASA ha quasi perso il satellite Marte dopo "gravi problemi" | ADESSO

Per inciso, questo non significa che Auckland sia molto più inquinata di altre città. È anche possibile che studi precedenti non siano stati in grado di misurare i pezzi di plastica più piccoli, le cosiddette nanoplastiche. Queste poche particelle sono state incluse nello studio di Auckland.

Non è solo la quantità senza precedenti di plastica a preoccupare i ricercatori. Anche il fatto che la maggior parte delle particelle scoperte sia così estremamente piccola è preoccupante, dicono. Le microplastiche sono frammenti di plastica inferiori a 5 millimetri. Le nanoplastiche sono molto più piccole con un diametro inferiore a 0,05 millimetri. E poiché sono così piccoli, possono essere facilmente inalati, entrare nelle cellule e accumularsi in organi come testicoli, fegato e cervello. “Più piccola è la dimensione che abbiamo studiato, più plastica abbiamo trovato”, ha detto Rindelaub. “Questo è allarmante perché le particelle più piccole sono le più tossiche”.

Nanoplastiche nel corpo umano
Gli scienziati hanno già scoperto che anche il corpo umano contiene plastica. Scoperto lo scorso marzo I ricercatori olandesi trovano microplastiche nel sangue degli olandesi. “Lì è stata trovata anche della plastica polmoni umani e nel tessuto polmonare dei malati di cancro”, scrivono i ricercatori nel loro studio. “Questo suggerisce che respirare microplastiche rappresenta un rischio”.

Tipi di plastica
In breve, molti abitanti di Auckland sono quotidianamente esposti all’aria inquinata da microplastiche, che possono persino influire sulla loro salute. Il polietilene (PE) era il tipo più comune di plastica, seguito dal policarbonato (PC) e dal polietilene tereftalato (PET). PE e PET sono materie plastiche che vengono utilizzate, tra l’altro, come materiali di imballaggio, mentre CD e DVD sono realizzati in PC, ma anche occhiali di sicurezza, caschi e scudi della polizia, ad esempio. Queste tre materie plastiche sono spesso utilizzate anche nell’edilizia.

READ  Partecipare alla National Diabetes Challenge migliora la salute | Settimanale di Haarlem

Vento e onde
In che modo minuscoli resti di questo finiscono nell’aria sopra Auckland? Quando il vento dalla costa era particolarmente forte, il numero di microplastiche catturate in città aumentava. I ricercatori sospettano quindi che le microplastiche provengano dall’oceano. Vengono poi trasportati in aria dal vento e le onde poi scendono nuovamente in città. “Questo potrebbe essere un modo importante per trasportare le microplastiche in tutto il mondo”, pensa Rindelaub. “Questo potrebbe spiegare come alcune microplastiche finiscano nell’atmosfera e vengano trasportate in luoghi lontani, come qui in Nuova Zelanda”.

Le microplastiche possono entrare nell’ambiente attraverso vari percorsi. Ad esempio, quando si utilizza il lavatrice Dove Asciugatrice utilizzate, le microfibre degli indumenti sintetici possono finire nelle acque reflue. Poiché sono difficili da filtrare fuori dall’acqua a causa del loro piccolo aspetto, finiscono anche nei nostri corsi d’acqua. Inoltre, piccoli frammenti di pneumatici per auto possono staccarsi ed essere trascinati nell’oceano dalla pioggia. Anche le bottiglie di plastica che vengono gettate con noncuranza in natura e finiscono nei fiumi sono colpevoli. I grandi pezzi di plastica vengono poi scomposti in pezzi sempre più piccoli, ad esempio dai raggi UV del sole o dalle onde che macinano i rifiuti di plastica contro le rocce, il fondale marino o altri detriti.

Nel complesso, i ricercatori mostrano con il loro studio la portata del problema dei rifiuti di plastica. Dove abbiamo visto per la prima volta questa plastica un tempo rivoluzionaria come un ottimo prodotto, negli ultimi decenni è diventata una grave minaccia. Sapevi che negli ultimi 70 anni sono state prodotte in tutto il mondo non meno di 8,3 miliardi di tonnellate di plastica? Solo il 9% è stato riciclato, il resto è stato incenerito o è finito nell’ambiente. E tutti questi resti stanno ora tornando nelle città e possiamo persino respirarli. “Il lavoro futuro dovrebbe quantificare esattamente quanta plastica inaliamo”, sottolinea Rindelaub. “Sta diventando sempre più chiaro che possiamo ingerire molte microplastiche in questo modo”.

READ  Coronavirus, i dati - Meno di mille contagi in 24 ore con quasi 80.000 tamponi: tasso di positivi stabile all'1,1%. 36 altre vittime

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *