In questo allevamento il vitello sta con la vacca per almeno 3 mesi: ‘Unico’

In questo allevamento il vitello sta con la vacca per almeno 3 mesi: ‘Unico’

“Ciò che ci rende unici è che teniamo i vitelli con le loro madri per un periodo di tre mesi in modo che possano svilupparsi”, afferma Gerjo Koskamp della fattoria theruimzicht. “Poi vengono separati l’uno dall’altro per sei mesi e poi restituiti alla mucca”.

“La separazione di sei mesi si basa sul fatto che i vitelli non hanno più bisogno del latte materno”, spiega l’allevatore. “Dopo sei mesi, non bevono più dalla madre”. Finora sono uno dei pochi a utilizzare questo metodo. Nei Paesi Bassi non è consuetudine che un vitello cresca con sua madre.

Secondo la Fondazione Wakker Dier, che si impegna per il benessere degli animali nelle fattorie, nel nostro Paese ci sono 14.000 allevatori. Nel 99% dei casi, il vitello viene immediatamente rimosso dalla vacca dopo la nascita. L’altro 1%, ovvero circa 25 aziende agricole, tiene il vitello e la mucca insieme più a lungo e lascia che i vitelli crescano con le loro madri per settimane o addirittura mesi.

Con le elezioni annuali di Koetjes e Kalfjes, la fondazione spera che cresca il gruppo di allevatori che tengono insieme madre e vitello.

Migliore cura per vacca

“Ci sono certamente vantaggi nel lasciare che un vitello rimanga più a lungo con la mucca, ma ci sono anche potenziali svantaggi”, afferma Adriaan Antonis, assistente professore di medicina veterinaria all’Università di Utrecht. In ogni caso, uno dei vantaggi è che se la vacca ha buone qualità materne, può prendersi cura del vitello. “Questa è una cura migliore di quella che l’agricoltore medio può fornire”.

“La vacca risponde ai bisogni del vitello, come la nutrizione e la stimolazione”, continua Antonis. “In generale, questo è vantaggioso per la salute e il benessere degli animali. Se una mucca non può prendersi cura del suo vitello, non è auspicabile che il vitello rimanga con lei”.

READ  Prelievo bancomat, utenti sorpresi: cos'è questo nuovo avviso?

La misura in cui la separazione tra madre e vitello influenza la produzione di latte rimane una questione complicata, afferma il professore universitario Antonis. “È un aspetto delicato. Non abbiamo una buona idea di quanto latte produca effettivamente la mucca quando il vitello beve, ma presumiamo che la produzione di latte aumenterà leggermente. Allo stesso tempo, il vitello beve anche parte del il latte probabilmente si svilupperà meglio come risultato.

Indipendentemente dal fatto che ciò aumenti o meno la produzione di latte, non tutte le aziende agricole potrebbero farlo come ruimzicht, anche se lo volessero. Se la mucca e il vitello stanno insieme, secondo il professore universitario Antonis, questo viene fatto utilizzando uno speciale sistema di allevamento. Secondo questo sistema, la quantità di spazio disponibile per gli animali determina, tra l’altro, se un’azienda di allevamento è adatta a utilizzare questo metodo.

Eppure ci sono anche molte fattorie adatte che deliberatamente non scelgono di tenere insieme mucche e vitelli. Ci sono innumerevoli ragioni per questo, dice lo scienziato Antonis. “Tenere il vitello e la mucca insieme potrebbe non essere adatto all’agricoltore perché ha avuto esperienze negative con il metodo. Per esempio, perché ha visto come una mucca non poteva prendersi cura del suo vitello perché non era abituata”.

Stretto legame tra vacca e vitello

In ogni caso, l’azienda agricola theruimzicht ha saputo applicare il suo metodo di lavoro da più di vent’anni. Koskamp: “Durante il periodo estivo, le vacche hanno la possibilità di stare all’aperto giorno e notte e possono sempre scegliere se andare dentro o fuori. Questo vale anche per il periodo invernale. umido C’è abbastanza spazio disponibile per le mucche nella stalla in collina.”

READ  felicità per gli utenti che ora possono averlo gratuitamente

Per ora, l’allevamento continuerà allo stesso modo. “Si tratta di mantenere lo stretto legame tra mucca e vitello”, afferma Koskamp.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *