In Suriname arrivano forti raffiche e forti acquazzoni

L’Infrastructure and Disasters Crisis Team (CIR) e il Suriname Meteorological Service (MDS) del Ministero dei lavori pubblici (OW) si stanno preparando per le imminenti catastrofi naturali. Ci sono ragioni sufficienti per avvertire la comunità delle raffiche violente attese a breve. Questi possono anche essere accompagnati da forti piogge.

Ecco perché OW continua a tenere informata la società fornendo a tutti le informazioni corrette in tempo. Ricerche e misurazioni hanno dimostrato che la zona di convergenza intertropicale (ITCZ) si trova attualmente sopra il Suriname, che sarà regolarmente in parte attivata da disturbi delle onde longitudinali e speroni provenienti da aree di bassa pressione.

Il periodo da maggio a settembre è caratterizzato da onde tropicali allungate (provenienti dalla costa occidentale dell’Africa). Le onde tropicali e gli uragani dovrebbero essere molto attivi quest’anno, a causa dell’alto mare già registrato nell’Atlantico tropicale, nel Golfo del Messico e nel Mar dei Caraibi.

A volte può essere molto secco e caldo, ma la frequenza dei temporali continuerà ad aumentare fino ad agosto di quest’anno. Questi rovesci possono essere accompagnati da occasionali brevi raffiche, dopodiché possono svilupparsi raffiche anche in condizioni meteorologiche favorevoli. La stagione degli uragani inizia a giugno e termina a novembre. A seconda della posizione e del movimento degli uragani, il Suriname può essere interessato dalla fascia a spirale, che è accompagnata da forti piogge e raffiche, la cui velocità del vento può superare i 70 km/h.

Si afferma inoltre che le raffiche si sviluppano intorno agli acquazzoni, possono colpire improvvisamente e cambiare la direzione del vento, ma le raffiche vere e forti si verificano durante i temporali. Le autorità di EW stanno anche avvisando la comunità che durante un temporale, le temperature locali possono scendere fino a 10 gradi. Tale situazione è chiamata downburs, dove vengono misurate alte velocità del vento, associate a acquazzoni torrenziali.

READ  "Semplicemente non ho l'energia"

In Suriname la conosciamo come Sibibusi. Questi vortici si verificano anche in Suriname durante questo periodo. È un vortice, visibile sotto una nuvola temporalesca a forma di tronco a forma di imbuto. I mulinelli causano anche molti danni agli edifici e agli alberi. Poiché la direzione o la velocità del vento cambia con l’altezza, ciò provoca la rotazione nella nuvola temporalesca e la nuvola può iniziare a ruotare. Quando questa colonna d’aria rotante viene assorbita dai movimenti verso l’alto (turbolenza) della nuvola, si crea una rotazione attorno ad un asse verticale. Quando l’imbuto raggiunge il suolo, nasce il tornado o vortice.

È importante sapere che gli alberi vicino a case e strade possono essere un pericolo prima e durante le tempeste. Il Suriname sta attualmente registrando molte precipitazioni, con il risultato che il terreno è completamente saturo. Di conseguenza, gli alberi hanno meno presa e possono cadere più velocemente.

“Controlla gli alberi nella tua zona per vedere se c’è qualche legno vecchio o rami troppo lunghi che crescono troppo vicino alla tua casa e potali se necessario. Controlla ogni anno la presenza di lastre di zinco allentate e grondaie pulite”, si legge in un comunicato stampa. Negli ultimi dieci anni, abbiamo dovuto affrontare una maggiore frequenza di disastri naturali.

Si consiglia pertanto di stipulare un’assicurazione contro i temporali e le calamità naturali. Non nasconderti mai sotto un albero con vento forte, i rami possono rompersi e gli alberi possono essere sradicati. Rimani in casa durante un temporale ed esci solo quando è assolutamente necessario.

Si consiglia di guidare principalmente su strade principali ed evitare i viali alberati. Si sconsiglia inoltre di parcheggiare le auto sotto gli alberi. Se hai bisogno di aiuto dopo il nubifragio, puoi contattare il PRN al 114 o il Public Works Infrastructure and Disaster Crisis Team al numero telefonico o all’app 8989114.

READ  al NOL Pic des INFECTIONS, ma con qualcosa di nuovo. La situazione per le feste »ILMETEO.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.