Inizia il richiamo vaccinale in Italia, Pfizer riduce le dosi alle Regioni

L’emergenza continua in Italia e nel mondo Coronavirus. Nel nostro paese secondo il bollettino di ieri Sono state registrate 2.415 infezioni per un totale di 211.078 tamponi e 377 decessi. Il tasso di positività è del 5,9%. La Regione che registra la maggior parte dei casi quotidiani è la Lombardia seguito da Sicilia ed Emilia Romagna. Ecco i dettagli regione per regione:

Lombardia: +1603

Veneto: +1.369.000

Piemonte: +495

Campania: +891

Emilia-Romagna: +1.437

Lazio: +1.243

Toscana: +406

Sicilia: +1.439

Puglia: +908

Liguria: +228

Friuli-Venezia Giulia: +385

A piedi: +440

Abruzzo: +285

Sardegna: +202

PA Bolzano: +308

Umbria: +153

Calabria: +351

PA Trenta: +135

Basilicata: +49

Valle d’Aosta: +18

Molise: +70

Da oggi molte regioni cambiano colore: 12 diventano arancioni, mentre Alto Adige, Sicilia e Lombardia si spostano nella zona rossa. Gli studenti delle scuole superiori torneranno a oggi scuola fino al 50% e fino al 75% come richiesto dal Dpcm del 14 gennaio. Il comitato tecnico-scientifico, riunitosi ieri d’urgenza, ha dato il proprio accordo precisando che, se un presidente regionale decide diversamente, “se ne assume la responsabilità”. il campagna di vaccinazione, nonostante la riduzione delle dosi di Pfizer: attualmente sono vaccinati 1.153.501 cittadini.

A livello globale, sono stati superati 95 milioni di infezioni, più di due milioni di morti. Il Gran Bretagna Inasprisce ulteriormente le regole per l’ingresso nel Paese, ma preoccupa anche la variante brasiliana: il ministro Speranza ha firmato un’ordinanza che blocca i voli da Brasile e vieta l’ingresso in Italia di coloro che vi sono passati negli ultimi 14 giorni. nel stati Uniti Sono stati superati 400mila morti, mentre in Brasile più di mille ieri per il quinto giorno consecutivo. In Giappone registro dei ricoveri.

READ  Ex Ilva, arrestato Piero Amara. Obbligo di residenza per l'ex pm Capristo: "Funzioni cedute, pressioni sul Csm per ottenere nomine"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *