investirà 20-30 milioni. Come funziona il rimborso – Corriere.it

Il “cashback” non scomparirà del tutto. Se il piano statale di rimborsi, che doveva durare fino a giugno 2022, fosse stato sospeso dal governo Draghi, Satispay, piattaforma già presente nella cabina di regia del progetto, avrebbe deciso di proseguire da sola il programma per altri 6 mesi. 30 milioni di euro. Nessuna critica al governo – sottolinea l’amministratore delegato Alberto Dalmasso – che gestisce magistralmente una situazione estrema ma abbiamo visto che il programma funziona, le transazioni sono aumentate e riusciremo a movimentare 1 miliardo di euro a fine anno.

Il boom dei pagamenti digitali

Di fronte al boom, l’app di pagamento ha deciso di continuare a scommettere. Per quanto possibile, faremo in modo che il lavoro svolto non vada perduto, investendo direttamente i nostri capitali a sostegno degli incentivi, convinti che siano lo strumento giusto per cambiare le abitudini di pagamento e rendere anche l’Italia un’economia digitale, commenta Dalmasso. . Nella prima metà del 2021, Satispay ha registrato (considerando solo i pagamenti nei negozi fisici) una serie di 25 milioni di transazioni, con una crescita di circa il 210% rispetto allo stesso periodo del 2020, per un volume di circa 340 milioni di euro, con un incremento del 127%. In crescita anche il numero degli esercenti affiliati alla rete, che nonostante le difficoltà dello scorso anno ha registrato una crescita del 35% rispetto a giugno 2020.


Come funziona

La formula di rimborso è la stessa del cashback statale: c’è la possibilità di accumula fino a 150 euro in sei mesi con un rimborso del 10% sulle transazioni nei negozi fisici fino ad un massimo di 2 euro per transazione ma questa volta a rate fino a un massimo di 25 euro al mese.

READ  via libera dalla Commissione Europea
A chi è rivolta l’iniziativa?

L’idea nasce anche dalla voglia di cercare nuovi clienti. Non a caso l’iniziativa riservata a chi si iscrive al servizio nel mese di luglio. Per gli ex clienti, invece, sono state pensate altre iniziative come il Cashback Friday e il Cashback nei supermercati il ​​martedì. Dalmasso ricorda che sono quasi 10 milioni le persone che hanno aderito al programma State Cashback e che quindi c’è ancora una larga fetta di pubblico che Satispay, con 1,8 milioni di utenti ad oggi, può intercettare. Abbiamo visto i risultati – spiega Dalmasso – il cashback funziona da stimolo per i pagamenti elettronici e per combattere l’evasione fiscale, e se abitueremo le persone all’uso degli strumenti digitali avremo un Paese con più competenze che risponde quindi meglio alle crisi. L’ambizione dell’azienda di intercettare 200.000 clienti aggiuntivi entro la fine dell’anno.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *