Italiani delusi: il loro espresso non dovrebbe essere nella Lista del Patrimonio Mondiale.  “Molto più di un drink per noi” |  Nina

Italiani delusi: il loro espresso non dovrebbe essere nella Lista del Patrimonio Mondiale. “Molto più di un drink per noi” | Nina

Dimentica pasta e pizza: l’espresso è almeno altrettanto sacro per il popolo italiano. Così sacro che pensano che dovrebbe essere nella lista del patrimonio mondiale dell’UNESCO. La commissione italiana ha provvisoriamente respinto questa proposta, con grande sgomento degli italiani. “La maggior parte di noi ha un normale bar dove beviamo il nostro espresso ogni giorno.”

L’espresso è il caffè che di solito viene bevuto in una tazzina. Premendo l’acqua calda attraverso i chicchi di caffè finemente macinati ad alta pressione, si ottengono cose deliziose. E questa roba è importante nella cultura italiana quanto la pizza, la pasta e il gelato, secondo gli italiani. Il Ministero dell’Agricoltura del Paese dell’Europa meridionale ha quindi ufficialmente inserito l’oro nero nella Lista del Patrimonio Mondiale dell’UNESCO.


Citazione

In Italia il caffè è più di una semplice bevanda.

Il viceministro dell’Agricoltura Gian Marco Centinaio

“L’espresso italiano è emblema di cultura, rito, aggregazione e letteratura da Venezia a Napoli.” Così gli italiani hanno intitolato la loro proposta ufficiale. “Qui in Italia il caffè è molto più di una semplice bevanda”, ha affermato Gian Marco Centinaio, viceministro dell’agricoltura. “Una tazzina di caffè così è una parte importante della nostra identità nazionale e delle nostre relazioni, rappresenta un rito sociale e culturale per gli italiani a Napoli, dove la tradizione napoletana del caffè sarebbe più tangibile.

(Leggi di più sotto la foto.)


Gli italiani sono anche dei veri maghi dell’oro nero: i torrefattori mescolano fino a venti tipi di caffè provenienti da diverse regioni del mondo per ottenere il tipico espresso italiano. Puoi berlo in uno dei tanti caffè a pochi euro la tazza. Una tradizione che, secondo gli italiani, merita di essere preservata.

L’espresso italiano nasce nel 19° secolo, quando aumentò la richiesta di preparazioni di caffè più veloci. Il francese Louis Bernard Rabaut inventò un metodo nel 1822 mediante il quale l’acqua calda veniva filtrata attraverso chicchi di caffè finemente macinati, che prese piede in Italia. Quando nel 1900 fu inventata una variante della tecnica per preparare apposta una tazza di caffè per una persona, nacque l’espresso.

Know-how e nervi d’acciaio

Purtroppo la Commissione italiana per l’UNESCO ha respinto la proposta di fare della bevanda un patrimonio dell’umanità. Gli italiani sono ovviamente delusi, in particolare l’italiana belga Marijke Huegaerts, che vive a Firenze. “La maggior parte degli italiani ha un bar-caffetteria dove ogni giorno bevono il loro espresso o cappuccino. Quindi, culturalmente, è un vero peccato che la proposta non sia stata accettata. Come italiano, hai spesso un vero legame con il tuo barista, come un legame che hai con il tuo prossimo. Si parla insieme di piccole cose, situazioni politiche, pettegolezzi e dopo un po’ anche di gioie e dolori personali. Ci vogliono anche abilità e nervi d’acciaio per gestire un caffè del genere, specialmente nelle ore di punta.

READ  Cosa sono i videogiochi e la loro storia

(Leggi di più sotto la foto.)

Belga-italiana Marijke Huegaerts, che vive a Firenze.
Belga-italiana Marijke Huegaerts, che vive a Firenze. © rv / Pexels

“La globalizzazione ha creato nuovi caffè, ma per vivere un’autentica esperienza italiana, devi andare in un caffè tradizionale. Sono riconosciuti dagli italiani che bevono il caffè in piedi al bar. Questa “tradizione” differisce da regione a regione: bere un caffè in un bar-caffetteria a Napoli comporta un’esperienza diversa rispetto a Firenze. »


Leggi anche:

Il caffè migliora le prestazioni atletiche. “L’effetto di un espresso dura dalle due alle tre ore”, spiega il medico sportivo

Un altro motivo per cui non dovresti bere il caffè la sera

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *