Jack Haig fiducioso per il Giro d’Italia: “Punta a un posto tra i primi 5”

Colloquio

Jack Haig è uno degli sfidanti di Primož Roglič e Remco Evenepoel al prossimo Giro d’Italia. Lo scalatore australiano sarà la prima pedina del Bahrain Victorious per la classifica generale. Il suo terzo posto al Tour des Alpes gli ha dato fiducia. “Mi piacerebbe davvero puntare a un posto tra i primi 5”, dice Flash in bicicletta.

Anche quest’anno ne stiamo facendo uno bello e di spessore con RIDE edizione estiva. Una rivista di ciclismo di oltre 200 pagine che puoi goderti per ore quest’estate e che rende l’estate sportiva un po’ più divertente. Gli appassionati di ciclismo che ne prenotano una copia durante il periodo di preiscrizione ricevono dei simpatici extra. Preordinalo subito online. Vuoi ricevere RIDE ad un costo inferiore? Quindi iscriviti ora e ricevi un enorme sconto del 20%!

“Se ci riesco al Giro, allora posso essere felice”, ha continuato Haig. “Il fatto di aver concluso il Tour des Alpes con un terzo posto è bello con l’avvicinarsi del Giro. Ad ogni modo, so che INEOS Grenadiers ha una squadra molto forte e Tao Geoghegan Hart è già in ottima forma. So anche che le mie condizioni stanno lentamente migliorando.

Nelle ultime due settimane prima del Giro d’Italia, il numero tre della Vuelta 2021 non farà molto. “Ho bisogno di riposare. Passerò del tempo a casa con la mia famiglia, poi in Italia”, proietta.

La preparazione è andata bene per Haig, che ha optato per l’allenamento in quota a Tenerife per il Tour of the Alps. “Lì è andato tutto bene. Non ho avuto infortuni o malattie, quindi mi sento bene. Speravo quindi di poter confermare la mia forma, poco prima del Giro.

READ  raccolto di ciliegie stimato a 726.000 tonnellate, pesche e nettarine a 3,1 milioni di tonnellate



Realismo nel vittorioso Bahrain
Il direttore sportivo Franco Pellizotti del Bahrain Victorious è stato estremamente soddisfatto dell’ultima preparazione per la gara di Haig, che ha dovuto tollerare solo Hart e Hugh Carthy nella corsa tra Austria e Italia. “Per Jack è stata la sua prima gara dopo il Giro di Catalogna e l’allenamento in quota. Soprattutto qui ha voluto testare la sua condizione fisica e ne è contento. Deve ancora migliorare un po’ prima del Giro, ma è sulla buona strada.

“Dopo la Vuelta di due anni fa, dove era sul podio, stiamo tornando a una buona classifica. Ma Roglič ed Evenepoel sono su un altro piano”, spiega con realismo il ds italiano. Flash in bicicletta. “Ecco perché sappiamo che con questo elenco di partenza, stiamo combattendo dietro a questi due”.

“Ma Jack può essere la sorpresa. Il Giro è il Giro, ci sono 21 tappe e anche il meteo può giocare un ruolo”, ha detto Pellizotti, che lui stesso ha corso il Giro undici volte e vinto due tappe. “Abbiamo una squadra solida attorno a Jack con Gino Mäder, Damiano Caruso e Santiago Buitrago. Abbiamo molti corridori che possono provare qualcosa.

Franco Pellizotti come caposquadra del Tour of the Alps – foto: Cor Vos

Una cosa è certa, Pellizotti non si accontenterà del terzo posto con Bahrain Victorious. “Pur non avendo un leader di altissimo livello, proveremo sicuramente qualcosa nelle fasi difficili”, annuncia.

Pellizotti non vuole scegliere tra un posto sul podio in classifica generale e una vittoria di tappa. “Lo vogliamo entrambi”, ride. “Se vinciamo una tappa, corriamo più facilmente. Ma se arriviamo a Roma senza una vittoria di tappa e con un podio? Poi abbiamo fatto un bel Giro. Se Roglič ed Evenepoel finiscono davanti a noi, allora siamo i migliori tra i “corridori normali” ahah!

READ  Coronavirus, da domani l'Italia torna all'arancio: ecco cosa si può fare e cosa è vietato

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *