Sculture in bronzo, apertura di Largo Argentino e restituzione dell’arte depredata

Sculture in bronzo, apertura di Largo Argentino e restituzione dell’arte depredata

Roma, la Città Eterna, è nota per la sua ricca storia e per i suoi tesori culturali. Ma anche in una città ricca di storia, ci sono sempre nuove scoperte ed eventi che attirano l’attenzione. Vale la pena conoscere tre recenti sviluppi a Roma: la mostra di pezzi rari statue di bronzo fin dai tempi antichi, l’apertura di questo Largo Torre Argentina per i visitatori e la restituzione delle reliquie depredate, tra cui un affresco di Ercolano.

Rari bronzi antichi esposti a Roma

L’anno scorso, 24 statue di bronzo sono state portate alla luce dalle rovine della Toscana in Toscana San Casciano dei Bagni, antico luogo di origine utilizzato per il culto sia dagli Etruschi che dai Romani. Queste statue, dedicate agli dei e che si ritiene siano state commissionate da famiglie benestanti, sono il più grande ritrovamento di questo tipo in Italia. Tra le statue c’è un’Igea dormiente e una statua di Apollo. Questa rara scoperta è ora (2023) in mostra nel Palazzo del Quirinale a Roma, prima di essere finalmente ospitato in un museo a San Casciano dei Bagni. Le statue stavano attorno a una vasca ovale piena di acqua curativa. Sono stati trovati anche manufatti e monete più piccoli che sono stati gettati in acqua per chiedere agli dei di esaudire i loro desideri.

Palazzo Quirinale, P.za del Quirinale, 00187 Roma RM, Italia – https://palazzo.quirinale.it/

Il Largo di Torre Argentina si apre ai visitatori

largo argentina roma

Per quasi un secolo solo i gatti hanno avuto carta bianca nel sacro recinto di Largo Torre Argentinache crediamo di essere dove Giulio Cesare fu ucciso. Ora, i visitatori umani hanno finalmente l’opportunità di scendere e vedere da vicino le rovine. L’area, che si compone di quattro templi della Repubblica Romana e il Curia di Pompeo, offre uno spaccato affascinante dell’antica Roma. I visitatori possono ora ammirare le decorazioni e le statue in marmo che sono state conservate per anni. L’apertura di questo sito aggiunge una nuova dimensione all’offerta archeologica di Roma, attraendo residenti e turisti.

READ  Il Papa in Piazza di Spagna ai piedi dell'Immacolata in preghiera per chi soffre

Non esiste un segno X – il luogo in cui Giulio Cesare incontrò la sua sanguinosa fine – secondo la tradizione e la commedia “Giulio Cesare” di Shakespeare. È difficile da immaginare per i visitatori, poiché il dramma farebbe pensare che l’assassinio sia avvenuto nel foro, ma Cesare fu effettivamente assassinato nella Curia di Pompeo, una grande sala rettangolare dove si riuniva occasionalmente il Senato di Roma. Ma Shakespeare è riuscito a farla franca con una piccola licenza artistica collocando l’omicidio sui gradini del foro.

Zona Sacra del Largo Argentina, Largo di Torre Argentina, 00186 Roma RM, Italia – https://sovraintendenzaroma.it/i_luoghi/roma_antica/aree_archeologiche/area_sacra_di_largo_argentina

Restituzione di reliquie saccheggiate, tra cui un affresco da Ercolano

Affresco di Ercolano ora a Roma

L’Italia ha recentemente esposto un affresco saccheggiato nell’antica città di mare romana Ercolano. L’affresco è sopravvissuto all’eruzione del Monte Vesuvio nel 79 d.C. e fu contrabbandato negli Stati Uniti prima di essere restituito in Italia. Questo affresco è solo una delle 60 reliquie restituite in patria. Queste opere d’arte rubate, stimate in oltre 20 milioni di dollari, includono una kylix etrusca, busti in bronzo, vasi antichi e utensili da cucina provenienti da musei come il Metropolitan di New York e il Getty di Los Angeles, che ha acquisito un gruppo in terracotta a grandezza naturale l’anno scorso ha restituito immagini note come Orfeo e le sirene.

Una testa in marmo bianco dell’imperatore romano Settimio Severo rubata nel 1984 da un museo in Campania, nel sud Italia, è stata ritrovata nel giugno 2020, quando doveva essere messa all’asta da Christie’s a New York.

L’Italia aveva già chiesto nel 1997 la restituzione dell’affresco di Ercolano, che rappresenta un giovane Ercole che strangola un serpente. In precedenza si pensava che l’affresco fosse stato rubato da tombaroli, o tombaroli, che per anni hanno fatto fortuna saccheggiando siti archeologici in Italia e rivendendo cimeli ai mercanti d’arte di tutto il mondo. Alcuni dei manufatti che sono stati riportati fino ad oggi sono in mostra nel Museo d’arte salvato a Roma prima di essere rispediti al luogo di origine.

READ  Giro d'Italia | Vedi tutti i risultati, le classifiche e il programma delle tappe qui | Giro
Museo Nazionale Romano, Terme di Diocleziano, Palazzo Massimo alle Terme, Viale Enrico de Nicola, 78, 00185 Roma RM, Italy – https://museonazionaleromano.beniculturali.it/

Offerte di viaggio in questo luogo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *