Janneke e Shonna infrangono il tabù della salute mentale

Janneke e Shonna infrangono il tabù della salute mentale

Janneke Swanenberg (27) ha creato un luogo in cui i giovani condividono le loro storie sulla salute mentale: LA CONVERSAZIONE. Il 25 ottobre organizza T*Agency x THE CONVERSATION 4.0 con Shonna Verijke (30) e altri giovani per rompere il tabù. “Tutti si stanno aprendo”, afferma il fondatore Janneke.

L’apertura è fatta in un modo che si adatta al narratore. Shonna: “Per molte persone è bello parlare di problemi. Penso che sia fantastico che Janneke stia facendo della salute mentale un argomento di discussione. Non funziona per me.

“Io sono a modo mio”

Quando le cose non vanno bene con Shonna, può esprimere le sue emozioni ballando. E non solo allora, si occupa davvero mentre balla. “Quando sono arrabbiato, prenoto un corso di ballo. La danza mi libera. Nel mio trattamento, vado per la mia strada.

“Sentirsi va bene così”

Non rompi il tabù della salute mentale semplicemente parlando. Shonna esegue un bellissimo ballo che mostra durante THE CONVERSATION 4.0. “Eseguo il ballo che ho fatto con altri ballerini. Si sente l’energia dell’altro e quella del pubblico. Mi fa venire la pelle d’oca. C’è un palo con una lampada che può brillare o spegnersi. Con questo intendo dire che sei la tua stessa luce, che rappresenti chi sei e che puoi mostrarti. Il ballo include anche un testo che dice che tutti si sentono giù di tanto in tanto e che va tutto bene. Che tutto ciò che ti spaventa, che lo porti con te e che si vede. Questo è ciò che ti rende quello che sei.

READ  L'estinzione di massa è durata non pochi anni, ma 3 milioni di anni | Tecnologia e scienza

Il testo continua dopo la foto >

Foto: Shonna Verijke

Ram pieno dalla prima volta

Janneke è una di quelle persone che elabora i suoi sentimenti parlandone. “Quattro anni fa, ho iniziato con un video di YouTube molto impulsivo. Ero nel mezzo della mia terapia per la depressione, tra le altre cose. Questo video è stato visto così bene che ero tipo: ok, è quello di cui abbiamo bisogno”. La prima versione di THE CONVERSATION è nata, allora nella sua ex città natale di Den Bosch. L’ariete era pieno la prima volta. Così pieno che la gente doveva stare in piedi. L’attenzione dei media ha seguito, tra gli altri, RTL Nieuws ed edizioni in diverse città, inclusa la sua attuale città natale di Tilburg.

Un sogno diventato realtà

Il 25 ottobre i giovani candidi saranno nella sala decappottabile dello Schouwburg. “Un sogno diventato realtà per Janneke, una bambina di cinque anni. Ero davvero un musicista, quindi ora sono davvero orgoglioso di me stesso”. Ma forse Janneke è ancora più orgogliosa del team con cui lavora e dei giovani che condividono la sua storia. parla di quattro nuove persone e Janneke racconta anche la sua storia : “Stiamo ricevendo molte registrazioni, il che non è normale. Ma dobbiamo il vero affare essere. Se hai intenzione di piangere, va bene”.

Il testo continua dopo la foto >

Foto: Thuur Kurvers

L’edizione più impressionante fino ad oggi?

Le signore si aspettavano che la serata di Tilburg fosse l’edizione più impressionante di sempre. Shonna: “Penso che raggiungerà ancora più persone mentre condividiamo le storie in diverse discipline. Persone che ne hanno altrettanto bisogno, perché non vogliono parlare di sentimenti”. Janneke pensa che tutti dovrebbero stare per conto proprio: “La musica e la danza possono dire più delle parole. Quando parli, hai un muro intorno a te, può fingere più velocemente. E non lo facciamo. Io stesso, mi aspetto di poter davvero arrabbiarmi o ruggire, ma è così che è. “

READ  In arrivo l'eclissi solare totale: non perdere lo spettacolo (anche da casa)

Lascia andare i pregiudizi

LA CONVERSAZIONE non vuole sostituire l’assistenza sanitaria. Ma con la piattaforma, Janneke vuole rompere il tabù. “Le liste di attesa GGZ sono alle stelle. Io stesso ero un caregiver e ho smesso di farlo perché non sempre sono d’accordo con il modo in cui accade. Lavoro meno nell’ambito dell’assistenza sanitaria, ma all’esterno. Rompiamo il tabù e lo calciamo. Ma quando le persone chiedono aiuto, dico che non posso aiutare nessuno. Quello che facciamo è raccontare quante più storie possibili in modo che i pregiudizi scompaiano.

Acquista i biglietti per T*Agency x THE CONVERSATION 4.0 qua.

Leggi anche…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *