La Baviera ora vuole recidere i legami con il produttore di birra russo

La Baviera ora vuole recidere i legami con il produttore di birra russo

Presto sarà possibile non avere la Baviera in Russia. Finora, l’azienda è rimasta attiva in Russia, ma vuole ancora sbarazzarsi della licenza russa.

Foto del profilo di Sven de Laet
Scritto da

Sven de Laet

La stessa Baviera non ha una filiale in Russia. Un birrificio russo produce la birra su licenza, con un estratto fornito dalla Baviera.

Secondo Swinkels Family Brewers, l’azienda che comprende la Baviera, questa costruzione rende difficile rompere qualsiasi legame come questo. “Molti marchi internazionali di birra di tutti i tipi di grandi e piccoli birrifici dall’Europa e dall’America sono in vendita in Russia, spesso anche attraverso la produzione su licenza con uno dei quattro principali attori internazionali in Russia.”, spiega il direttore Peer Swinkels.

Altri produttori di birra come AB InBev e Heineken avevano una filiale in Russia e hanno lasciato il paese.

“Come sappiamo, come birrificio, abbiamo anche un accordo di licenza con un partner locale che possiede birrifici in Russia e Ucraina. Non abbiamo il nostro birrificio locale e nessun dipendente in Russia e quindi non possiamo vendere un birrificio locale.

“Abbiamo costruito il business con loro con fiducia.”

Tuttavia, questo non è l’unico motivo per cui una partenza completa dalla Russia è difficile, afferma Swinkels. “Abbiamo condannato fermamente l’invasione del regime russo in Ucraina fin dal primo momento. Tuttavia, per noi è un grande dilemma come trattare con il nostro partner di licenza perché condividiamo una lunga storia l’uno con l’altro. Abbiamo l’azienda con grande fiducia. Hanno nessun collegamento con il regime russo e non sono nell’elenco delle sanzioni.

Nonostante queste argomentazioni, la Baviera ha ricevuto molte critiche negli ultimi mesi. Il birrificio ha resistito per molto tempo, ma ora l’attività sembra crollare sotto sforzo. “Abbiamo indicato che vogliamo annullare il contratto di licenza. Ne stiamo discutendo tra di noi”.

READ  Frode, errori e "problemi strutturali" nel rilascio dei passaporti olandesi

“Continuiamo ad aderire alla politica sanzionatoria dell’Unione Europea e contribuiamo ad aiutare i rifugiati ucraini e il popolo ucraino attraverso varie donazioni. Siamo stati anche in grado di offrire lavoro ai rifugiati ucraini nella nostra azienda”.

“È anche una questione di obblighi morali”.

Karel Burger Dirven, console onorario dell’Ucraina nei Paesi Bassi, mesi fa ha chiesto il ritiro completo del produttore di birra. “Il governo ucraino ha immediatamente chiesto un boicottaggio completo di tutto ciò che ha a che fare con la Russia. La Baviera ha insistito sul fatto che rispetti la legge olandese. È possibile, ma riguarda anche gli obblighi morali”, ha detto domenica Burger Dirven a CRACK.

Il fatto che la Baviera ora annunci di voler porre fine alla licenza sembra una cauta vittoria per il console. “È un passo positivo. Ma: prima vedi, poi credi”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *