la co-estinzione risulta molto peggiore del previsto

la co-estinzione risulta molto peggiore del previsto

Siamo nel bel mezzo della sesta grande ondata di estinzione negli ultimi 550 milioni di anni. Entro la fine del 21° secolo, circa il 27% di tutte le specie sarà estinto.

Questa oscura profezia deriva da un anticipo nuovo modello di computer, sviluppato da scienziati europei e australiani e calcolato con uno dei supercomputer più potenti d’Europa. La sopravvivenza di gruppi di organismi dipende da un complesso sistema di variabili, tra cui il clima, l’habitat, il cibo e le interazioni con altre specie animali e vegetali. Ad esempio, l’estinzione di una certa specie può portare alla morte in massa di altre specie. Questo fenomeno, in cui può verificarsi un effetto domino di specie estinte, è noto anche come co-estinzione.

Co-estinguente
I ricercatori dell’Università di Helsinki e della Flinders University in Australia hanno eseguito numerose simulazioni della vita sulla Terra, con una varietà di specie virtuali, catene alimentari e 15.000 reti alimentari. Ciò ha dimostrato che il destino di molte specie animali e vegetali è ancora più strettamente legato di quanto previsto. A causa della “estinzione primaria” delle specie dovuta ai cambiamenti climatici e al degrado e alla distruzione della natura e degli habitat, si prevede che circa il 10% di tutte le specie animali e vegetali del pianeta si estinguerà entro il 2050. Entro il 2100, questa percentuale salirà al 27% o più. La triste conclusione è che siamo senza dubbio parte della sesta ondata di estinzione di massa nella storia della vita sulla Terra e la prima estinzione causata dall’uomo. È anche chiaro che la biodiversità globale sta rapidamente diminuendo. Con il loro studio, i ricercatori vogliono principalmente creare consapevolezza e convincere i politici ad agire con nuove politiche.

READ  Il cargo Cygnus ha raggiunto la ISS. Materiali ed esperienze a bordo

Modelli migliori
I due scienziati spiegano che i precedenti modelli dello stato della biodiversità nel 21° secolo erano meno accurati perché non tenevano adeguatamente conto dell’effetto delle co-estinzioni – l’estinzione di specie che dipendono da altre specie recentemente estinte. “Pensa a una specie predatrice che perde la sua preda a causa del cambiamento climatico. La perdita della specie preda è una “estinzione primaria” perché ha ceduto indipendentemente da altre specie a gravi disturbi dell’habitat. Ma se un predatore non ha nulla da mangiare, si estinguerà anche lui “, spiega il professor Corey Bradshaw.

“Anche i parassiti possono essere il problema, poiché perdono il loro ospite a causa della deforestazione, ad esempio, o immaginano che una pianta in fiore non possa più fare affidamento sui suoi impollinatori perché fa troppo caldo. Gli insetti sono morti a causa del riscaldamento globale e la pianta è vittima della co-estinzione. Cosa succede all’erbivoro che ha tratto i suoi nutrienti da questa pianta? Ogni specie è in qualche modo dipendente dall’altra”, dice.

Cascata
Fino ad ora, questo cosiddetto effetto a cascata era molto difficile da includere nelle previsioni future, ma il nuovo modello dimostra che le co-estinzioni incidono pesantemente sulla biodiversità. “Abbiamo progettato un mondo virtuale e siamo stati in grado di fare molte simulazioni grazie alla potenza di calcolo senza precedenti dei supercomputer. In questo modo, siamo stati in grado di mappare il destino di migliaia di specie in tutto il mondo e determinare la probabilità e l’effetto dei punti critici nel mondo reale”, afferma il ricercatore Giovanni Strona. “Abbiamo programmato tre scenari principali per il clima fino al 2050 e al 2100. Mostrano che ci saranno fino al 34% in più di estinzioni nel 2100, perché ora si tiene conto anche dell’effetto delle reti alimentari e della co-estinzione.

READ  Guarda il video di questo spettacolare paesaggio alieno ripreso dalla cometa 67P

In una vita
Bradshaw aggiunge: “Questo studio è unico perché tiene conto anche dell’effetto secondario sulla biodiversità. I bambini di oggi assisteranno alla scomparsa di migliaia e migliaia di specie animali e vegetali nei prossimi 70 anni, dalle minuscole orchidee e i più piccoli insetti agli animali iconici come l’elefante e il koala… tutto in una vita”, teme il professore. .

Fino ad ora, abbiamo sottovalutato il vero impatto del cambiamento climatico e della distruzione degli habitat sulla diversità della vita sulla Terra. Se noi come umanità non cambiamo il nostro corso climatico in modo rapido e drastico, rischiamo di perdere gran parte di ciò che sostiene la vita sul nostro pianeta per sempre, avverte Bradshaw.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *