La cometa Leonard, un enigma irrisolto per gli scienziati

La cometa Leonard ha fornito lo spettacolo cosmico più interessante e allo stesso tempo più misterioso di questa fase finale del 2021, confermando le poche informazioni su corpi celesti di questo tipo. Qualche giorno fa vi abbiamo mostrato le foto più belle e prima vi abbiamo parlato dello strano comportamento che mostrava quando si avvicinava al Sole.

L’aumento previsto della luminosità non si stava materializzando, un comportamento anomalo che aveva portato gli scienziati a credere che Leonard potesse essere vicino alla fine del suo ciclo di vita e sull’orlo della disintegrazione. La luminosità di Leonardo stava aumentando, ma meno del previsto rispetto alla vicinanza del Sole. Questa anomalia aveva creato divisione e incertezza tra gli scienziati, che per i giorni successivi frugò nel buio per cercare di spiegare il fenomeno. .

Eppure nessuno scienziato era stato in grado di individuare con esattezza quando e come si sarebbe verificato l’evento distruttivo, e nel complesso non saremo nemmeno in grado di farlo poiché Leonard è stato ancora una volta in grado di stupire gli astronomi di tutto il mondo. .

La cometa Leonard ha raggiunto la sua massima vicinanza alla Terra il 12 dicembre 2021 e ha offerto diverse opportunità di osservazione nei giorni precedenti e successivi, ma qualcosa è cambiato durante il suo viaggio. La tendenza allo sbiadimento si è invertita senza preavviso dopo alcuni fulmini inaspettati nei giorni che hanno preceduto il massimo avvicinamento del Sole il 3 gennaio 2022, e quella che fino ad allora era considerata una cometa diretta verso la fine è cambiata. uno spettacolare corpo celeste con due code attorcigliate, risultato dell’influenza del vento solare.

READ  Coronavirus, i dati - Meno di mille contagi in 24 ore con quasi 80.000 tamponi: tasso di positivi stabile all'1,1%. 36 altre vittime

Le comete hanno sempre due code, spesso indistinguibili, una delle quali è polvere e l’altra è ioni. Queste sono essenzialmente particelle cariche e come tali sono sensibili all’attività solare. La modélisation de la queue ionique (visible dans l’image d’en-tête) et l’augmentation soudaine de la luminosité ont surpris les chercheurs et les amateurs, dommage qu’il n’y ait pas encore beaucoup de temps pour l’ studiare.

Sappiamo per certo che questo passaggio sarà l’ultimo perché la sua traiettoria lo porterà a lasciare il sistema solare e ad affrontare lo spazio interstellare, quindi tra un anno Leonardo sarà tanto lontano dal Sole quanto il pianeta Giove e sarà sempre meno visibile anche per i nostri potenti mezzi.

Credito immagine intestazione: James Yu

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *