La consegna dei pacchi PostNL poco colpita dallo sciopero dei camionisti |  Economia

La consegna dei pacchi PostNL poco colpita dallo sciopero dei camionisti | Economia

Lo sciopero dei camionisti di PostNL non ha praticamente conseguenze per la consegna dei pacchi. Attualmente, 20 degli 850 autisti totali hanno smesso di funzionare. “Questo ha un impatto molto limitato sulla consegna”, ha detto un portavoce della compagnia postale.

Le azioni sono organizzate dalla FNV e durano fino a sabato mattina. PostNL stabilisce le condizioni per gli scioperi, a seguito dei quali non più del 25% dei camionisti può smettere di lavorare. Il gruppo applica queste condizioni per garantire la consegna della posta essenziale, come le spedizioni mediche e le carte funebri.

La FNV non è coinvolta nel nuovo contratto collettivo di lavoro per i diciottomila dipendenti di PostNL ei duecento fattorini del sabato. L’azienda postale ha raggiunto un accordo di massima con i sindacati CNV e BVPP su un nuovo contratto collettivo di lavoro della durata di due anni.

I dipendenti, compresi i corrieri, i camionisti, gli smistatori della posta e il personale d’ufficio, riceveranno un aumento salariale del 9,5% da aprile. A febbraio verrà aggiunto un pagamento una tantum dell’1,5% dello stipendio annuo. Le nuove condizioni di lavoro non si applicano ai sedicimila corrieri postali. Hanno il loro contratto collettivo.

I camionisti sono ora in sciopero perché vogliono che i loro salari aumentino alla stessa velocità dei prezzi. Inoltre, i salari per i giovani dovrebbero essere aboliti e il salario minimo a 14 euro l’ora, secondo la FNV.

READ  "Così ho trasformato la mia Prinz in un'auto a zero emissioni" - Corriere.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *