La cura dei giovani resta “al limite”: dove sono i limiti della cura?

“L’idea alla base del trasferimento era che potessimo avvicinare l’assistenza alle persone e che avremmo aiutato non solo i bambini, ma anche i genitori. In questo modo avremmo potuto concentrare l’assistenza sul vicinato e i problemi potrebbero essere rilevati prima. Questo è ciò che dobbiamo fare. “Non voglio tornare indietro, ma il sostegno ai giovani deve essere riformato”, afferma l’Assessore di Amsterdam Simone Kukenheim in WNL Haagse Lobby su NPO Radio 1. Le liste d’attesa si stanno allungando e sempre più giovani hanno bisogno aiuto.

Cultura

Secondo Jet Bussemaker, presidente del Council for Public Health and Society, quest’ultimo ha molto a che fare anche con la “cultura”. “La cura dei giovani espone problemi di cura. Le famiglie che hanno a che fare con la cura dei giovani spesso hanno molto più a che fare con l’abuso di sostanze o problemi di denaro, ad esempio. Servono più che buone intenzioni”.

René Peters, deputato a nome del CDA, desidera approfondire l’aspetto “cultura”. “Abbiamo iniziato a trovare più cose ‘cattive’. Il numero di giovani che hanno a che fare con l’assistenza all’infanzia è in aumento, ma la domanda è se ci sarà ancora abbastanza manodopera per aiutare casi davvero gravi”. Peters è quindi felice di aprire una conversazione con i comuni e il governo nazionale per discutere ulteriormente i limiti degli aiuti.

READ  Marte, habitat sostenibili grazie alla chitina

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *