“La febbre è un problema molto più piccolo di quanto di solito supponiamo”

La nostra temperatura corporea è solitamente compresa tra 36,5 e 37,5 gradi Celsius. Sopra è indicato come alta temperatura. Da 38,5 gradi Celsius, hai la febbre.

Perché la nostra temperatura corporea aumenta quando abbiamo “l’influenza”?

Steven Callens: ‘La febbre è la reazione naturale e protettiva del corpo a un’infezione. L’aumento della temperatura stimola il sistema immunitario. Virus e batteri possono anche sopravvivere meno bene con la febbre che con la normale temperatura corporea. La febbre ha quindi uno scopo ed è un problema molto più piccolo di quanto di solito supponiamo.

“Una febbre lieve quindi non ha bisogno di essere curata, il nostro corpo può gestirla. Una febbre molto alta, quindi parlo di 40 gradi e oltre, può essere pericolosa. Questa febbre va combattuta, ma sopra i 40 gradi si sta anche talmente male che bisogna comunque essere ricoverati.

Come si manifesta la febbre?

“La febbre è causata dalle citochine, piccole sostanze che il sistema immunitario invia. La febbre può essere locale o diffusa in tutto il corpo. Alcune citochine vanno al cervello, dove alzano un po’ il termostato del nostro corpo.

Cosa succede al nostro corpo quando prendiamo un raffreddore o un’influenza?

Steven Callens: ‘I microrganismi che sono nell’ambiente, che possono essere nell’aria, sugli oggetti, su altre persone o anche sugli animali, invadono il nostro corpo. In inverno, ad esempio, spesso sono i virus che entrano nelle nostre vie respiratorie e finiscono per provocare un raffreddore.

“I batteri o i virus hanno tattiche diverse per lasciarsi assorbire dal nostro corpo. Cercano un recettore su una cellula, ad esempio su una cellula polmonare, a cui legarsi. Altri batteri poi si lasciano mangiare dai globuli bianchi e invadono così il nostro corpo.

READ  25 fatti sorprendenti sul cuore - Wel.nl

“Per essere chiari: il nostro corpo è ancora abitato da milioni di batteri, che non possono farci del male e ci fanno anche bene. I microrganismi che vivono sopra e dentro di noi ci aiutano a rimanere in salute. Ci ammaliamo solo quando l’equilibrio tra batteri buoni e patogeni viene disturbato. Il rischio che ciò accada è maggiore nelle persone con un sistema immunitario indebolito.

“Non appena il nostro corpo rileva gli intrusi, il sistema immunitario entra in azione. Questo in realtà è ancora attivo, ma ora produrrà più sostanze immunitarie. Conosciamo tutti i globuli bianchi, i nostri ‘soldati’ contro gli agenti patogeni. Tutto proprio come fa un soldato specializzati, così come i globuli bianchi. Ci sono cellule che producono le cosiddette sostanze citotossiche, sostanze in grado di uccidere gli intrusi. Altre cellule ripuliscono i resti degli invasori, altre ancora perforano batteri e virus per indebolirli. molte tecniche di difesa.

Quanto spesso accade?

‘Molto spesso. Ci sono migliaia di microrganismi nel mondo che possono farci ammalare. In effetti, siamo costantemente impegnati in una corsa agli armamenti con i microrganismi. Il nostro sistema immunitario deve spegnere un piccolo incendio da qualche parte più volte al giorno. Funziona bene per la maggior parte delle infezioni. Non ce ne accorgiamo nemmeno. A volte le cose vanno fuori controllo, ad esempio quando il sistema immunitario è indebolito. La gravità dell’incendio dipende anche dal microrganismo, se si tratta di un animale molto attivo il rischio che ci ammaliamo è maggiore. Questo è anche il caso quando si tratta di un tipo di microrganismo completamente nuovo, basti pensare al coronavirus SARS-CoV-2. Quindi il nostro corpo deve ancora imparare come affrontare l’intruso.

READ  Covid, la rara variante spaventa la Francia: quello che sappiamo

A cosa servono i virus e i batteri che ci infettano?

‘Sopravvivenza. I microrganismi vogliono trasmettere i loro geni alle generazioni successive. Ogni essere vivente sceglie una nicchia per sopravvivere e riprodursi. Quindi un batterio o un virus non vuole necessariamente farci ammalare, siamo solo un mezzo per preservare la specie.

Di solito è sufficiente per sbarazzarsi di un’infezione virale, un ciclo di antibiotici può essere utile contro un’infezione batterica. Come fa un medico a distinguere tra un’infezione virale e batterica?

“Come medico presti attenzione ai sintomi, ma sono abbastanza simili per l’infezione batterica e virale. Non possiamo quindi mai dire con certezza se all’origine dell’infezione ci sia un batterio o un virus. Se vuoi sapere la differenza, dovresti testare tutti gli infetti in un laboratorio. Non è possibile: è molto costoso e praticamente irrealizzabile. Il risultato indicherebbe anche un’infezione piuttosto innocua nel 99,9% dei casi.

“Come medico, quindi, devi fare una valutazione. Vent’anni fa, se andavi dal dottore con il naso che cola, ti venivano spesso prescritti degli antibiotici. Ora sappiamo che la maggior parte delle infezioni, come l’influenza o il comune raffreddore, sono infezioni virali. Quindi gli antibiotici sono inutili. Al contrario, sconvolgono l’equilibrio batterico nel nostro organismo e l’uso improprio di antibiotici aumenta il rischio che i veri batteri patogeni sviluppino resistenza agli antibiotici. Quindi la decisione per una visita dal dottore sarà solitamente: rilassati! »

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *