La foresta ricca di specie ha una maggiore mortalità degli alberelli

La foresta ricca di specie ha una maggiore mortalità degli alberelli

Una foresta diversificata è una foresta sana, si dice spesso: meno suscettibile alle malattie e ai cambiamenti climatici. Tuttavia, in una foresta con molte specie arboree diverse, il tasso di mortalità degli alberi è talvolta fino a sette volte superiore rispetto a una foresta omogenea, I ricercatori canadesi scrivono in una rivista scientifica questa settimana PNAS† I giovani alberi in particolare muoiono rapidamente in una tale foresta.

Le piantagioni forestali sono state ampiamente utilizzate negli ultimi anni come un modo per compensare la CO2emissioni. Gli alberi assorbono l’anidride carbonica dall’aria e la convertono in ossigeno e zuccheri attraverso la fotosintesi. Di solito, queste piantagioni prediligono foreste multispecie, in contrasto con le monotone “foreste di produzione” che erano popolari in passato. Questa diversità può aumentare la resistenza ai parassiti e fornire una migliore possibilità di sopravvivenza in tempi di siccità.

alberi morti

Ma finora, secondo i biologi, sono state fatte poche ricerche sulla morte degli alberi in foreste così diverse. PNAS† E ce n’è bisogno, perché questa mortalità influenza anche la CO2-ammissione. Un albero morto non si fotosintetizza più e rilascia invece anidride carbonica durante il processo di decomposizione. Per comprendere meglio questa mortalità, i ricercatori hanno studiato i dati sulla mortalità degli alberi da 29.172 appezzamenti forestali negli Stati Uniti e in Canada. Ciò riguardava specificamente la mortalità naturale, cioè gli appezzamenti protetti dal disboscamento.

Pertanto, hanno scoperto che la mortalità degli alberi aumentava all’aumentare del numero di specie diverse in un appezzamento. Nelle regioni temperate, il tasso di mortalità annuale nelle foreste più diverse era di circa il 4 per cento all’anno, mentre nelle foreste omogenee era dello 0,6 per cento. Nelle foreste settentrionali, la differenza era minore ma comunque significativa, con l’1,8% di mortalità nelle foreste ricche di specie contro l’1,1% di mortalità nelle foreste di piantagioni monotone.

READ  qualcosa si sta muovendo, ma deve andare più veloce

prendere il sole

Sia nelle foreste temperate che in quelle boreali, la dimensione relativa degli alberi influenzava principalmente la mortalità: gli alberi piccoli avevano meno possibilità di sopravvivenza di quelli grandi. Ciò è probabilmente dovuto al fatto che gli esemplari più grandi prendono il sole a spese di quelli più piccoli e rivendicano anche più facilmente i nutrienti del suolo.

Normalmente, la competizione tra alberi della stessa specie è maggiore che tra specie arboree diverse, scrivono gli autori, perché i membri della stessa specie hanno gli stessi bisogni e possono quindi competere per i nutrienti. Una grande diversità può far sì che gli alberi siano relativamente vicini tra loro: proprio perché hanno esigenze diverse, inizialmente non si intralciano a vicenda. In questo modo, un’elevata diversità può inizialmente aumentare la produttività di una foresta e quindi fornire CO aggiuntiva2Conservazione. A lungo termine, tuttavia, la quantità di alberi può superare la capacità di carico di un appezzamento, scrivono i ricercatori, e questo aumenta la mortalità. A causa di questa elevata produttività iniziale, piantare varie foreste rimane interessante, secondo i ricercatori. E se gli alberi morti rimangono, alla fine possono contribuire a un ecosistema ancora più diversificato, perché il legno morto, ad esempio, attira anche insetti e funghi che vivono sul legno morto.

Leggi anche: Un “buco nel bosco” e il ritorno del pino silvestre

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *