Il 14 luglio 2015, la navicella spaziale New Horizons è arrivata sul pianeta nano Plutone. Per la prima volta abbiamo potuto vedere le immagini di questo mondo misterioso e congelato. Space Photo of the Week ha catturato New Horizons quindici minuti dopo il suo avvicinamento più vicino ed è, a nostro avviso, una delle migliori immagini di Plutone mai scattate.

La foto mostra ogni sorta di cose: ghiacciai, alte cime montuose, macchie di nebbia e distese di ghiaccio. Sulla destra è visibile la calotta glaciale più famosa. Questo è lo Sputnik Planum, anche noto come il cuore di Plutone† Lo Sputnik Planum non ha più di dieci milioni di anni ed è ricoperto di ghiaccio di azoto. È ancora un mistero come la superficie di questa parte di Plutone si rinnovi regolarmente. Il ghiaccio sale dal basso e sostituisce il ghiaccio vecchio? O c’è il vulcanismo del ghiaccio, che di tanto in tanto scioglie il ghiaccio? Gli astronomi non sono ancora sicuri.

Clicca sulla foto per vederla in alta risoluzione.

Diverse montagne sono visibili sulla sinistra. Questa zona è chiamata Tenzing Montes. Queste sono le vette più alte del lontano pianeta nano. Le ripide vette di ghiaccio hanno pendenze di quaranta gradi o anche più. La vetta più alta è alta circa sei chilometri, paragonabile al Kilimangiaro in Kenya. Le montagne di Plutone sono probabilmente fatte di ghiaccio d’acqua. Il metano e il ghiaccio di azoto non sono possibili, perché le montagne crolleranno.

Sopra vedete un dettaglio della foto più grande. In primo piano si possono vedere le montagne di Tenzing Montes, mentre un po’ più indietro si possono vedere le cime di Hillary Montes. Prendendo il nome dall’esploratore Sir Edmund Hillary, queste montagne si ergono a circa 3,5 chilometri sopra la superficie di Plutone. In altezza, le montagne sono paragonabili al Monte Fuji (Giappone). L’area in questa foto ha un diametro di 380 chilometri.

READ  Covid, professore di infermieristica: "Ecco perché non mi vaccinerò"

Nello spazio interstellare
Dopo il sorvolo di Plutone e Caronte, New Horizons si è recata ad Arrokoth (meglio conosciuta come Ultima Thule). Questo oggetto della cintura di Kuiper è stato fotografato dalla navicella spaziale il 1 gennaio 2019† Al momento, New Horizons prosegue a una velocità di quasi 53.000 chilometri orari. Ciò rende New Horizons non la sonda spaziale più veloce a lasciare il nostro sistema solare, poiché la Voyager 1 detiene saldamente quel record (61.146 chilometri orari). Il Voyager 1 ha avuto in passato un potente pendolo gravitazionale proveniente dai pianeti maggiori Giove e Saturno.

L’ordine del giorno? Ancora abbastanza vuoto!
New Horizons non dovrebbe visitare altri oggetti della cintura di Kuiper. Non c’è abbastanza carburante per viaggiare verso un oggetto noto. Ma… chissà, forse negli anni a venire si scoprirà un misterioso mondo lontano che è ‘in arrivo’. In questo caso, New Horizons potrebbe essere utilizzato per scattare foto. Stiamo aspettando in sospeso.

Negli ultimi decenni, telescopi e satelliti spaziali hanno catturato bellissime immagini di nebulose, galassie, vivai stellari e pianeti. Ogni fine settimana eliminiamo dagli archivi una o più foto spaziali impressionanti. Ti piacciono tutte le foto? Controllali su questa pagina