La maggioranza teme che il sostegno al potere d’acquisto finirà nel 2023, ma il governo si è impegnato a eliminarlo gradualmente

La maggioranza teme che il sostegno al potere d’acquisto finirà nel 2023, ma il governo si è impegnato a eliminarlo gradualmente

Il governo ha cercato di attenuare il più possibile il dolore dell’anno di crisi 2022 con miliardi di dollari in aiuti ai cittadini, ma dice che non ce la fa più. Le persone nel paese, specialmente quelle con un budget limitato, se ne preoccupano.

La maggioranza (61%) è preoccupata per la fine del sostegno governativo a lungo termine. Questo è secondo una ricerca condotta da EenVandaag con oltre 28.000 membri del gruppo di opinione.

Il governo sta gradualmente eliminando il supporto

Anche se per il momento la vita rimane più costosa per gli abitanti del paese, il ministro delle finanze Sigrid Kaag sta emettendo un avviso di profitto sugli aiuti del governo.

Per evitare tagli severi, il gabinetto dovrà fare scelte difficili il prossimo anno, ha detto a EenVandaag. Secondo lei, i nuovi pacchetti di sostegno non sono facili da pagare e possono persino danneggiare l’economia: “L’elenco a discesa è molto importante”.

Il primo ministro Mark Rutte, il ministro Sigrid Kaag (Finanze) e il ministro Carola Schouten (Politica sulla povertà) rispondono allo studio del panel.

‘Taglio a un altro inverno’

La prospettiva che il governo alla fine smetta di risarcire è particolarmente preoccupante per le persone che non riescono a sbarcare il lunario. Non meno dell’87% di loro teme questo momento. C’è anche una grande preoccupazione tra le persone che salvano la rete finanziaria: 76%.

Timori per la fine degli aiuti di Stato

Solo le persone che riescono a sbarcare il lunario ragionevolmente o bene capiranno se il sostegno del governo finirà nel 2023. C’è molta incomprensione tra le persone con portafogli stretti: “Non ho davvero bisogno di pensarci”, ha detto qualcuno. “Anche con l’aiuto del governo, ho già dovuto attingere ai miei risparmi. Un altro inverno come questo e affonderò”.

READ  In Onda, "tragedia della sinistra". Alessandro Sallusti spara la bomba sulla vicenda Mps, nasce lo studio radicale - Il Tempo

Pessimismo per il prossimo anno

Gli intervistati sono tutt’altro che ottimisti per l’anno a venire. Le persone sono ancora moderatamente positive riguardo alla loro situazione personale, ma solo il 16% pensa che il 2023 sarà un buon anno per i Paesi Bassi.

Colpisce ancora una volta il netto contrasto tra le persone che affermano di averne abbastanza e le persone che hanno difficoltà finanziarie. La maggior parte di tutti i gruppi è pessimista riguardo ai Paesi Bassi, ma pensa in modo fondamentalmente diverso sulla propria situazione. L’82% delle persone che non riescono a sbarcare il lunario ha aspettative positive, rispetto a solo il 17% delle persone che non riescono a sbarcare il lunario.

Cattivo presagio per il futuro

Il primo ministro Mark Rutte sospetta che gli olandesi subiranno ancora le conseguenze dell’aumento dei prezzi per il momento. “I numeri dei calcolatori indicano che rimarranno con noi per un po’ di tempo”, ha detto a EenVandaag.

Un ampio gruppo di intervistati ritiene inoltre che l’attuale colpo al potere d’acquisto sia di cattivo auspicio per il futuro. Tre quarti (77%) ritengono che il tenore di vita nei Paesi Bassi sarà permanentemente inferiore negli anni a venire.

guarda anche

Abituati a meno prosperità

“Siamo stati molto fortunati a essere nati olandesi, ma ora incontriamo limiti su tutti i lati”, afferma un membro del panel. Tuttavia, la maggioranza (58%) si ritiene in grado di abituarsi a un tenore di vita inferiore.

Ma per alcune persone, la svolta arriva in un momento imbarazzante, come questo relatore: “Non so dove potrei tagliare di più. A causa della morte di mio marito, il mio reddito si è più che dimezzato, i costi fissi continuano a salire. .”

Informazione

READ  Il mercato della moda Vinted fatica a rimborsare i clienti

A proposito di questa ricercaIl sondaggio si è svolto dal 13 al 29 dicembre 2022. Al sondaggio hanno preso parte 28.353 membri del panel di opinione di EenVandaag. Dopo la ponderazione, la ricerca è rappresentativa di 6 variabili, ovvero: età, sesso, istruzione, stato civile, distribuzione sul territorio nazionale e preferenza politica misurata in base alle elezioni legislative del 2021. Il Panel di opinione è composto da oltre 80.000 membri.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *