La materia oscura può infatti essere costituita da buchi neri primordiali.

Fisici, astrofisici e scienziati di tutto il mondo stanno cercando i famigerati “materia nera“, ma inutilmente. Il mistero dietro questa misteriosa” sostanza “potrebbe essere risolto quando si trovano i cosiddetti “buchi neri primordiali”.

La scoperta di un tale oggetto ha il potenziale per colmare diverse lacune nella nostra conoscenza su un’intera gamma di fenomeni, dalla natura della materia oscura alla distribuzione di elementi pesanti nello spazio. Cosa sono questi buchi neri primordiali? Un ipotetico buco nero che non è stato formato dal collasso gravitazionale di una stella ma dall’estrema densità di materia presente durante l’espansione iniziale dell’universo.

Secondo i calcoli e le simulazioni degli autori dello studio, potrebbe ragionevolmente avere un periodo di rapida inflazione ha creato buchi neri primordiali di una gamma di masse diverse. Vale anche la pena notare che alcuni di questi sarebbero ciò che i fisici si aspetterebbero dalla materia oscura.

L’anno scorso, i ricercatori hanno utilizzato l’Hyper Suprime-Cam del telescopio Subaru per raccogliere quasi 200 istantanee della galassia di Andromeda nell’arco di sette ore, cercando la presenza di questi buchi neri. L’esperimento non ha trovato nulla di particolarmente eclatante. Tuttavia, grazie al nuovo modello di scienziati, i ricercatori dicono che aspettare più a lungo, circa 88 ore, potresti trovare qualcosa … o escludere definitivamente questa opzione.

Insomma, una scoperta che potrebbe essere davvero rivoluzionaria. Devi solo aspettare i risultati. Lo studio in questione è stato pubblicato nel Lettere per esami fisici.

READ  Che ruolo giocano le scuole nelle infezioni? Ecco il caso della Valle d'Aosta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *