La NASA condivide lo strano suono di un buco nero su Twitter |  Scienza

La NASA condivide lo strano suono di un buco nero su Twitter | Scienza

Negli ultimi mesi non ci sono state presentate solo nuove foto di un buco nero, ma anche un frammento sonoro. Come può suonare un tale buco nero nello spazio? Spaventoso da sentire.

“L’idea sbagliata che non ci sia suono nello spazio deriva dal fatto che lo spazio è generalmente un vuoto, attraverso il quale le onde sonore non possono viaggiare”, ha twittato domenica la NASA. “Ma un ammasso di galassie contiene così tanto gas che abbiamo effettivamente captato il suono. In questo caso, viene amplificato e mescolato con altri dati per sentire un buco nero.

Il suono del buco nero è piuttosto spettrale. Proviene da vere onde sonore provenienti dall’enorme buco nero al centro dell’ammasso di galassie di Perseo, situato a più di 200 milioni di anni luce di distanza. La NASA ha modificato il suono in modo che le orecchie umane possano sentirlo. Il suono è stato mixato con “altri dati” e amplificato.

Il Chandra X-ray Observatory della NASA ha rilasciato la clip audio a maggio durante la Black Hole Week. Ora l’agenzia spaziale lo ha inviato nel mondo tramite Twitter e ha ricevuto subito molte reazioni. Molti netizen hanno riferito che il buco nero suonava esattamente come si aspettavano: spaventoso. “In qualche modo sapevi che un buco nero sarebbe apparso come fantasmi terrificanti invece che dolci onde dell’oceano”, ha twittato Asher Honickman. “Se alzi il suono del buco nero, sembra che centinaia di anime torturate trascinate sotto un lago di fuoco”, ha twittato un altro. Qualcuno sembrava anche riconoscere “Echoes” dei Pink Floyd e un altro amante della musica ha scherzato dicendo che si trattava di un nuovo lavoro dell’islandese Björk.

READ  Virologo tedesco: "Il nuovo Covid-19 arriva dal nord Italia"

Cos’è un buco nero?

Un buco nero è essenzialmente ciò che resta dopo l’esplosione di una stella, una stella più massiccia del sole. Durante una tale esplosione, la stella produce per breve tempo tanta luce quanta l’intera galassia a cui appartiene. E poi diventare nero per sempre. Questo è il motivo per cui i buchi neri erano chiamati “stelle congelate” prima del 1964. Inoltre, il nucleo dell’esplosione diventa così compatto che si forma un buco nero. Perché nulla può sfuggire ai buchi neri – solo alcuni possono caderci dentro – col tempo si ingrandiscono.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *