La navicella spaziale della NASA si schianterà contro un asteroide

La navicella spaziale della NASA si schianterà contro un asteroide

L’esperimento della NASA si chiama Double Asteroid Redirection Test, abbreviazione di DARDO. L’astronave ha le dimensioni di un’auto. È stato lanciato lo scorso novembre. Ora sta volando verso la sua destinazione finale, la roccia Didymos larga 780 metri e la sua luna Dimorphos larga 160 metri, a 11 milioni di chilometri dalla Terra.

Durante la notte dal lunedì al martedì, intorno all’01:14 ora olandese, il DART colpisce Dimorphos a una velocità di circa 6 chilometri al secondo. L’intenzione è che la luna venga spinta in un’orbita leggermente più corta attorno a Didymos.

Questo non ha altre conseguenze per le rocce, si tratta di scoprire quale sia l’effetto di un tale impatto. Nell’ottobre 2024, una sonda dell’Agenzia spaziale europea soprannominata ESA Era per vedere esattamente cosa è successo.

Comete e asteroidi

Miliardi di comete e asteroidi come Didymos e Dimorphos ruotano attorno al sole. Diverse decine di migliaia di loro potrebbero un giorno rappresentare una minaccia per la Terra, anche se non abbiamo nulla da temere da loro almeno per i prossimi cento anni.

Se mai un grosso masso si stesse dirigendo verso la Terra, una piccola spinta potrebbe essere sufficiente per guidarlo oltre la Terra ed evitare la distruzione.

Difendi la Terra

“Si tratta davvero di difendere la terra. Finora siamo sempre stati molto fortunati. Ora stiamo anche mappando quali sono gli asteroidi pericolosi. Di conseguenza, ci sono anche sempre più allarmi per gli asteroidi. Poi vediamo, ad esempio, che c’è una probabilità su 1000 che colpisca la terra”, ha affermato Michel van Pelt dell’ESA. recentemente in EditieNL. “Ma sono state fatte poche ricerche su cosa possiamo fare esattamente se succede qualcosa del genere. Vorremmo vedere se anche i modelli che abbiamo sono corretti”.

READ  È morto il genetista Jean-Jacques Cassiman | Il giornale

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *