La nuova leader non si chiama Carola Schouten

La nuova leader non si chiama Carola Schouten

Ormai tutti avranno capito che Gert-Jan Segers lascia la guida politica di ChristenUnie e questo mese lascerà la Camera dei Rappresentanti. Non puoi aprire un sito di notizie o accendere la radio senza essere sopraffatto dalla reazione alla partenza di Segers. Gli attuali ministri (Rutte, Kaag, Hoekstra) e gli ex deputati (Pechtold, Voordewind, Buma) si scontrano con testi elogiativi sulla testa dell’UC. Nessuno gli rimprovera di essersi ritirato dopo più di dieci anni (di cui sette da presidente del partito), quando è solo a metà del suo terzo mandato. Segers è uno dei pochi che, durante la sua vita, sa già come se ne parlerà dopo la loro morte. Nel caso di Segers, è un pensiero rassicurante.

Il nuovo leader del partito è Mirjam Bikker, membro della Camera dei Rappresentanti da meno di due anni. Motociclista? È un errore? Non dovrebbe essere Carola Schouten, numero 2 della lista elettorale ed eletta con oltre 47.000 voti di preferenza? Nel 2011 arriva per la prima volta alla Camera dei Rappresentanti con portafogli pesanti come finanza, affari economici, affari sociali e pensioni.

Apparentemente a ChristenUnie è piaciuto così tanto che sei anni dopo è stata nominata vice primo ministro e ministro dell’agricoltura nel gabinetto Rutte-3. Non è stato facile. In qualità di ministro, ha affrontato forti proteste da parte di agricoltori, pescatori arrabbiati per il divieto dell’UE sulla pesca del legume e dell’intero settore agricolo per il divieto dell’azoto. Ciò è entrato in vigore dopo che il piano d’azione del suo predecessore Henk Bleker è stato dichiarato illegale.

Come ministro per la politica della povertà, la partecipazione e le pensioni a Rutte-4, è molto più apprezzata. Ha pilotato la nuova legge sulle pensioni attraverso la Camera alla fine dell’anno scorso ed è tenuta in grande considerazione dai suoi funzionari per il suo coinvolgimento, interazione, conoscenza ed etica del lavoro. Con la sua esperienza come vice primo ministro, ministro e co-negoziatore in due formazioni, è il sostituto ideale di Segers. Il suo ministero non dovrebbe ostacolare la leadership del suo partito. Anche i leader degli altri tre partiti della coalizione (Rutte, Kaag e Hoekstra) sono tutti nel governo e questo non ha (finora) portato attriti con il proprio partito. Eppure, Carola Schouten non ci riuscirà. Ed è un peccato.

READ  Ema valuta i casi di sindrome di Guillain-Barré dopo la somministrazione del vaccino AstraZeneca

Non è che la ChristenUnie non la voglia. Ha più senso che Schouten abbia indicato di non essere disponibile per la posizione. Ha ripetutamente accennato al fatto che questo era il suo ultimo periodo in politica, che dopo dodici anni era pronta per qualcosa di completamente diverso. Comprensibile, ma sfortunato. Sia per l’Unione Cristiana che per la politica in generale. Schouten appartiene al gruppo sempre più ristretto di politici che prendono sul serio la loro professione e sono spinti dall’ambizione di far progredire questo Paese e di rendere più piacevole la vita dei cittadini: migliore istruzione, più prosperità, meno povertà, più coesione sociale.

Ma perderemo Schouten in futuro, motivo per cui Mirjam Bikker viene messo sullo scudo e succede a Segers come presidente e leader del partito. Nessuna consultazione dei membri, nessuna nomina di candidati, nessuna libera elezione. Alla ChristenUnie, il leader è sempre nominato dall’alto e i membri devono occuparsene. Potrebbe non essere molto democratico, ma le esperienze di VVD, CDA, PvdA, GroenLinks mostrano che neanche le libere elezioni vanno sempre bene.

Al CDA, il ristretto Hugo de Jonge ha rinunciato alla sua candidatura. Non il numero 2 (Omtzigt) ma il primo non disponibile Hoekstra divenne leader del partito. Nel VVD, Rutte ha preso il potere solo quando Rita Verdonk è stata licenziata. E Edith Schippers, Halbe Zijlstra e Klaas Dijkhoff sono morti prematuramente come principi ereditari. Nel PvdA, l’elezione della leadership è diventata una lotta senza precedenti tra Diederik Samsom e Lodewijk Asscher, che ha causato molti danni al partito.

A prima vista, la ChristenUnie non se la cava troppo male con Bikker. Il suo curriculum è impressionante, inclusa la presidenza di fazione al Senato, la sua profonda conoscenza della questione e la sua abilità come oratore. Resta tutto da vedere, ma il cambio di direzione alla ChristenUnie probabilmente andrà liscio. La festa ha la qualità di scoprire talenti e di prepararli per tempo alla grande opera.

READ  Chiara Ferragni liquida i soci: regala solo 50 euro alla sorella

Non è dato a grandi feste. Il VVD cerca da dodici anni un successore di Rutte. Il CDA non ha nessuno ai blocchi di partenza, che Hoekstra, volontariamente o meno, si arrenda. D66 inoltre non ha un chiaro successore per Sigrid Kaag. E questo vale anche per PvdA, GroenLinks, SP, PVV e Forum for Democracy.

La ChristenUnie quindi non se la passa così male.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *