La nuova legge sul benessere degli animali rende impunita la bestialità in Spagna?

La nuova legge sul benessere degli animali rende impunita la bestialità in Spagna?

In Spagna è in corso una discussione sulla nuova legge sul benessere degli animali recentemente approvata e su alcune descrizioni nel testo. Sta scritto che l’abuso sessuale degli animali, in altre parole la bestialità, può rimanere impunito in Spagna a causa del nuovo testo. Ma queste affermazioni sono corrette e il sesso animale improvvisamente non è più un reato penale?

La bestialità, nota anche come zoosessualità o sesso animale, è una preferenza sessuale in cui le persone compiono atti sessuali con animali. Questo è generalmente illegale e considerato una forma di crudeltà verso gli animali, poiché gli animali non possono acconsentire ad atti sessuali e possono essere danneggiati di conseguenza. La bestialità è quindi fortemente disapprovata dalla società e criminalizzata in molti paesi.

La nuova legge sul benessere degli animali è stata recentemente pubblicata in Spagna e sebbene la maggior parte sia soddisfatta di qualsiasi progresso, sono state ascoltate critiche da parte di organizzazioni professionali che non sono d’accordo con il suo contenuto. Una critica degna di nota è il licenziamento di diverse associazioni di professionisti legali e magistrati che mettono in discussione le riforme della giustizia penale sancite dalla legge.

Un punto che ha ricevuto molta attenzione durante il dibattito parlamentare è stato l’avvertimento degli esperti legali che la riforma del codice penale in materia di abusi sessuali sugli animali potrebbe portare all’impunità.

Fino ad ora, le norme in Spagna erano stabilite nell’articolo 337.1 del codice penale del 2015. Sebbene non contenesse il termine letterale “zoofilia” o “bestialità”, descriveva il comportamento sessuale con animali sotto il termine “sfruttamento sessuale”. Questa parte era anche in una sezione separata dell’articolo che non era correlata a causare indebite difficoltà. Questo articolo affermava quanto segue (tradotto in olandese):

READ  Come è morta la cantante Tina Turner?

“Chiunque ingiustamente, con qualsiasi mezzo o procedimento, maltratta gli animali, cagiona loro danni inutili e gravi per la loro salute, ovvero li sottopone a sfruttamento sessuale, è punito con la reclusione da tre mesi a un anno e con l’interdizione professionale di un anno e da un giorno a tre anni per le professioni, i mestieri oi mestieri legati agli animali e per la cura degli animali…’

La tanto discussa riforma penale inserita nella nuova legge sul benessere degli animali, all’articolo 340 bis, afferma che (tradotto in olandese):

“Chiunque, al di fuori delle attività lecite e in qualsiasi modo, compresi gli atti sessuali, arreca danno ad un animale da compagnia, addomesticato, addomesticato o vive temporaneamente o permanentemente sotto il controllo dell’uomo, richiedendo cure veterinarie per il recupero della sua salute…”

Questo articolo è stato ampiamente criticato per aver suggerito che ci deve essere una lesione diagnosticata da un veterinario per dimostrare l’abuso o lo sfruttamento sessuale degli animali. Questo può essere frainteso da avvocati e giudici come in questo esempio:

Ad esempio, se c’è un contatto sessuale in cui una persona entra in un animale e viene registrato o ci sono testimoni, rimane impunito se non ci sono ferite confermate da un veterinario che doveva essere curato per ripristinare la salute dell’animale. La riforma penale non tiene conto del danno psicologico che gli animali possono subire a seguito di abuso o sfruttamento sessuale. Questo danno deve essere trattato da un etologo e non da un veterinario. Quindi, per provare questo danno, è necessario un rapporto di un veterinario etologo e il trattamento prescritto (per il danno psicologico) deve essere stato necessario per ripristinare la salute dell’animale.

READ  È uno dei possibili successori di James Webb

Offerta di organizzazioni legali problema ed evitare impunità e interpretazioni problematiche elencando questi atti separatamente nell’articolo 340.1 bis della legge sul benessere degli animali pubblicata. Ciò porterebbe alla seguente formulazione:

“È un reato compiere atti sessuali su un animale o sottoporlo a sfruttamento sessuale con qualsiasi mezzo o procedura. Chi lo fa rischia le stesse sanzioni.

NOTA: bestialità e bestialità non sono la stessa cosa. La bestialità riguarda gli atti sessuali tra uomini e animali; bestialità descrive semplicemente l’attrazione sessuale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *