La peste suina africana compare vicino al confine francese

La peste suina africana compare vicino al confine francese

Diversi maiali erano morti nella fattoria dal 19 maggio e un’indagine ha rilevato che gli animali erano stati infettati dal virus della peste suina africana. La malattia – che è innocua per l’uomo – è stata infine diagnosticata in 16 animali. I 35 maiali della piccola fattoria biologica sono stati macellati per precauzione. Questi sono animali che sono scappati fuori. Finora non sono stati trovati animali selvatici malati vicino all’allevamento di maiali.

Non si sa come il virus sia arrivato lì. Le autorità tedesche attualmente presumono che il virus sia stato introdotto nell’azienda attraverso azioni umane. Si sta anche studiando se il virus si sia diffuso alla popolazione di cinghiali.

Causa di preoccupazione

L’epidemia non è lontana dalla Francia, che non registra alcun caso di peste suina africana dal 1974. Il ministero dell’Agricoltura francese sta istituendo un’unità di crisi, ha annunciato giovedì. Le autorità tedesche hanno stabilito un circolo di protezione intorno all’azienda colpita.

Per Boerenbond, preoccupa la notizia dell’emergenza della peste suina africana, a circa 800 chilometri dall’area in cui è presente la peste suina africana in Germania. “All’inizio di quest’anno, la peste suina africana è apparsa improvvisamente in una popolazione di cinghiali in Italia e anche la peste suina africana è stata introdotta nel nostro Paese nel 2018 attraverso l’azione umana. Dimostra che dobbiamo rimanere molto impegnati nella biosicurezza e non lasciare che l’attenzione sulle nostre attività si riduca”, ha affermato l’organizzazione agricola. “Un’attenzione importante per il personale che è impiegato dall’Europa orientale e in viaggio turistico lì”.

Germania e Italia non ancora esenti da AVP

Finora è stato relativamente tranquillo riguardo alla peste suina africana in Germania negli ultimi mesi. “Dava la sensazione che la situazione fosse un po’ più sotto controllo. Di recente, alcune aree del Brandeburgo, designate come aree centrali, sono state nuovamente chiuse, poiché per mesi non sono stati registrati casi di peste suina africana in queste aree”, Boerenbond Di conseguenza, anche in queste aree sono state eliminate tutte le misure restrittive per l’agricoltura e la silvicoltura.

READ  Hulkenberg ha un nuovo sponsor personale e crea un omaggio per il GP d'Italia

In altre regioni la situazione è meno incoraggiante. Negli ultimi 7 giorni, infatti, sono stati segnalati 34 nuovi casi di peste suina africana in cinghiali lungo il confine polacco-tedesco. Di questi, 32 sono stati trovati in Sassonia e 2 nel Meclemburgo-Pomerania occidentale. Ciò porta il numero totale di cinghiali infettati dalla peste suina africana dalla scoperta della peste suina africana in Germania a 3.929.

Anche in Italia la situazione non è ancora sotto controllo. Poche settimane fa sono state ritrovate a nord di Roma 4 carcasse di cinghiali contagiati dalla peste suina africana. I siti si trovano nella riserva naturale dell’Insugherata, a nord est di Roma con una superficie di 800 ettari. Si dice che in questa zona siano presenti diverse migliaia di cinghiali. Nelle regioni settentrionali dell’Italia, Liguria e Piemonte, le autorità italiane rilevano in media 1 cadavere infetto a settimana. Finora sulla terraferma italiana sono stati trovati circa 120 cadaveri infetti. Di questi, 69 sono stati rinvenuti in Piemonte, 46 in Liguria e quindi 4 nella regione di Roma.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *