La più grande cometa mai lanciata verso il nostro sistema solare

L’agenzia spaziale americana NASA possiede la più grande cometa mai osservata. Questo corpo celeste, chiamato Bernardinelli-Bernstein, è attualmente ancora lontano dalla Terra, ma si sta dirigendo verso di noi. Secondo l’astronomo Theo Jurriëns dell’Università di Groningen (RUG), non c’è motivo di farsi prendere dal panico.

La cometa, di quasi 80 miglia di diametro, è stata individuata anni fa, ma gli scienziati hanno impiegato molto tempo per studiare più chiaramente Bernardinelli-Bernstein. Non dobbiamo temere l’impatto sulla terra, a quanto pare. “La cometa rimarrà vicino a Saturno. E ciò non accadrà fino al 2031. Dal punto di vista cosmico, Saturno è il nostro cortile, ma non entrerà in collisione con la Terra, quindi non c’è assolutamente motivo di “preoccuparsi”, spiega Jurriens.

Secondo l’astronomo, una cometa è una sorta di residuo dell’origine del nostro sistema solare. “I nostri pianeti sono formati da un disco attorno al sole e parte di esso rimane. Una cometa è scherzosamente chiamata palla di neve sporca perché è una miscela di ghiaia e ghiaccio. E sono estremamente freddi Di tanto in tanto, dei frammenti passeranno e orbiteranno nel nostro sistema solare. Questo materiale ha circa 4,5 miliardi di anni, il che la dice lunga sulla storia del nostro sistema solare. È molto interessante per gli scienziati.

Sebbene Bernardinelli-Bernstein – dal nome dei due scopritori della cometa – lascerà in pace il nostro pianeta, Jurriëns non esclude la possibilità che la terra venga colpita in futuro da un altro corpo celeste. “Non si sa mai, ovviamente. Ma poi stiamo parlando di piccole rocce nel nostro sistema solare. Se sono grandi, anche la possibilità che vengano scoperte un po’ prima è maggiore. Quelle piccole bruciano nella nostra atmosfera, noi non soffrire davvero lì.

Se mai una grande cometa si precipita verso il nostro pianeta, ci sono scenari pronti per evitare il disastro. “Ma lo proveremo per la prima volta, perché non l’abbiamo mai fatto prima”, ha detto Jurriëns. “Potresti riuscire a far esplodere una cometa con dei razzi. Un’altra idea è portarli al seguito.”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.