La polizia belga arresta Lucio Aquino dopo la ‘più grande indagine sulla ‘Ndrangheta’: l’Italia presenta richiesta di estradizione |  Interni

La polizia belga arresta Lucio Aquino dopo la ‘più grande indagine sulla ‘Ndrangheta’: l’Italia presenta richiesta di estradizione | Interni

Tredici persone sono state arrestate in Belgio in relazione alla vasta operazione contro la ‘Ndrangheta. Fonti giudiziarie confermano che uno di questi indagati è Lucio Aquino, un membro della famiglia Limburg che ha più volte avuto contatti con il tribunale per reati legati alla droga. Aquino è già stato arrestato e resta in custodia. L’Italia ha chiesto la sua estradizione.

L’operazione di polizia fa seguito a un’indagine avviata nel Limburgo nel 2018 su sospetti italiani appartenenti alla mafia calabrese ‘Ndrangheta. “Hanno un ruolo predominante nel traffico internazionale di droga”, spiega Guido Vermeiren, pubblico ministero del Limburgo. “L’organizzazione era attiva nell’importazione ed esportazione di cocaina dal Sud America in Europa, Australia e Africa, nella creazione di lavanderie di cocaina, nell’importazione ed esportazione di cannabis e hashish, nei trasferimenti di denaro e nel riciclaggio di denaro”. I sospetti hanno ricevuto aiuto da una rete di familiari e altre persone di origine italiana, e hanno collaborato con altre bande.

Lista europea dei più ricercati

Non solo in Belgio, ci sono state azioni di polizia anche in altri nove paesi. Questa è la più grande operazione di sempre contro la ‘Ndrangheta. 150 agenti di polizia sono stati dispiegati in Belgio, più di 1.000 in Germania e più di 1.400 poliziotti e militari in Italia. Secondo Europol ed Eurojust, ciò ha portato a 132 arresti.


Citazione

La strage di Duisburg del 2007 si inserisce nella sanguinosa guerra tra clan in cui sono coinvolte le potenti famiglie della ‘Ndrangheta.

READ  Fonti del Pentagono: bombardieri statunitensi in Norvegia, Artico e Russia

“L’organizzazione criminale era guidata da potenti famiglie della ‘Ndrangheta, con sede nella città di San Luca, in Calabria”, ha detto. “Alcune di queste famiglie sono da tempo coinvolte in una sanguinosa guerra tra clan nota come Faida di San Luca, che ha scatenato scontri a fuoco in Italia e all’estero. La strage di Duisburg nel 2007 faceva parte della faida.

Secondo Europol ed Eurojust, oltre al traffico di droga, la rete criminale era coinvolta anche nel traffico di armi, riciclaggio di denaro, evasione ed evasione fiscale e assistenza a criminali latitanti, molti dei quali sono stati successivamente arrestati. Due di questi criminali sono da tempo nella lista dei più ricercati dell’UE.

CIELO CIC

Nel 2019 è emerso che esistevano collegamenti diretti con l’Italia, in particolare con sospetti che si trovavano nel villaggio italiano di San Luca. Dopo l’hacking di SKY ECC nel marzo 2021, sono state aperte indagini separate dalle autorità locali, prima in Italia e poi in Germania, sulla base delle informazioni provenienti dal Limburgo. In questo momento è stata anche costituita una squadra investigativa congiunta.


Citazione

Abbiamo anche sequestrato quattro auto di lusso, 60.000 euro in contanti e diverse armi proibite, oltre a localizzatori GPS per tracciare i veicoli.

“C’è stata cooperazione con diversi paesi europei, così come con Eurojust ed Europol”, ha detto Eric Snoeck, direttore generale del FGP. “Almeno dieci riunioni di coordinamento hanno avuto luogo presso Eurojust”.

d’Aquino

In totale ci sono state 25 perquisizioni domiciliari nel nostro Paese, tredici persone sono state arrestate. “La polizia giudiziaria federale del Limburgo ha effettuato questa mattina perquisizioni domiciliari a Genk, Maasmechelen, Hasselt, Bilzen e Pelt”, indica il magistrato federale Antoon Schotsaert. I tredici arrestati sono sospettati di appartenere alla mafia italiana. Hanno partecipato a spedizioni internazionali di droga. L’Italia ha emesso un mandato d’arresto europeo nei confronti di sette di loro. “Abbiamo sequestrato quattro auto di lusso, 60.000 euro in contanti e armi proibite, oltre a localizzatori GPS per tracciare i veicoli”.

READ  WP, Trump pressioni in Georgia su impeachment o tribunale - Ultime notizie

Tutti gli indagati saranno interrogati, dopodiché il giudice istruttore di Tongeren dovrà decidere entro 48 ore su un nuovo arresto. I principali sospettati sono tutti uomini, ma sono state arrestate anche diverse donne. Arrestato anche Lucio Aquino, già screditato per casi di droga. L’Italia ha chiesto la sua estradizione. La camera del consiglio di Tongeren deciderà il 16 maggio. Fino ad allora rimarrà nella prigione di Hasselt.

Sei sospetti denunciati

Sei dei tredici indagati sono già stati deferiti al gip. Oltre ad Aquino, altri due indagati sono stati trasferiti in carcere. Altri due sono stati arrestati sotto sorveglianza elettronica. Un sospetto è stato rilasciato a determinate condizioni. Gli altri sette compariranno domani davanti al giudice istruttore.

GUARDA ANCHE. Arrestato anche Lucio Aquino, membro di un famigerato clan del Limburgo

Cocaina

Tra i membri della mafia arrestati ci sono membri delle famigerate famiglie Nirta e Strangio della città di San Luca. Famiglie che hanno controllato per decenni gran parte del traffico di cocaina in Europa, in parte a causa dei loro buoni legami con i cartelli della droga sudamericani. In Sud America, la ‘Ndrangheta, insieme ai cartelli, produce loro stessi cocaina che contrabbandano in grandi quantità in Europa.

I porti di Anversa e Rotterdam svolgono un ruolo importante qui. Secondo le stime, la ‘Ndrangheta conta circa 160 clan con 6.000 membri. Si dice che l’organizzazione abbia un fatturato annuo di 100 miliardi di euro.

GUARDARE. Quanto è grande il clan della ‘Ndrangheta?

READ  Calhanoglu: 'Il Milan non ha spiegato niente, sono rimasto con la partita. L'Inter è più forte, felice dopo il gol del derby '| Prima pagina

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *