La ricerca mostra che gli studi sull’imaging cerebrale sono ostacolati da piccoli set di dati

La ricerca mostra che gli studi sull’imaging cerebrale sono ostacolati da piccoli set di dati

Per due decenni, i ricercatori hanno utilizzato la tecnologia di imaging cerebrale per cercare di determinare in che modo la struttura e la funzione cerebrale di una persona sono collegate a una serie di malattie mentali, dall’ansia e depressione alle tendenze suicide.

Ma il nuova carta, Pubblicato mercoledì sulla rivista Nature, solleva la questione se gran parte di questa ricerca stia effettivamente producendo risultati validi. Gli autori dell’articolo hanno scoperto che molti di questi studi hanno in genere meno di venti partecipanti, che sono troppo timidi riguardo al numero necessario per ottenere risultati affidabili.

“Hai bisogno di migliaia di persone”, ha detto Scott Marek, psicologo della Washington University School of Medicine di St. Louis e autore del documento di ricerca. Ha descritto i risultati come un “inizio” per studi pilota che utilizzano le immagini per comprendere meglio la salute mentale.

Gli studi che utilizzano la tecnologia MRI di solito mitigano le loro conclusioni affermando che la dimensione del campione è piccola. Il reclutamento dei partecipanti può essere dispendioso in termini di tempo e denaro, da $ 600 a $ 2.000 l’ora, ha affermato il dottor Nico Dozenbach, neurologo presso la University of Washington School of Medicine e un altro autore dell’articolo. Ha aggiunto che il numero medio di soggetti negli studi sulla salute mentale che utilizzano l’imaging cerebrale è di circa 23.

READ  Lunedì ultimi rovesci poi torna l'alta pressione e sarà di nuovo estate

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *