La rosa di Pirlo non spaventa nessuno: tutto quello che manca per ridiventare una vera Juve

da alle
18:00

di

Quello che abbiamo visto finora non sembra proprio la Juve. Anche dopo quella che forse è stata la migliore prestazione della stagione. Anzi, soprattutto dopo quella che forse è stata la migliore prestazione della stagione. Perché non è da Juve perdere due punti così negli ultimi secondi. Così come non è da Juve subire sempre gol. E non è che la Juve perda occasione dopo occasione. Infine, non è che la Juve continui a giocare con un atteggiamento così “leggero”. Ovviamente ad Andrea Pirlo non mancano le attenuanti del caso: il momento di formare la squadra era quello che era, le assenze hanno avuto un impatto e non poco, la fortuna non aiuta adeguatamente la formazione bianconera tra boschi da touchdown e strisce millimetriche di fuorigioco. Ma anche individuare gli alibi non è affare della Juve. Adesso la chiusura, e poi tutto quello che non c’è ancora servirà per cambiare rotta: qualcosa che si può definire intangibile, mutuando il gergo del basket. È ci sono troppi aspetti da affrontare prima che sia troppo tardi. Perché quella, insomma, non sembra proprio la Juve.

SCOPRI TUTTO CI CHE MANCA IN JUVE NELLA GALLERIA

READ  2.677 nuovi casi e 28 decessi. La Curva resta stabile, tampona verso quota 100mila

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *