La skater Isabelle van Elst finalmente nei colori belgi dopo un periodo infernale: “L’aria fredda in realtà non fa bene alla mia salute”

La skater Isabelle van Elst finalmente nei colori belgi dopo un periodo infernale: “L’aria fredda in realtà non fa bene alla mia salute”

Il suo tempo è stato di quasi tre secondi inferiore alla sua migliore prestazione (1:15.58). Dopo 600 metri c’era ancora un arrivo tra i primi dieci, ma nell’ultimo giro è caduta. La vittoria è andata alla giapponese Ayano Sato in 1:16.15, davanti alla connazionale Kako Yamane e alla britannica Ellia Smeding. Van Elst, di nazionalità olandese e belga, ha dovuto affrontare la rumena Mihaela Hogan, nona in 1:18.09.

Successivamente, Van Elst non ha potuto fare a meno di ammettere che non era abbastanza buono, ma ci sono circostanze attenuanti. Qualche settimana fa, ad esempio, ha contratto una grave infezione respiratoria e ha riportato anche ustioni alle gambe. Improvvisamente, ha dovuto arrendersi per la prima Coppa del Mondo, a Stavanger, in Norvegia.

“Cosa puoi aspettarti dopo sei settimane in cui non puoi fare nulla? “, sospira Van Elst nella zona mista di Thialf. “Sono tornato ad allenarmi solo da una settimana, quindi non avevo idea di come sarebbe stato qui. puoi (ride). Ero già molto felice di poter iniziare qui, ma come atleta di alto livello vuoi solo pattinare duramente. Anche se non te lo puoi aspettare, è solo un peccato che tu non possa davvero partecipare ancora dentro.

Aria fredda

“Ora sono al 60% delle mie capacità”, ha detto il “nuovo belga”. “Onestamente, non ho potuto fare nulla per sei settimane. Anche portare a spasso il cane era troppo. Ho dovuto prenderlo molto lentamente perché avevo difficoltà a respirare. Dove mi trovo ora è effettivamente buono date le circostanze. La mia voce non è ancora tornata del tutto, ma fisicamente mi sento abbastanza bene per allenarmi di nuovo. Quindi è stato un grande sollievo essere qui. In realtà ero lì in Norvegia, ma l’aria condizionata sull’aereo mi ha fatto fare un altro passo indietro dal punto di vista della salute. Ancora una volta, non potevo allenarmi, quindi ho dovuto prendere la decisione di saltare questa Coppa del Mondo per avere la possibilità di iniziare qui in Olanda.

READ  è DELIRIUM, dall'IMMINENTE BURIAN, fino alla prossima HOT SUMMER 2022, SIAMO TUTTI PAZZI per IMETEUS »ILMETEO.it

L’aria fredda, come l’aria condizionata, è quindi colpevole di Van Elst. Non molto utile quando si pattina. “Il mio medico mi ha detto che le piste in realtà non fanno bene alle mie vie respiratorie al momento. Ma pattinare è quello che faccio, quindi proviamo a fare gli allenamenti in modo che non peggiori e che non ostacoli la mia guarigione. era già un buon test e indica che il corpo è in grado di gestirlo di nuovo. È un peccato perché ho trascorso un’estate fantastica con i test in bici meglio che mai. J Ero solo in ottima forma, quindi è un peccato che un tale virus sconvolga l’intero piano. Non ci aspettavamo che ci volesse così tanto tempo. Dove l’ho preso? Non ne ho idea, forse per essere a Inzell. Lì ho sentito parlare di un virus, ma ha causato il caos in casa mia.

© ANP/HH

Van Elst è riuscito a trasferirsi in Belgio quattro anni fa, ma poi ha continuato a pattinare con i colori olandesi. Ora ha fatto una scelta consapevole per il nostro Paese.

“All’epoca non ero ancora in una squadra commerciale e il Belgio non era molto benestante finanziariamente all’epoca”, sembra. “A quel tempo, non potevo anticipare nulla da solo, quindi non era un’opzione. Ho avuto la fortuna di poter pattinare con un team commerciale al WorldStream, quindi sono stato in grado di risparmiare un po’ di soldi. Ora è utile, ma il Belgio è stato in grado di aiutare un po ‘nonostante i problemi e questo è positivo. E la scelta di lasciarmi alle spalle l’Olanda è stata resa un po’ più facile dalla Coppa del Mondo di quest’anno. Poi era nella formazione per lo sprint a squadre, ma Sono stato eliminato come ultima risorsa. Non ha aiutato… Questa strada in Belgio mi sembra molto interessante. Ora posso correre facilmente più gare internazionali e la strada per i Giochi invernali è molto più stabile. Nei Paesi Bassi hai guardarlo quasi ogni mese e se sei meno non andrai oltre Quindi ora ho un piano quadriennale.

READ  La Terra è più vicina al buco nero supermassiccio al centro della galassia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *