Euclid lanciato: il telescopio spaziale che deve svelare uno dei più grandi misteri del nostro universo |  Scienza e pianeta

Euclid lanciato: il telescopio spaziale che deve svelare uno dei più grandi misteri del nostro universo | Scienza e pianeta

Oggi è il giorno. Intorno alle 17:00 ora belga, l’ESA lancerà il suo telescopio spaziale Euclid. Euclid creerà un atlante dello spazio e del tempo senza precedenti per scoprire perché l’universo continua ad espandersi a un ritmo accelerato. Gli scienziati sperano di comprendere meglio una delle più grandi domande sul nostro universo: cosa sono la materia oscura e l’energia? SpaceX lancerà il telescopio dalla Florida.


Maarten Muns, Martin Peters


Ultimo aggiornamento:
01-07-23, 18:04


Fonte:
lealtà

GUARDARE. Guarda il lancio del telescopio spaziale Euclid qui

Il telescopio spaziale Euclid, che prende il nome dall’antico matematico greco Euclide, misurerà la struttura dell’universo sulla scala più grande. Ciò produrrà una mappa estremamente dettagliata con 2 miliardi di galassie, gran parte dell’universo osservabile. E questa mappa ci dice anche come tutte queste galassie sono cresciute negli ultimi, diciamo, 10 miliardi di anni.

Gli scienziati sperano che questo aiuterà a risolvere i pressanti problemi cosmologici. Enigmatica materia oscura, energia oscura, gravità e lo sviluppo dell’universo: rimane avvolta nel mistero. Sono cinque domande fondamentali su cui si pone Euclide.

Scopri di più sotto l’immagine.

SpaceX lancerà oggi il telescopio dalla Florida.
SpaceX lancerà oggi il telescopio dalla Florida. © tramite Reuters

Di cosa è fatto il nostro universo?

Il nostro universo è costituito da molte stelle e galassie, nonché da alcune nubi di polvere e gas. Eppure? Se chiedi a un cosmologo, è tutt’altro che la risposta giusta. Tutte queste galassie sono esattamente ciò che possiamo vedere. Ma questo è meno del cinque percento di ciò che deve davvero essere.

READ  Questa festa techno ti renderà molto più in forma e più sano

Almeno il venti per cento dell’universo deve essere costituito da materia “oscura”. Cose che non puoi vedere ma di cui puoi misurare gli effetti gravitazionali. E poi c’è molta energia oscura, una misteriosa forza di dispersione che assicura l’accelerazione dell’espansione dell’universo. Nemmeno gli scienziati hanno idea di cosa sia.

Cos’è la materia oscura?

Viste su scala più ampia, le galassie del nostro universo formano una sorta di tela di ragno, detta anche ragnatela cosmica. Ma l’attrazione gravitazionale di tutte queste galassie insieme non è semplicemente sufficiente per formare una tale struttura, spiega René Laureijs, project scientist di Euclid.

Scopri di più sotto l’immagine.

Euclid studia gli effetti gravitazionali della materia oscura.
Euclid studia gli effetti gravitazionali della materia oscura. © Getty Images/Scienza Foto Bilancia

Secondo molti scienziati, la “materia oscura” invisibile deve esistere tra e intorno alle galassie. La sua gravità è misurabile, ma la sua composizione è totalmente sconosciuta. Osservando da vicino gli effetti gravitazionali di questa materia oscura, Euclide mapperà la sua distribuzione. Questo aiuta a rispondere alla domanda di cosa è fatto.

Cos’è l’energia oscura?

Negli anni ’20, l’astronomo Edwin Hubble scoprì che tutte le galassie si stanno allontanando da noi. Pertanto, l’universo si sta espandendo, come un pallone che si gonfia. Alla fine degli anni ’90, gli scienziati hanno scoperto, contro ogni aspettativa, che questa inflazione stava accelerando.

La forza di dispersione sconosciuta responsabile di ciò è stata chiamata energia oscura. Dove la gravità attrae, l’energia oscura allontana tutto. Questa spinta costante sembra essere inerente allo stesso spazio vuoto. Più spazio vuoto c’è, più energia oscura c’è. E così tutto è separato sempre più velocemente.

READ  Test psicologico: ragazze o teschio, quale figura vedi per prima?

Sulla Terra, non notiamo alcuna energia oscura. Anche tra, ad esempio, galassie vicine, l’attrazione gravitazionale è ancora molto più forte. Solo su scala cosmica più ampia l’energia oscura gioca un ruolo di primo piano.


Se l’energia oscura può cambiare, allora dobbiamo ripensare le teorie cosmologiche

L’energia oscura può cambiare?

L’energia oscura assicura quindi un’espansione sempre più rapida dell’universo. Ma questa accelerazione non è iniziata fino a circa sei miliardi di anni fa, quando l’universo aveva circa la metà della sua età attuale. Quindi l’energia oscura è diventata più forte della gravità.

Per comprendere meglio questa misteriosa forma di energia, gli scienziati vogliono scoprire, tra le altre cose, se l’energia oscura è costante o subisce cambiamenti, spiega Laureijs. In quest’ultimo caso, le teorie cosmologiche devono essere riconsiderate.

Scopri di più sotto l’immagine.

Con Euclid, gli scienziati possono osservare la formazione delle più grandi strutture cosmiche nel corso di miliardi di anni.
Con Euclid, gli scienziati possono osservare la formazione delle più grandi strutture cosmiche nel corso di miliardi di anni. ©AFP

Poiché l’universo è così grande e la luce ha bisogno di tempo per raggiungerci, guardare in profondità nell’universo significa anche vedere molto indietro nel tempo. Euclide tornerà a questo momento sei miliardi di anni fa, quando l’energia oscura divenne così forte da iniziare a interferire con lo sviluppo dell’universo.

La gravità è ciò che pensiamo?

Gli effetti della materia oscura e la formazione di galassie in una struttura a ragnatela sono tutti legati alla gravità. Comprendiamo principalmente la gravità attraverso la teoria della relatività generale di Einstein. Ma questa teoria è valida anche sulla più vasta scala cosmica? I cosmologi non lo sanno per certo.

READ  Ecco perché la matematica è uno degli strumenti più equi nell'esercizio della democrazia

Con Euclid, gli scienziati possono osservare la formazione delle più grandi strutture cosmiche nel corso di miliardi di anni. Potrebbero trovare indizi con Euclide che la gravità su scala cosmica funziona in modo leggermente diverso da quanto si pensava in precedenza. E anche allora, le teorie devono essere riviste.

Svolta: gli scienziati sentono il nostro universo ronzare per la prima volta. “Ascoltano con stelle morte una sinfonia cosmica”

La ricerca della vita extraterrestre è in pieno svolgimento. Ma come fanno gli scienziati a iniziare una cosa del genere? “Forse la nostra visione è troppo ristretta” (+)

Marte attraverso gli occhiali UV: il nostro pianeta rosso non è mai apparso così alieno

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *