La sonda OSIRIS-REx ha esagerato

La sonda spaziale OSIRIS-REx La NASA ha raccolto molto più materiale del previsto dall’asteroide Bennu, attorno al quale orbita a circa 320 milioni di chilometri da noi, causando un’anomalia nel suo sistema di raccolta. Il coperchio del braccio meccanico con cui ha eseguito l’operazione è rimasto leggermente aperto a causa dei detriti in eccesso, e parte di esso sta perdendo nell’ambiente spaziale circostante.

OSIRIS-REx è uno dei missioni spaziali più ambiziose tempi recenti per la NASA. La sonda è stata lanciata nel 2016 e nel 2018 ha colpito Bennu, un asteroide con una massa stimata di circa 70 milioni di tonnellate e un diametro massimo di 565 metri. Uno degli obiettivi più complicati della missione prevede che OSIRIS-REx prenda frammenti dell’asteroide, raccogliendoli in un contenitore e poi riportandoli sulla Terra per l’analisi. In effetti, lo studio di questi frammenti potrebbe offrire nuovi indizi su come si è formato il nostro sistema solare miliardi di anni fa.

Poco dopo la mezzanotte di mercoledì 21 ottobre, OSIRIS-REx ha effettuato una manovra per avvicinarsi a Bennu e toccarlo per circa cinque secondi con il suo braccio meccanico. In tal modo, ha emesso una potente esplosione di azoto, per sollevare i detriti sulla superficie dell’asteroide, che sono stati poi raccolti dalla parte inferiore dello stesso braccio meccanico. L’operazione, come confermato dalle immagini inviate dalla sonda, è stato un successo e nelle ultime ore i capi missione si sono resi conto di essere “vittime del proprio successo”, come ha ammesso uno dei coordinatori dell’iniziativa a nome del NASA.

Analizzando alcune immagini dell’estremità del braccio meccanico, i ricercatori si sono resi conto che il suo tappo non si chiudeva perfettamente, apparentemente a causa della presenza di una quantità eccessiva di materiale roccioso proveniente dall’asteroide. La chiusura viene sollevata di circa un centimetro e questo fa sì che alcune delle rocce catturate si disperdano nello spazio.

READ  La NASA prepara una serie di test per il gemello terrestre del Mars rover Perseverance: gli astronauti

Le immagini mostrano una perdita molto lenta e si ritiene quindi che OSIRIS-REx possa ancora trattenere una quantità sufficiente di materiale.

Una manovra del braccio meccanico eseguita giovedì probabilmente ha comportato la perdita da 1 a 10 grammi di roccia. La NASA è quindi al lavoro studiare le manovre che la sonda dovrà effettuare per immagazzinare il materiale raccolto in un contenitore situato nel suo corpo centrale, che consentirà poi il trasporto dei campioni sulla Terra. I capi missione si sono dati il ​​tempo fino a lunedì 26 ottobre per capire come farlo, consapevoli di dover agire rapidamente per ridurre il rischio di perdere altri materiali presenti all’interno del braccio meccanico.

Il piano iniziale era quello di fare le cose con più calma, eseguendo ormai una serie di manovre per stimare la massa del materiale raccolto. Non potendo pesarlo in modo convenzionale, date le condizioni di sostanziale assenza di peso, i ricercatori avevano messo a punto un sistema per confrontare i movimenti della sonda registrati in passato con quelli dopo il campionamento, al fine di verificare se la sua massa fosse cambiata, indicando il presenza di rocce. Tuttavia, l’operazione avrebbe costretto OSIRIS-REx a eseguire determinate manovre con l’ulteriore rischio di perdere altri campioni sulla strada.

L’avvicinamento della sonda OSIRIS-REx dell’asteroide Bennu, in una elaborazione grafica (NASA)

I ricercatori hanno quindi rinunciato a “pesare” il materiale prelevato, ma si sono detti ottimisti sulla sua quantità, a giudicare dalle immagini inviate dalla sonda e dalla copertura inaspettata del braccio meccanico. Si credeva che un singolo tampone avesse portato alla raccolta di almeno 60 grammi, ma a questo punto i leader della missione non sapranno quanto materiale è stato prelevato finché la sonda non sarà tornata sulla Terra.

Sulla base delle immagini e dei dati raccolti, la NASA inoltre non ritiene utile o sicuro fare un secondo tentativo per raccogliere nuovo materiale. OSIRIS-REx è stato progettato con la possibilità di effettuare almeno tre tentativi. La priorità ora è mettere al sicuro i campioni di roccia da Bennu il prima possibile, riducendo il rischio di ulteriori perdite.

READ  NASA: l'ombra dell'alba immortalata dalla Stazione Spaziale Internazionale

Se le cose andranno come previsto lunedì, la navicella potrà riprendere a raccogliere dati attorno al suo asteroide fino al prossimo marzo. Intraprenderà quindi un lungo viaggio sulla Terra, che culminerà nel 2023 con un turbolento rientro nell’atmosfera nei cieli dello Utah, negli Stati Uniti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *