La stagione della febbre da fieno è già iniziata: la natura afferma che è marzo

Brutte notizie per chi soffre di raffreddore da fieno: la natura pensa già che sia marzo. Inoltre, la stagione dei pollini sembra diventare sempre più intensa, osserva Sciensano.

Siamo a metà febbraio, le temperature sono miti, narcisi e crochi compaiono in massa e gli uccellini cinguettano in primavera…

Siamo a metà febbraio, le temperature sono miti, i narcisi e i crochi escono a frotte e gli uccellini cinguettano in primavera… Le temperature più miti dello scorso autunno e dell’inizio dell’inverno portano anche l’arrivo di noccioli e ontani prima . Gli amenti, come vengono chiamate le infiorescenze di questi alberi, sono visibili da diverse settimane. “Lo sviluppo in natura è attualmente più di tre settimane in anticipo rispetto a ciò che consideravamo normale cinquant’anni fa”, secondo il sito web olandese sulla natura Nature Today. “A causa delle temperature invernali ancora molto elevate, la natura si comporta già come se fosse marzo”. La Rete Nazionale di Monitoraggio Aerobiologico AirAllergy dell’Istituto Superiore di Sanità di Sciensano conferma che è iniziata la stagione dei pollini di ontano e nocciolo. Il clima secco e ventoso dello scorso fine settimana ha favorito in particolare la diffusione del polline nell’aria. Tuttavia, le concentrazioni di polline sono finora rimaste piuttosto basse a causa dei frequenti rovesci di pioggia. La concentrazione più alta fino ad oggi è stata misurata domenica 13 febbraio a Bruxelles, dove sono stati registrati 154 grani/m3. Le temperature dovrebbero essere ben al di sopra della norma anche per le prossime settimane. Di conseguenza, le persone che soffrono di raffreddore da fieno devono ora estrarre i loro tessuti. Le persone sensibili a questo tipo di polline possono quindi avere denunce di raffreddore da fieno con tempo asciutto e se si trovano vicino a ontani o noccioli. Poiché sono previste piogge anche per la prossima settimana, la quantità di polline nell’aria rimarrà ancora più limitata nei prossimi giorni.L’inizio della stagione dei pollini quest’anno è sostanzialmente lo stesso degli anni precedenti, spiega Sciensano. A lungo termine, tuttavia, è visibile un aumento della quantità di polline. “Gli ontani e i noccioli impiegano diversi anni per accumulare energia sufficiente per produrre grandi quantità di polline. Gli anni di alta produzione si verificano generalmente ciclicamente, ogni 2-5 anni. Ma le osservazioni a lungo termine mostrano che questi cicli tendono ad accorciarsi, con stagioni polliniche più intense per questi alberi, come è avvenuto nel 2018 e nel 2019″, ha affermato Ann Packeu, responsabile di micologia e aerobiologia di Sciensano. “Questo fenomeno, osservato anche in molte altre stazioni aerobiologiche nel mondo, è legato al graduale aumento della temperatura. Se questa tendenza continua in Belgio, possiamo aspettarci un ulteriore aumento del numero di pazienti allergici nella nostra popolazione e un aumento della gravità dei sintomi”. “I reclami per polline di ontano e nocciolo durano circa un mese. Poi è la volta della specie arborea più allergenica del Belgio: la betulla. Il periodo di fioritura della betulla è in marzo e aprile. Il polline di graminacee, che circola da aprile ad agosto, è quello che causa il maggior numero di lamentele, in circa il 60-70% dei malati di raffreddore da fieno. Nel frattempo, 1 belga su 5 è allergico a uno o più tipi di polline. Anche per quanto riguarda il polline di graminacee, la quantità di polline aumenta ei sintomi sono più gravi. Questo a sua volta ha a che fare con il gas serra CO2, che non solo fa crescere le piante più velocemente, quindi producono più polline, ma cambia anche la composizione del polline, quindi contengono più proteine ​​​​che causano la reazione allergica. . L’inquinamento atmosferico aiuta anche a rendere il polline più allergenico.Se vuoi rimanere informato sull’andamento della stagione del raffreddore da fieno, puoi controllare la rete di monitoraggio dei pollini e delle spore di muffa di Sciensano all’indirizzo airallergy.beTipici sintomi di allergia come naso che cola, tosse o le difficoltà respiratorie possono essere facilmente scambiate per quelle di un’infezione da raffreddore, influenza o coronavirus. La febbre è la principale differenza. La febbre da fieno, nonostante ciò che suggerisce il nome, non è mai accompagnata da febbre. I medici quindi preferiscono non parlare di raffreddore da fieno, ma di allergia ai pollini o rinite allergica.Diverso è anche il modo di starnutire: lo starnuto con raffreddore da fieno segue un solletico al naso, gli starnuti per infezione da corona non iniziano con un solletico. .

READ  La nuova tecnologia ripristina alcune funzioni delle cellule e degli organi dopo la morte dei maiali

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *