La storia della modella russa “intrappolata” in un reality televisivo cinese

Lo scorso febbraio, il 27enne russo Vladislav Ivanov è entrato per caso nel reality televisivo cinese. Produce Camp 2021, che mirava a formare una boyband internazionale, ma se ne pentì immediatamente. Durante le riprese del talent show, Ivanov aka Lelush, tuttavia, ha capito che non voleva avere niente a che fare con questa vita, e ha cercato in tutti i modi di essere eliminato, lavorando sodo per ottenere cattivi risultati. E pregando ripetutamente ed esplicitamente entrambi i pubblico. i due giudici per rimandarlo a casa. Nonostante i suoi migliori sforzi, era arrivato in finale.

Sabato finalmente È stato cancellato: con grande sollievo dei suoi sostenitori russi e critiche da parte dei detrattori cinesi, ma comunque con un successo che probabilmente non avrebbe nemmeno voluto.

Ivanov è un modello di Vladivostok, nell’estremo oriente della Russia, a poche decine di chilometri dal confine con Cina e Corea del Nord. Era arrivato sul set di Produce Camp 2021 come traduttore grazie a Ivan Wang, l’agente di due concorrenti giapponesi che lo aveva assunto per accompagnarli e insegnare loro il cinese. Poi i produttori dello spettacolo lo hanno notato per il suo bell’aspetto e gli hanno chiesto se voleva partecipare come candidato a diventare uno degli 11 membri della boyband internazionale scelti nello show. Aveva accettato di “provare la nuova vita” che gli era stata promessa e con l’idea che questa esperienza sarebbe stata un bene per la sua personalità introversa, Wang ha spiegato: ha capito subito che la carriera di boyband non era proprio per lui.

Rischiando di dover pagare una penale per la risoluzione del contratto, Lelush – che ha scelto questo nome in onore del protagonista del suo anime giapponese preferito, Lelouch Lamperouge di Code Geass – aveva deciso di debuttare in programma con una canzone rap in russo, sperando che la sua apatia e la sua performance non proprio energica lo avrebbero eliminato: ma non è successo. Ha poi iniziato a rivolgersi al pubblico durante le riprese del reality per chiedere loro di non votare per lui, sostenendo che diventare membro di una boyband non era il suo sogno perché “non sapeva. Né cantare né ballare” e che votare per lui “non servirebbe a niente”.

READ  "La scorsa settimana e l'anno scorso non sono facili" - Libero Quotidiano

Allo stesso tempo, ha anche detto che sperava che i giudici non lo sostenessero: “Gli altri vogliono una A [riferendosi al voto massimo, ndr], mentre io voglio una F come La libertà, Cioè, libertà.

Produce Camp 2021, Conosciuto anche come Chuang, è stato registrato su un’isola artificiale nella provincia di Hainan, nell’estremo sud della Cina. Comprendeva intensi programmi di formazione e tre mesi di riprese per 10 episodi, oltre ad altri contenuti trasmessi sui canali digitali. Secondo scrisse il giornale russo Moscow Timesinoltre, i concorrenti rimanevano in dormitori angusti e i produttori non consentivano loro di utilizzare i telefoni cellulari.

Non è chiaro se il pubblico che ha votato per far avanzare Lelush nella corsa odiasse il suo comportamento svogliato e demotivato così tanto da volerlo far pagare, o se per qualche motivo gli piacesse. In ogni caso, la sua tattica di uscire dal programma il prima possibile non ha funzionato e ha finito tra i 25 finalisti su un totale di 90 concorrenti.

Nella seconda eliminazione, Lelush ha detto: “Secondo le regole del gioco ho vinto. Ma per me ho comunque perso ”. Prima dell’ultima puntata ha fatto un’ultima telefonata: in un video condiviso sui social di Chuang aveva mangiato un limone, chiedendo per l’ennesima volta che il pubblico smetta di votare per lui, dicendo di non scherzare. Sabato, dopo l’eliminazione, ha scritto su Weibo – il principale social network cinese – “questo lavoro è finalmente finito”.

In un modo o nell’altro, Lelush ha guadagnato oltre 840.000 follower su Weibo e sugli utenti dei social media. si sono trasformati alcune delle sue tipiche espressioni svogliate o scontente nei meme che sono diventate virali, guadagnandosi ancora più popolarità.

READ  una scelta che va oltre l'urgenza

– Leggi anche: La grande mobilitazione dei fan dei BTS contro il razzismo contro gli asiatici

il Custode Egli ha detto che Ivanov era visto da molti russi come una specie di prigioniero tenuto in ostaggio dal reality show cinese. Diversi famosi blogger russi lo hanno sostenuto lanciando una campagna sui social network per essere “rilasciato”, sostenendo che la sua situazione era diventata “assurda” e che “non era più divertente”. Un hashtag che ne chiedeva la rimozione è stato visto decine di milioni di volte su Weibo e condiviso in 59.000 post: persino dall’ambasciata russa in Cina, che si è rivolta a Lelush e ha scritto “Congratulazioni e buon riposo”.

Alcuni critici affermano che Ivanov ha lavorato instancabilmente per distinguersi dagli altri concorrenti e ottenere pubblicità, e una volta eliminato sarebbe rimasto in Cina per cercare di continuare la sua carriera di modello. Altri credono che sia stato molto efficace perché identifica ciò che viene chiamato “EmocolturaO meglio un atteggiamento di apatia e disfattismo prevalente tra i giovani cinesi nelle aree urbane, anche ironicamente, in contrasto con la dura cultura del lavoro tipica della società cinese.

Secondo Wang, tuttavia, a Lelush non piaceva stare davanti alle telecamere e non poteva aspettare che il reality fosse finito. All’aeroporto di Pechino, prima di prendere un volo per Vladivostok, è stato accolto così da decine di fan.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *