La Terra per dire addio alla sua “seconda luna” la prossima settimana

TORINO – Questo piccolo oggetto, più o meno tra i 6 ei 14 metri di diametro, era stato scoperto in avvicinamento alla Terra il 17 settembre. Il suo movimento non era un “asteroide”, secondo i calcoli della NASA, era troppo lento poiché registrava una velocità di 3.025 km / h. La conferma è arrivata dopo, quando l’oggetto è diventata una specie di “mini luna” della Terra. Era l’8 novembre 2020 quando questo corpo, in seguito ribattezzato “2020 SO”, iniziò a orbitare attorno al nostro pianeta. Il 1 ° dicembre ha raggiunto il punto più vicino, passando a soli 5.000 chilometri da noi (13% della distanza lunare).

Addio alla “seconda luna”

Solo allora è stato finora identificato un corpo estraneo: in realtà era il razzo booster Centaur, che è stato lanciato sulla luna con la missione “Surveyor 2” a metà degli anni 1960. La sua traiettoria lo porterà più vicino al nostro pianeta a febbraio, raggiungendo circa 220.000 chilometri (58% della distanza tra la Terra e la Luna). A questo punto inizierà ad abbandonare l’orbita terrestre, una fluttuazione che terminerà a marzo 2021, quando diventerà un altro oggetto in orbita attorno al sole. Il 1 ° marzo Il progetto del telescopio virtuale a Roma trasmetterà in diretta “l’ultimo saluto” un SO 2020.

READ  TERZA ONDATA DI INFEZIONI ORA CERTA, IL VIROLOGO PREGLIASCO è PESSIMISTA. Le ragioni »ILMETEO.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *