La vecchiaia è una cosa a sangue freddo?  La scienza non è fuori

La vecchiaia è una cosa a sangue freddo? La scienza non è fuori

La morte fa parte della vita. Umano o topo, uccello o pesce, un giorno ogni vita finirà. Ma onestamente, la natura non lo ha diviso. Per la maggior parte degli animali, è già finita dopo alcuni anni. L’uomo ha poche ragioni per lamentarsi di un’attesa di settanta o ottant’anni, ma ad alcune creature non interessa. Ci sono tartarughe che ne colpiscono facilmente un centinaio. Prendi Jonathan, una tartaruga gigante che vive a Sant’Elena dal 1882 e si stima abbia un’età compresa tra 160 e 190 anni.

Ciò che forse è ancora più straordinario di queste tartarughe: non sembrano invecchiare. Non importa quanto noi umani facciamo del nostro meglio per combattere l’invecchiamento – cibo sano, molto esercizio fisico, vitamine extra – prima o poi i muscoli si indeboliscono, le ossa più fragili, la pelle più rugosa. E anche la morte si avvicina più velocemente.

Agli scienziati piace esprimere questo invecchiamento in termini di probabilità di morte. Ad esempio, un olandese di cinquant’anni ha una probabilità dello 0,26% di non essere vivo in un anno. All’età di sessantacinque anni, quella possibilità è salita all’1,1%. A ottanta è il 5,5% ea novanta il 18,6%. I dati sono più favorevoli per le donne (50 anni: 0,18%; 65 anni: 0,81; 80 anni: 3,7 ea 90 anni: 14,1%). Ma per entrambi i sessi, il rischio di morte aumenta con l’età.

Processo di invecchiamento interrotto

Tartarughe come Jonathan saltano fuori ballando. Ad un certo punto della loro vita, queste tartarughe giganti hanno fermato il loro crescente tasso di mortalità. Supponiamo, ad esempio, che la probabilità all’età di ottant’anni sia dell’1%, quindi trent’anni dopo sia ancora dell’1%. Prima o poi ovviamente moriranno comunque, il rischio di morte non è zero, ma in un certo senso questi animali hanno interrotto il loro processo di invecchiamento.

Lo dimostrano due studi pubblicati il ​​mese scorso sulla rivista specializzata Scienza sono stati pubblicati. Gli studi avevano in comune il fatto che si concentravano sugli animali a sangue freddo. Mentre tutti conoscono nidi come Jonathan o Lonesome George – la tartaruga gigante morta dieci anni fa all’età di 102 anni, l’ultima del suo genere – l’invecchiamento è stato studiato principalmente nei mammiferi o negli uccelli. Mentre i rettili o le lucertole a sangue freddo hanno un vantaggio in questo senso. Non devono alzare la temperatura corporea e possono accontentarsi di un metabolismo più basso e quindi di un ritmo di vita più calmo.

Un gruppo di ricerca, guidato dalla portoghese-danese Rita Da Silva, ha studiato le probabilità di mortalità di 52 specie di tartarughe dopo aver raccolto quanti più dati possibili dagli archivi dello zoo. Tre quarti di queste specie non sono invecchiate e molte delle altre sono invecchiate a malapena. La domanda è sapere cosa dice questo risultato, i commentatori di Scienza† In uno zoo, gli animali ricevono il cibo a intervalli regolari, non sono sorpresi dal cambiamento delle condizioni meteorologiche o dai voraci predatori. “Da qualche parte nell’evoluzione, questi animali devono aver beneficiato del loro lento invecchiamento. Non scoprirai quale vantaggio ci sia nello zoo, perché non si sono evoluti in quell’ambiente.

I commentatori apprezzano di più questo altro studio in scienze. Sotto la direzione della biologa americana Beth Reinke, più di 100 scienziati hanno analizzato i dati di 77 specie selvatiche: rettili e anfibi. A volte per decenni gli animali sono stati catturati, etichettati, rilasciati, riconquistati.

Non tutta la storia

Con loro sorpresa, la loro analisi dei dati ha smentito l’idea popolare che gli animali a sangue freddo non vivono più a lungo degli animali a sangue caldo. Almeno questa non può essere tutta la storia. Sebbene vi sia ancora un limite all’aspettativa di vita nei mammiferi – i piccoli mammiferi generalmente vivono più corti di quelli grandi – vola in tutte le direzioni nei rettili e negli anfibi. Alcuni invecchiano più velocemente degli animali a sangue caldo della stessa taglia, altri molto più lentamente.

Forse il clima gioca un ruolo, pensavano i biologi. In un ambiente caldo, la vita stessa entra anche in una pentola a pressione e potrebbe finire prima. Nelle regioni fredde, tutto va più lentamente e spesso gli animali vanno in letargo. Quindi dovrebbero anche vivere più a lungo. Questo è risultato essere vero per i rettili, ma non per gli anfibi.

Un’altra idea era che gli animali che hanno sviluppato una qualche forma di difesa, che si tratti di uno scudo, di una pelle appuntita o di un veleno mortale, dovessero vivere più a lungo. Da un punto di vista evolutivo, questo ha un senso: ci vuole energia per sviluppare un tale meccanismo di difesa, quindi l’animale deve trarne beneficio. Ad esempio vivendo più a lungo. Se la sua esistenza terrena è breve a causa del rapido invecchiamento, l’animale non beneficia molto di armature o spine protettive.

Lo studio ha confermato l’idea. Soprattutto nelle tartarughe, i loro gusci le rendono quasi invulnerabili e conferiscono loro un’estrema longevità.

I commentatori lo trovano poco convincente. La vecchiaia è evolutivamente importante solo se influisce sulla riproduzione. “Alcune tartarughe sono note per deporre più uova con l’età”, scrivono. “Sappiamo anche che il successo riproduttivo sta diminuendo. Può darsi che per queste tartarughe che non invecchiano le squame siano favorevoli, ma non lo sappiamo. Abbiamo troppo pochi dati per quello.

Sono rappresentativi?

In effetti, questo vale per tutti i dati che abbiamo sull’invecchiamento negli animali, continuano. Queste iconiche tartarughe non invecchiano più o quasi non invecchiano più? Teoricamente, questo fa la differenza. Gli individui come Jonathan o George sono rappresentanti della specie? Ad esempio, in uno zoo, la maggior parte delle tartarughe non vive così a lungo. Dieci, vent’anni, poi di solito succedeva. In alcune specie, questo rapporto è così estremo che l’aspettativa di vita media è inferiore all’età media in cui le tartarughe hanno la prima prole. Abbiamo solo dati umani sufficienti per poter determinare correttamente l’invecchiamento negli anziani.

Prendi la talpa nuda, sostengono i commentatori. Questo roditore può vivere fino a trent’anni, mentre i suoi parenti più stretti come topi o ratti di solito hanno solo pochi anni di vita. Secondo studi di laboratorio, anche la talpa nuda interrompe il suo invecchiamento, ma uno studio del genere dovrebbe essere condotto su diverse migliaia di individui prima di poterlo affermare con certezza.

E allora? Sarebbe bello se l’uomo potesse imparare qualcosa dai trucchi che hanno acquisito i topi talpa nudi o le tartarughe giganti. Ma non importa quanto questa talpa sia stata sezionata dagli scienziati, non hanno scoperto la sua fonte di eterna giovinezza.

Forse non ne ha più di quelle vecchie tartarughe. I commentatori si riferiscono ad Harriet, una famosa tartaruga gigante che ha trascorso i suoi ultimi anni in uno zoo australiano. Si dice che lo stesso Charles Darwin la portò dalle Isole Galápagos nel 1835. Nel 2006 morì, all’età di almeno 170 anni, di infarto, tipico esempio di malattia della vecchiaia.

E Jonathan potrebbe essere anche più grande dei suoi 190 stimati, ma ora è cieco, non sente l’odore e deve essere nutrito manualmente. “Le statistiche sulla popolazione non riflettono sempre il declino fisico”, hanno detto i commentatori. “Anche nelle perfette condizioni di uno zoo, l’invecchiamento può colpire”.

Leggi anche:

L’eterna giovinezza non è ancora possibile, ma forse più a lungo

La ricerca storica è stata fatta a fontana dell’eterna giovinezza† Ora si scopre che i giovani stessi sono quella fonte.

READ  Questo ricercatore vuole più attenzione per l'orologio biologico nell'assistenza sanitaria

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *