La vicina supergigante rossa sembra aver espulso una parte sostanziale della sua superficie

Si scopre che l’ormai famosa stella Betelgeuse ha prodotto un’espulsione di massa coronale senza precedenti nel 2019. Tuttavia, questa convulsione titanica non significa che la stella stia per esplodere.

Ricordi l’incidente di Betelgeuse? Questa supergigante rossa, una delle stelle più luminose del cielo notturno, faceva notizia nel 2019. Questo perché la stella di colore rosso normalmente brilla molto brillantemente. Tuttavia, la sua luminosità si era improvvisamente attenuata molto rapidamente nell’ottobre 2019. I ricercatori ora credono di sapere cosa è successo allora: la famosa stella ha soffiato nello spazio una porzione senza precedenti della sua superficie.

Cosa sta succedendo?
La stella Betelgeuse si trova a circa 600 anni luce dalla Terra. Tuttavia, la stella è facile da vedere nelle sere limpide; è piuttosto feroce. Inoltre, Betelgeuse si distingue chiaramente dalle altre stelle per il suo colore rosso. Nel 2019, la star è stata screditata poiché la sua luminosità è diminuita rapidamente. Sebbene le giganti rosse mostrino regolarmente variazioni di luminosità, la sorprendente diminuzione della luminosità di Betelgeuse ha davvero sorpreso gli astronomi. Il 7 dicembre la luminosità era scesa a una magnitudine di +1,12. E a metà febbraio, Betelgeuse era addirittura scesa al 36% della sua luminosità normale. Un calo enorme che si nota anche ad occhio nudo. Mai prima d’ora, negli oltre 25 anni in cui gli astronomi hanno monitorato la stella, Betelgeuse ha visto una luminosità così limitata. Anche questo fenomeno è stato catturato magnificamente su immagini uniche del Very Large Telescope.

Non è raro che le stelle perdano frammenti di superficie. Il nostro sole emette regolarmente anche frammenti della sua sottile atmosfera esterna: la corona. Tali eruzioni sono anche conosciute come espulsioni di massa coronale. Ma Betelgeuse era molto arrabbiata. Ad esempio, sembra che la supergigante rossa espelle circa 400 miliardi (!) di massa in più rispetto a una normale espulsione di massa coronale.

READ  La principessa Elisabetta battezza la nave da ricerca Belgica

stordito
I ricercatori hanno fatto questa scoperta dopo aver esaminato i dati del telescopio Hubble, tra gli altri. E la sua squadra è stupita. “Non abbiamo mai visto un’espulsione di massa così massiccia dalla superficie di una stella”, ha affermato il ricercatore Andrea Dupree. “C’è qualcosa che non capiamo ancora del tutto. È un fenomeno completamente nuovo. »

Gloria
Titan Outburst del 2019 potrebbe essere stato causato da un enorme pennacchio che gorgoglia dal profondo della stella. Il pennacchio ha causato shock e pulsazioni, facendo cadere la stella per una parte sostanziale della sua fotosfera (l’esterno luminoso della stella). Questo pezzo ha accelerato attraverso lo spazio, si è raffreddato e poi ha formato un’enorme nuvola di polvere che ha bloccato la luce della stella vista dagli osservatori della Terra.

Questa illustrazione mostra i cambiamenti di luminosità della supergigante rossa Betelgeuse dopo l’espulsione di massa titanica da gran parte della sua superficie visibile. Il materiale in fuga si è raffreddato, formando una nuvola di polvere che ha temporaneamente reso la stella più opaca se vista dalla Terra. Immagine: NASA, ESA, Elizabeth Wheatley (STScI)

Le nuove osservazioni forniscono indizi su come le giganti rosse perdono massa in tarda età, appena prima di esplodere in una supernova. La quantità di perdita di massa ha un impatto significativo su questo finale fatale. Perché in effetti Betelgeuse non visse a lungo. Questo perché consuma rapidamente il suo carburante. Senza questo combustibile – o fonte di energia – la stella non può più competere con la gravità e parte della propria massa scorre verso il nucleo. Questo nucleo diventa sempre più pesante ed è infine destinato a crollare. Il risultato è una gigantesca esplosione: una supernova.

READ  Asteroide sulla Terra, simulazione della NASA

di cattivo umore
Tuttavia, il comportamento sorprendentemente insolito di Betelgeuse non è la prova che la stella esploderà presto, sottolineano i ricercatori. In altre parole, l’espulsione di massa coronale non prefigura necessariamente la sua fine imminente. In effetti, sembra che la stella si stia lentamente riprendendo. Le immagini appena create della supergigante rossa implicano che gli strati esterni di Betelgeuse sono stati ragionevolmente restaurati. Eppure la stella è capricciosa. “Betelgeuse continua a fare cose molto insolite in questo momento”, dice Dupree. “Le sue viscere stanno rimbalzando un po’.”

storia coerente
Ora che i ricercatori hanno messo insieme tutti i pezzi del puzzle del comportamento irregolare della stella prima, dopo e durante il bagliore, sta emergendo una storia coerente di una convulsione titanica mai vista prima di una stella morente. I ricercatori hanno in programma di monitorare da vicino le conseguenze dell’eruzione. Può persino accendere il telescopio James Webb, che può utilizzare la sua fotocamera a infrarossi per studiare il materiale espulso mentre si allontana sempre più dalla stella.

È interessante notare che la regolare pulsazione di 400 giorni della stella è stata interrotta dall’espulsione di massa coronale. Per quasi 200 anni gli astronomi hanno misurato questo ritmo, ma oggi questo ciclo fisso sembra essere scomparso, almeno temporaneamente. Ciò significa che l’eruzione di Betelgeuse non è certo passata inosservata. Vedremo cosa riserva il futuro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.