La vita sotto Marte | INAF MEDIA

Una vista esasperata verticalmente in falsi colori di un grande canale marziano scavato nell’acqua chiamato Dao Vallis. Crediti: Esa / Dlr / Fu Berlin, Cc By-Sa 3.0 igo. Rendering 3D e colori di Lujendra Ojha

Uno studio condotto da Rutgers University ha concluso che si trova la regione di Marte che doveva essere la più abitabile in passato pochi chilometri sotto la sua superficie, probabilmente a causa dello scioglimento superficiale delle spesse calotte di ghiaccio alimentate dal calore geotermico. Lo studio, pubblicato sulla rivista Progressi scientifici, questo potrebbe aiutare a risolvere ciò che viene chiamato paradosso del debole giovane sole, che emerge sempre quando si studia il pianeta rosso.

“Anche se, nelle simulazioni al computer, i gas serra come l’anidride carbonica e il vapore acqueo vengono rilasciati nella prima atmosfera marziana, i modelli climatici lottano per mantenere Marte caldo e umido a a lungo termine “, riferisce. Lujendra Ojha dalla Rutgers University-New Brunswick, il primo autore dello studio. “Io ei miei collaboratori proponiamo che il paradosso del debole e giovane Sole potrebbe essere riconciliato, almeno in parte, se Marte in passato avesse alto calore geotermico“.

Il sole è enorme fusione nucleare che genera energia fondendo l’idrogeno in elio. Nel tempo, ha gradualmente illuminato e riscaldato la superficie dei pianeti nel sistema solare. Circa 4 miliardi di anni fa era molto più debole (30% più debole), quindi il clima all’inizio di marzo avrebbe dovuto essere freddo. Tuttavia, la superficie di Marte ne ha molti indicatori geologici – come i vecchi letti dei fiumi – oltre a indicatori chimici – come i minerali legati all’acqua – che suggeriscono che il pianeta rosso aveva abbondante acqua liquida tra circa 4,1 e 3,7 miliardi di anni fa (definito era Noachiana). Questa apparente contraddizione tra documenti geologici e modelli climatici è chiamata il paradosso del giovane sole debole.

READ  Il James Webb (quasi) pronto a partire

Su pianeti rocciosi come Marte, Terra, Venere e Mercurio, l’uranio, il torio e il potassio generano calore attraverso il decadimento radioattivo. In un tale scenario, l’acqua liquida può essere generata dallo scioglimento di spesse calotte glaciali sotterranee, anche se il Sole era più debole di quanto non sia ora. Sulla Terra, ad esempio, il calore geotermico forma laghi subglaciali nelle aree della calotta glaciale dell’Antartide occidentale, della Groenlandia e dell’Artico canadese. È probabile che una fusione simile possa aiutare a spiegare la presenza di acqua liquida su un Marte freddo e ghiacciato circa 4 miliardi di anni fa.

Gli scienziati hanno esaminato vari set di dati su Marte per vedere se, in epoca noachiana, fosse possibile un riscaldamento da calore geotermico, dimostrando che le condizioni necessarie allo scioglimento del ghiaccio nel seminterrato sarebbero state presenti ovunque. Inoltre, sebbene Marte avesse un clima caldo e umido 4 miliardi di anni fa, con la perdita del campo magnetico, l’assottigliamento dell’atmosfera e il conseguente calo delle temperature globali nel tempo, l’acqua potrebbe essere stato liquido stabile solo a grandi profondità. Pertanto, la vita, se mai nata su Marte, potrebbe seguire l’acqua liquida, a profondità progressivamente maggiori. “A tali profondità, la vita avrebbe potuto essere sostenuta dall’attività idrotermale (riscaldamento) e dalle reazioni acqua-roccia”, conclude Ojha. “Quindi su Marte il seminterrato potrebbe rappresentare il più antico ambiente abitabile”.

Saperne di più:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *