Perché i pipistrelli sono così poco colpiti dai numerosi virus che trasportano

Perché i pipistrelli sono così poco colpiti dai numerosi virus che trasportano

Perché i pipistrelli sono così poco colpiti dai numerosi virus che trasportano? La risposta risiede in parte nella protezione genetica e in parte in un sistema immunitario altamente ottimizzato.

Negli ultimi anni, gli scienziati hanno esaminato i virus di quasi duemila animali selvatici che sono tradizionalmente presenti nel menu come prelibatezze in Cina, come gli istrici. C’erano specie come il cane procione e lo zibetto delle palme che a volte vengono anche allevate, anche per il commercio di pellicce. I risultati sono pubblicati sulla rivista Cellula e che fa riflettere: sono state scoperte 102 specie di virus, 21 delle quali potrebbero rappresentare un rischio per l’uomo. Più della metà dei virus erano nuovi per la scienza.

Sebbene a volte si suggerisca che il coronavirus che ha causato l’ultima pandemia sia sfuggito da un laboratorio di ricerca cinese, la principale recensione pubblicata Scienza due studi della scorsa estate che potrebbero non dimostrare in modo definitivo che il virus sia passato all’uomo in un mercato di animali selvatici nella città cinese di Wuhan, ma hanno trovato prove forti comunque solide. Ricerche approfondite hanno dimostrato che il virus è presente negli animali selvatici messi in vendita. È persino saltato addosso all’uomo due volte in breve tempo, indipendentemente l’uno dall’altro. I mercati della fauna selvatica sono un centro ideale per le zoonosi: malattie che si trasmettono da altri animali all’uomo. Animali in gabbia altamente stressati e quindi malsani entrano in stretto contatto tra loro e con folle di persone, aumentando il rischio di trasmissione.

66.000 contagi

La ricerca sui pipistrelli e sui loro virus è ancora agli inizi. Uno studio a Frontiere in ecologia ed evoluzione ha concluso che forse la metà delle specie di pipistrelli che si pensa siano presenti in Asia devono ancora essere formalmente descritte dalla scienza. Ci sono già circa 1400 specie conosciute di pipistrelli nel mondo, rendendo questa famiglia il secondo mammifero più grande del mondo, dopo i roditori.

In Asia, si ritiene che ogni anno più di 60.000 persone siano infettate da coronavirus provenienti dal mondo animale. © Getty

Analisi Comunicazione Natura ha stimato che circa 66.000 persone in Asia vengono infettate ogni anno da coronavirus per lo più sconosciuti provenienti dal mondo animale: il numero totale di virus che “saltano” da altri animali all’uomo in tutto il mondo è stimato a 400.000 all’anno. La maggior parte dei virus muore immediatamente dopo aver infettato un corpo umano, ma, come ha giustamente affermato uno scienziato, “se i virus piovono costantemente sulle persone, un giorno avrai una pandemia”. Le pandemie sono aumentate di frequenza negli ultimi secoli. Uno studio a Gli scienziati progrediscono ha persino concluso che tutte le pandemie nel mondo umano dall’inizio del 1900 erano dovute a un salto virale da altri animali agli umani.

READ  La salute non sembra trarre beneficio dall'occasionale bicchiere di vino

Un recente articolo su Natura ben illustrato come l’interferenza umana con gli habitat naturali possa aumentare il rischio di trasmissione del virus dei pipistrelli. Lo studio australiano si è concentrato sui pipistrelli più grandi del mondo (cani volanti), che tra gli altri portatori del virus Hendra. Colpisce principalmente i cavalli, ma può trovare la sua strada nell’umanità attraverso gli amanti dei cavalli. Probabilmente il virus circolava già nei pipistrelli prima dell’arrivo degli esseri umani in Australia, ma è stato solo nel 1994 che è stato rilevato il primo salto nel mondo umano. Dal 2006 è aumentato il numero delle dichiarazioni di infezione.

Lo studio ha collegato l’aumento delle infezioni ai cambiamenti nel paesaggio. A causa dell’espansione umana e del riscaldamento globale, sempre più frutti selvatici e altri alberi da fiore stanno scomparendo. I pipistrelli originariamente mostravano un comportamento errante in grandi gruppi per centinaia di miglia alla ricerca di frutti e fiori per il cibo. Ma furono costretti ad adattarsi al degrado del loro biotopo e si ritrovarono così in piccoli gruppi sparsi in un paesaggio agrario che li interessava meno, dove entrarono in contatto con cavalli e uomini. In questo modo sono diventati un “problema” per l’uomo, un problema che ci siamo creati noi stessi.

Insensibile al cancro

Gli scienziati si sono chiesti a lungo come i pipistrelli possano trasportare così tanti virus, apparentemente inalterati. Per essere creature di dimensioni relativamente piccole, vivono anche relativamente a lungo, in parte perché sembrano essere immuni al cancro. Uno studio esplorativo riportato nel 2021 Riviste Nature Immunology che il sistema immunitario dei pipistrelli contiene tipi di cellule che non sono stati trovati in nessun’altra specie animale. C’erano anche indicazioni che il materiale genetico dei pipistrelli contenesse parecchi frammenti di geni virali. I pipistrelli sembrano includerli nel proprio patrimonio genetico.

L’espansione sfrenata dell’uomo nei biotopi naturali aumenta il rischio di una pandemia. © Getty

L’anno scorso, gli scienziati hanno riferito in Gli scienziati progrediscono che copie di un gene sono state fatte nel genoma del pipistrello, che contiene informazioni su un enzima che svolge un ruolo chiave nell’organizzazione del sistema immunitario. La maggior parte dei mammiferi ha una copia di questo gene, ma alcuni pipistrelli ne hanno diverse. Poiché i singoli geni possono mutare leggermente indipendentemente l’uno dall’altro e quindi espandere insieme il loro repertorio di attacchi, forniscono una difesa più ampia contro i virus.

Il mese scorso è apparso in Natura una panoramica di quanto raccolto negli ultimi anni sul rapporto tra i pipistrelli e i loro virus. Ad esempio, è stato scoperto che i pipistrelli hanno una circolazione permanente di interferoni nel sangue molto più elevata rispetto al nostro. Si tratta di molecole che suonano l’allarme quando rilevano una minaccia e quindi mobilitano il sistema immunitario. I pipistrelli producono anche molte più proteine ​​che paralizzano la moltiplicazione delle particelle virali nei loro corpi e ripuliscono i prodotti di scarto che vengono rilasciati durante il processo. Le loro difese sembrano quindi più efficaci delle nostre.

READ  Il disturbo d'ansia si è rivelato essere un tumore: un appello a ulteriori ricerche sul corpo femminile

Ma forse la differenza più importante rispetto a ciò che accade in un corpo umano è che le difese dei pipistrelli raramente reagiscono in modo eccessivo all’infezione virale, causando risposte infiammatorie meno gravi. Gli animali hanno trovato un modo naturale per limitare le molecole responsabili (chiamate inflammasomi). Gran parte dei sintomi che le persone sperimentano dopo l’infezione da virus corona sono il risultato della reazione eccessiva del nostro sistema immunitario all’intruso.

È anche interessante notare che i pipistrelli generalmente reagiscono in modo diverso alla presenza di un virus rispetto a noi. Invece di dispiegare molte energie per cercare di debellarlo del tutto, sembrano nel tempo trovare con esso un modus vivendi: accettano una modesta presenza del virus. “Sembra che stiano facendo una sorta di trattato di pace con i loro virus”, ha spiegato uno scienziato. Natura. Pertanto, possono diventare un serbatoio per un’ampia varietà di virus. L’uomo può imparare molto sul suo funzionamento non sempre ottimale studiando come si sono comportate le altre specie durante la loro evoluzione.

autovaccinazione

Non è da escludere che virus e pipistrelli entrino in una sorta di simbiosi tra loro: un rapporto vantaggioso per entrambe le parti. Uno studio recentemente pubblicato su Cellula apparso. Il vantaggio dei pipistrelli per i virus è evidente: forniscono un habitat sicuro e affidabile in cui i virus non vengono costantemente attaccati. Ma il contrario è meno ovvio. In che modo i virus possono avvantaggiare i loro portatori? Un impulso per una risposta viene dall’osservazione che molti geni virali si trovano nel genoma del pipistrello, che può rimanere attivo e produrre proteine. Le proteine ​​possono funzionare come una forma di autovaccinazione contro nuove infezioni, con o senza virus comparabili.

Nel corso del tempo, i pipistrelli incorporerebbero quindi parzialmente gli invasori virali nelle loro difese contro i nuovi aggressori. È un pensiero stimolante, che può fornire nuove prospettive mediche per la nostra stessa difesa. I virus possono anche agire l’uno contro l’altro nel nostro corpo. Analisi Scienza ne ha offerto la prova, sulla base delle osservazioni su come la corona, l’influenza e altri virus nel nostro tratto respiratorio interferiscono tra loro. “Davvero non si adattano bene”, ha riassunto concisamente un ricercatore. “Possono persino mostrare comportamenti prepotenti l’uno verso l’altro”. In questo senso, una qualche forma di convivenza con un certo numero di virus potrebbe fornire una protezione aggiuntiva contro nuovi aggressori.

READ  sole e caldo oggi e nei prossimi giorni »ILMETEO.it

Per il prossimo futuro, il rischio di nuove pandemie è basso a meno che non adottiamo misure drastiche per limitare il rischio di zoonosi. Per gli ingenui che non rispettano la natura: è inutile cercare di sterminare pipistrelli e altri portatori di virus per proteggere l’umanità dalle malattie. Non solo questo è tecnicamente impossibile, poiché gli animali sono onnipresenti, ma porterebbe anche a disastri naturali, in parte perché in gran parte del mondo i pipistrelli svolgono un ruolo importante nella fertilizzazione della frutta e di altri raccolti e nella distruzione degli insetti. Quindi dobbiamo cercare un modo più sicuro per vivere con altri animali.

Scappatoie

Ciò implica, soprattutto, una maggiore attenzione per un’esistenza umana più rispettosa della natura e dell’ambiente. Uno studio a Atti dell’Accademia Nazionale delle Scienze prevede che la probabilità di una pandemia si moltiplicherà nei prossimi decenni se non frenamo la nostra distruttiva espansione in altri biotopi. Uno studio a Natura ha deciso che a causa del riscaldamento globale, i biotopi e il comportamento di altri animali potrebbero cambiare così tanto che il rischio di trasmissione del virus all’uomo aumenterebbe drasticamente.

Tuttavia, l’urgenza non penetra così rapidamente ovunque. In un rapporto di 86 pagine sulla pandemia di coronavirus dell’Organizzazione mondiale della sanità (OMS) del maggio 2020, il termine “animali selvatici” compare appena due volte e il termine “deforestazione” una volta, come se non fossero rilevanti. recentemente denunciato Scienza è che le autorità cinesi stanno iniziando a rendersi conto che c’è un problema con i loro mercati di gioco. Il 1° maggio la Cina vieterà la cattura e il consumo di animali selvatici, come i cani procione, che potrebbero essere stati ospiti intermedi del coronavirus. Questo dovrebbe essere il primo passo verso una soluzione.

Purtroppo anche qui è emerso il terribile spettro delle scappatoie normative. Perché i decisori cinesi non hanno osato spingersi fino a vietare la coltivazione della loro pelliccia, ad esempio quella dei cani procione. Ciò implica che l’intenso contatto tra gli umani e gli sfortunati animali continuerà. Offre inoltre ai bracconieri l’opportunità di “riciclare” i loro animali catturati in natura attraverso un falso passaggio attraverso un allevamento di animali da pelliccia. È un peccato che la gravità della situazione sia così difficile da comprendere per i leader che devono organizzare la nostra società. Non è diverso qui da noi, con la nostra deplorevole convivenza con i magri resti della nostra natura.•

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *