L’accordo sul risparmio di gas dell’UE sembra una tigre sdentata | ADESSO

Martedì i paesi dell’UE hanno concordato di consumare il 15% in meno di gas nei prossimi mesi. Ciò dovrebbe impedire lo sviluppo di una carenza il prossimo inverno. L’UE ha accolto con favore martedì con il OK e parlava dell’unità dell’Europa. Ma se guardi un po’ più a fondo, vedrai che non è così male con questo dispositivo.

Che cosa è stato concordato esattamente?

Che i paesi dell’UE debbano utilizzare il 15% di gas in meno dall’inizio del prossimo mese fino alla fine di marzo del prossimo anno rispetto al consumo medio degli ultimi cinque anni. Con questo i Paesi vogliono rispondere a una possibile interruzione dell’approvvigionamento da parte della Russia, che è uno dei principali fornitori di gas e l’offerta continua a crescere pizzichi.

I paesi dovrebbero anche essere in grado di riempire più facilmente le loro riserve di gas. Inoltre, sono stati raggiunti accordi sulla solidarietà reciproca; se un paese ha problemi, altri paesi devono intervenire.

Tuttavia, sono state fatte molte eccezioni. Ad esempio, gli stati insulari di Malta, Cipro e Irlanda non sono tenuti a partecipare. Le loro reti del gas non sono collegate ad altri paesi, il che significa che le consegne ad altri stati membri dell’UE non sono possibili. Inoltre, Estonia, Lettonia e Lituania dipendono così tanto dal gas russo che non è possibile risparmiare.

Sono esenti anche i paesi che hanno già ampiamente riempito le loro riserve di gas. C’è anche il Belgio, che fornisce molto gas ad altri paesi e quindi ne produce già abbastanza per altri. E anche i paesi che hanno bisogno di gas per le loro industrie essenziali non devono tagliare gli angoli. Un paese dell’UE, l’Ungheria, non ha affatto firmato l’accordo.

READ  "L'assessore aveva diritto a restare lì armato, l'immigrato invece doveva essere già fuori Italia" - Libero Quotidiano

I paesi che rimarranno inizialmente potranno vedere di persona se possono ridurre i propri consumi. Se ciò non funziona, l’UE può renderlo obbligatorio. Beh, più o meno. Ma ne parleremo più avanti.

Funzionerà se ci sono così tante eccezioni?

Puoi davvero farti la domanda. Ma senza queste eccezioni, nessun accordo sarebbe stato raggiunto. E meglio di niente, hanno dovuto pensare a Bruxelles.

Quanto è probabile che l’Europa rimanga senza benzina il prossimo inverno?

Molto dipende dalla Russia. Il paese insiste affinché offra ciò che può. Ma nel frattempo, il Nord Stream 1, il principale gasdotto tra la Russia e l’Europa occidentale, ora funziona solo al 20% della sua capacità massima. Secondo la compagnia statale del gas Gazprom, ciò è dovuto alla manutenzione. Ma in Occidente questo è messo in dubbio. Molti paesi credono che la Russia offra meno come mezzo di pressione politica.

Ad ogni modo, c’è meno benzina e lo possiamo già vedere, i prezzi stanno aumentando e le azioni fanno fatica a fare il pieno. I paesi che consumano molto gas russo, come la Germania ei paesi dell’Europa centrale, sono particolarmente a rischio di carenze.

Questo è anche il motivo per cui l’UE ha voluto concludere l’accordo. Secondo Bruxelles basta un risparmio del 15% per permettere a tutti i Paesi di trascorrere l’inverno in sicurezza. Anche se la Russia interrompe completamente le consegne a breve termine. Inoltre, un possibile inverno mite riduce anche il rischio di carenze.

Cosa significa questo per i Paesi Bassi? Devo spegnere il riscaldamento più tardi?

Comunque non può far male. Anche se probabilmente molti stanno già pensando di farlo poiché l’energia sta diventando sempre più costosa. Ma secondo il ministro dell’Energia Rob Jetten, i Paesi Bassi hanno recentemente ridotto il consumo totale di gas a tal punto da poter raggiungere l’obiettivo di risparmio del 15%.

READ  ATM, prelievi sospesi | Codacons e Iliad

Tuttavia, il ministro insiste sul fatto che nei Paesi Bassi dobbiamo essere efficienti dal punto di vista del gas. Ma sembra improbabile che presto i cittadini saranno soggetti a un obbligo di risparmio.

E se i paesi non raggiungessero questo 15%?

Come accennato in precedenza, il risparmio è volontario in questo momento. Ma in alcuni casi Bruxelles può renderlo obbligatorio. Ciò è possibile se minaccia una grave carenza o se almeno cinque Stati membri desiderano che tale obbligo sia introdotto. La Commissione europea può quindi formulare una proposta, che deve essere approvata da almeno quindici Stati membri. Questi quindici Stati membri devono inoltre rappresentare un ulteriore 65% di tutti i residenti nell’UE. Quindi, se solo quindici piccoli paesi sono d’accordo, non ci sarà alcun obbligo.

Inoltre, non sono state concordate sanzioni per i paesi che non risparmiano abbastanza. Se a ciò si aggiunge che molti paesi non devono comunque risparmiare, la domanda è se questo accordo sarà di grande aiuto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.