L’affitto dei residenti di parte aumenta a volte di decine di percentuali

Un aumento dell’affitto del 39,6%, da 252 euro a 352 euro al mese. Marcel Trip di Woonbond vede spesso grandi aumenti degli affitti. Ma una differenza così grande da un mese all’altro non ha precedenti, ha detto a RTL Nieuws.

“Quando l’aumento dell’affitto legato al reddito è stato introdotto nel 2013, l’aumento del 6,6% era il massimo, quindi questi passaggi sono estremi”, afferma Trip. “Non abbiamo mai sperimentato questi salti nel settore sociale prima”.

Il numero di abitanti sbilanciati è in diminuzione

Non tutti gli inquilini affrontano questo aumento. Sono inquilini ad alto reddito che vivono in alloggi sociali. I cosiddetti residenti di parte, anche se i Woonbond preferiscono non usare quel termine.

“Gli inquilini devono pagare una paga extra al padrone di casa, gli acquirenti ottengono un prestito più grande con più reddito, sovvenzionato dalla detrazione degli interessi del mutuo”.

Sebbene questo gruppo si sia ridotto a 205.000 famiglie, il governo vuole che questo gruppo paghi un affitto “appropriato”. Con questo aumento dell’affitto si pagano le riduzioni degli affitti per i poveri o le associazioni edilizie possono investire di più nella sostenibilità, questa è l’idea.

La speranza è anche che affitti più elevati incoraggino i residenti prevenuti a cercare un alloggio nel settore libero, sebbene la ricerca mostri che ciò accade raramente.

Le misure più pesanti fino ad oggi

I politici hanno preso di mira la vita distorta per più di un decennio, ma dal 1° luglio entreranno in vigore le misure più pesanti che sono state progettate fino ad oggi. Le associazioni abitative avranno poi la possibilità di aumentare sensibilmente l’affitto per i residenti sbilanciati: 50 euro per i redditi medio-alti o addirittura 100 euro per le famiglie facoltose (da 75.396 euro) con l’edilizia sociale.

READ  "4,2 milioni di dosi alla fine di marzo"

In precedenza, la ricerca dell’organizzazione industriale Aedes chiaramente che sei aziende su dieci non utilizzare questa misura. Ma i residenti sbilanciati che devono far fronte all’aumento degli affitti legati al reddito a volte vedono aumentare l’affitto di una decina di percento, secondo un inventario di Woonbond.

Il provvedimento è stato annunciato nell’accordo di coalizione, in combinazione con una riduzione dell’affitto per le famiglie più povere, i cosiddetti “inquilini asimmetrici costosi”, che infatti pagano troppo l’affitto rispetto al loro reddito.

Ad esempio, un inquilino sociale il cui affitto va da 368 a 468 euro al mese, con un aumento di oltre il 27%. Un altro inquilino di un’associazione immobiliare ha consultato il Woonbond in merito a un aumento dell’affitto da 409 a 509 euro (+24%). Secondo il Woonbond, nelle ultime settimane sono state ricevute dozzine di segnalazioni da inquilini che si trovano ad affrontare la misura.

persone che soffrono

Anche molti inquilini sociali nelle fasce di prezzo più elevate, con un canone di 1000 euro o più, possono beneficiare dell’aumento dell’affitto correlato al reddito. “Inoltre, $ 50 o $ 100 in più, oltre all’aumento dei costi energetici e alimentari, mettono le persone in difficoltà”, afferma Trip.

Per le case del settore privato, l’aumento degli affitti quest’anno è limitato al 3,3%. Gli inquilini possono compilare una lista di controllo sul sito Web di Woonbond per verificare se l’aumento dell’affitto è conforme alle regole.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.