L’ispezione sporge denuncia contro il direttore della scuola di educazione personale

L’ispezione sporge denuncia contro il direttore della scuola di educazione personale

L’Ispettorato dell’istruzione presenta una denuncia contro l’amministratore scolastico Misha van Denderen. Dirige la School of Personal Education (SvPO), una scuola secondaria con otto sedi in tutto il paese. L’ispettorato sospetta Van Denderen che siano stati commessi uno o più reati, ha riferito il ministro dell’Istruzione in una lettera alla Camera dei rappresentanti.

Secondo l’Ispettorato, la relazione trae origine da indagini sugli alloggi scolastici e relative transazioni. L’Ispettorato non vuole entrare nei dettagli e indicare di cosa tratta la dichiarazione. I rapporti corrispondenti non sono ancora pubblici. Il direttore Van Denderen ha portato l’ispezione in tribunale per non aver pubblicato i rapporti critici.

Passaggio eccezionale

Una denuncia contro un consiglio scolastico o un membro del consiglio scolastico è un passaggio eccezionale che l’ispezione non prende rapidamente. L’esempio più recente è la denuncia contro la comunità scolastica di Gomarus a Gorinchem l’anno scorso per discriminazione. Questa scuola è stata screditata perché gli studenti gay sono trattati in modo diverso dai loro compagni di classe etero.

Nel caso dell’SvPO, sarebbero le finanze e come le gestisce il consiglio scolastico. Van Denderen è sotto ispezione da molto più tempo. L’anno scorso, tre delle otto scuole sono state giudicate molto deboli. Per la filiale di Utrecht è stata la seconda volta consecutiva. Il ministero ha poi ritirato parte dei finanziamenti.

Clima pericoloso

La Personal Education School è nota per classi piccole, molta attenzione per gli studenti e pochi compiti a casa. Ma genitori e insegnanti si lamentano da tempo. Parlano di un clima pericoloso. Precedenti ricerche di questo giornale hanno mostrato che Van Denderen ha creato una struttura di fondazione complicata che secondo gli esperti rende possibili transazioni sospette. Attraverso una delle fondazioni, il dirigente scolastico ha concesso un mutuo ai suoi figli.

A parte la dichiarazione, il cui contenuto esatto è sconosciuto, il finanziamento dell’edilizia abitativa è sotto esame. L’amministratore scolastico utilizza i contributi dei genitori per pagare gli edifici scolastici. In una lettera che Van Denderen aveva precedentemente pubblicato sulla pagina Linkedin della scuola, conferma che si tratta degli edifici scolastici di Hardegaryp, Hoorn, Deventer e Geldermalsen.

Merce

L’Ispettorato critica questo stato di cose: “L’intenzione è che il contributo volontario dei genitori venga utilizzato per quanto concordato con i genitori e quanto concordato dagli organismi di partecipazione”, secondo un portavoce. Il sito della scuola specifica che il contributo di 450 euro è destinato ai soggiorni linguistici. Secondo Van Denderen, la situazione è leggermente diversa. In una risposta, fa riferimento alla relazione annuale. Precisa che la fondazione Anbi, che riceve il contributo dei genitori, sostiene delle spese che vanno a beneficio della scuola. Quindi anche alloggio.

Van Denderen: “L’Anbi non può spendere i soldi in viaggi linguistici e materiale scolastico perché questo non è un vantaggio generale. Sono quindi pagati dalla scuola.

Non è ancora chiaro quanti soldi andranno alla proprietà. Van Denderen non fa alcuna dichiarazione al riguardo. Tra il 2018 e il 2021, la Van Denderens Anbi Foundation ha ricevuto circa due milioni di euro di contributi dei genitori.

Non è la prima volta che l’SvPO non segue così da vicino le regole per quanto riguarda il contributo dei genitori che è superiore alla media nazionale. Ad esempio, i figli dei genitori che non potevano pagare i 450 euro annui sono stati esclusi dai soggiorni linguistici. Non è permesso. La legge stabilisce che i bambini devono sempre poter partecipare alle attività, anche se i genitori non possono pagare per nessun motivo.

Leggi anche:

Come un ideale educativo si impantana in affari finanziari loschi, conflitti di interesse e insegnanti disillusi

Il preside Misha van Denderen ha creato una rete di fondazioni scolastiche che secondo gli esperti sono dubbie rende possibili le transazioni.

READ  La Turchia spaventa le banche dell'UE

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *