L’appello dei medici volontari: “Seguite la scienza e non abbiate paura, tutti i vaccini funzionano”

Covid, la lettera dei 25 medici volontari in pensione, tornati per velocizzare i tempi di somministrazione: “Non ci sono ‘poteri potenti’, con il vaccino si torna alla normalità”

UDINE. Un appello sincero: “vaccinate con uno dei quattro vaccini disponibili, sono tutti ugualmente efficaci”. Proviene da medici volontari in pensione che da mesi contribuiscono alla campagna di vaccinazione. Si tratta di persone convinte che di fronte a una pandemia bisogna dare il meglio di sé e quindi non hanno esitato a mettere a disposizione il proprio tempo per garantire il tracciamento, per contattare i monitor Sars-CoV2 positivi e ora per raccogliere informazioni. acconsente, nominare e iniettare dosi di vaccino.

LEGGI ANCHE. Covid, la lettera dei medici volontari: “Non ci sono” poteri forti “, con il vaccino si torna alla normalità”

Lavorano instancabilmente nei centri vaccinali del Friuli, spostandosi all’occorrenza da Udine, a Gemona, Tolmezzo e nei centri della valle. Parlano alle persone, accolgono tutti con il sorriso sulle labbra e con serenità e competenza, spiegano a grandi e piccini che farsi vaccinare è un obbligo per se stessi e per gli altri. Che contro il Covid-19, il vaccino è l’unica arma che abbiamo e dobbiamo usarlo.

SAPERNE DI PIÙ.Gli ultimi due mesi alla clinica per malattie infettive: i pazienti dell’ospedale Covid sono tutti non vaccinati tranne uno, ora fuori pericolo

In un pomeriggio buio segnato da nuvole di pioggia, i medici in pensione si ritrovano davanti all’ingresso del centro vaccinazioni, nel quartiere fieristico di Torreano di Montegnacco. Basta guardare i loro volti, mezzo coperti dalla maschera, per capire con quale determinazione continuano a prestare il loro lavoro nella regione. Sono sul campo da Natale e hanno tutte le intenzioni di restarci ancora per diversi mesi. Anestesisti, psichiatri, cardiologi, tutte le specialità sono rappresentate nel gruppo dei medici volontari in pensione che con dedizione convincono anche i più restii a farsi vaccinare.

READ  oggi sereno, giovedì 19 nubi sparse, venerdì 20 poco nuvoloso »ILMETEO.it

“Chi viene al centro vaccinazioni difficilmente vi torna, è successo davvero in casi rarissimi” spiega la portavoce del gruppo, Carla Volpe, rendendosi conto che le assenze maggiori si registrano nelle fasce di età ancora ad alto rischio non tanto di contagio dallo sviluppo di gravi infezioni da Sars-coV2. La fascia d’età va dai sessant’anni in su. Ed è proprio agli over 60 che i medici in pensione volontari ripetono e continueranno a farlo anche a costo di diventare noiosi: farsi vaccinare. I professionisti coinvolti in tutte le fasi della campagna, dalla nomina alla somministrazione delle dosi, vogliono essere protagonisti nel rispondere al senso di responsabilità che li fa dire: “Fatevi vaccinare con il vaccino disponibile in quel momento perché tutti e quattro, da AstraZeneca a Johnson & Johnson, da Moderna a Pfizer, sono molto efficaci nel prevenire forme gravi di malattia ”.

LA MAPPA.Dov’è il più vaccinato e dove ci sono meno vaccini in Friuli? Dati comuni per Comune e per fascia di età

La portavoce del gruppo non si stanca di ripeterlo, riconosce che la comunicazione sui rarissimi effetti collaterali causati da AstraZeneca ha fatto un servizio pessimo ed è per questo che a nome dei suoi colleghi che la supportano in questa azienda, ripete : “I sondaggi effettuati su milioni di persone dimostrano che AstraZeneca non crea alcun inconveniente a differenza di altri vaccini. Va sottolineata l’idea che grazie alla vaccinazione diventeremo più liberi ”. Volpe lo ha fatto notare anche alla sorella: “È un insegnante e ha ricevuto una dose di AstraZeneca proprio mentre il lotto era stato sequestrato – racconta – quindi mi sono misurato con questo problema analizzando i dati che stavo usando.

READ  Due scienziati molisani, il professor Giovanni M. Piacentino e il dottor Antonio Gioiosa, protagonisti di una scoperta rivoluzionaria al Fermilab di Chicago

L’evento del vaccino AstraZeneca può verificarsi anche durante l’assunzione di medicinali di uso comune ”. con il buon senso che li contraddistingue, i medici stanno attenti a non giudicare chi ha ancora dubbi. Il loro compito è fugare quegli stessi dubbi e con la lettera aperta vogliono farlo. “Se spieghi le caratteristiche dei vaccini a chi è perplesso, puoi convincerlo. Chi viene al centro può avere qualche esitazione ma non adotta atteggiamenti ideologici contrari al vaccino. “Purtroppo – aggiunge Volpe – le voci dei no vax si fanno sentire più di quelle favorevoli alle vaccinazioni”.

Insomma, i medici volontari in pensione descrivono il Friuli Venezia Giulia come una culla del non vax e riconoscono il lavoro che stanno svolgendo diversi medici di base impegnati nella vaccinazione domiciliare. “La gente si fida di loro, ma abbiamo iniziato un po ‘tardi, di fronte a una campagna di vaccinazioni così vasta, dobbiamo superare alcuni ostacoli per andare di casa in casa. “In questo modo, le persone che non sarebbero mai state spontaneamente in un centro di vaccinazione accettano volentieri il vaccino”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *