L’astronauta statunitense torna sulla Terra a bordo di una navicella spaziale russa

L’astronauta statunitense torna sulla Terra a bordo di una navicella spaziale russa

Nasa dire continuare a collaborare con il suo omologo russo Roscosmos nonostante le tensioni legate alla guerra in Ucraina. Vande Heiss, che era sulla ISS dall’aprile dello scorso anno, tornerà sulla Terra il 30 marzo. Ciò accadrà con una capsula russa Soyuz che dovrebbe atterrare in Kazakistan.

La Soyuz è stato l’unico modo per trasportare gli astronauti americani sulla ISS per molti anni dopo la disattivazione dell’ultima navetta spaziale nel 2011. La situazione è cambiata solo nel 2020 dopo il primo utilizzo del Crew Dragon di SpaceX presa† Di conseguenza, gli Stati Uniti hanno ancora una volta la capacità di inviare persone nello spazio da soli.

Tuttavia, sono in corso contratti tra la NASA e Roscosmos per l’utilizzo della capsula Soyuz. Inoltre, la collaborazione della NASA con Roscosmos a Baikonur, in Kazakistan, “continua ad andare bene”, ha affermato Joel Montalbano, responsabile del programma della NASA ISS.

scopa

Anche se la NASA dice che va tutto bene, il capo di Roscosmos, Dmitry Rogozin, la pensa diversamente. Il russo ha più volte minacciato nelle ultime settimane di porre fine alla sua collaborazione con la Nasa.

Egli affermazioni per esempio, che la ISS “potrebbe schiantarsi contro gli Stati Uniti o l’Europa” se la Russia si ritirasse. Rogozin ha anche twittato a video strano in cui i cosmonauti russi salutano Vande Hei. Successivamente, il segmento russo della ISS si stacca.

Inoltre non vuole più motori a razzo consegnare Negli USA. “In una situazione come questa, non possiamo fornire agli Stati Uniti i migliori motori a razzo del mondo. Lasciali volare su qualcos’altro, i loro pennelli, non so cosa”, ha detto Rogozin.

READ  "Oumuamua, un frattale di polvere?"

Dichiarazioni più controverse

Da tempo il capo spaziale russo ha rilasciato dichiarazioni controverse. Dopo che l’Occidente ha imposto sanzioni alla Russia nel 2014 per la sua acquisizione della Crimea, Rogozin ha affermato che gli Stati Uniti dovrebbero “portare gli astronauti sulla ISS su un trampolino”. Ha poi rilasciato queste dichiarazioni dopo che le sanzioni lo hanno preso incontrato personalmente

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *