l’azoto, l’essiccazione e la frammentazione minacciano la natura, è necessario un ripristino su larga scala

l’azoto, l’essiccazione e la frammentazione minacciano la natura, è necessario un ripristino su larga scala

Ogni anno vengono uccisi più di 100.000 ricci.  Immagini Getty

Ogni anno vengono uccisi più di 100.000 ricci.Immagini Getty

Questa è la conclusione della biennale Rapporto Pianeta vivente Paesi Bassiin cui, tra gli altri, il World Wildlife Fund (WWF-NL) analizza l’evoluzione dello stato di natura nei Paesi Bassi dal 1990.

Secondo la quarta edizione del rapporto, pubblicata giovedì, nonostante alcuni sviluppi positivi, la natura è in uno stato sempre più deteriorato. Le cause principali sono l’eccesso di azoto, il prosciugamento e la frammentazione degli spazi naturali. Oltre ad eliminare queste cause, è necessario dare più spazio alla natura, migliorare i suoli e, ad esempio, costruire passaggi per la fauna selvatica.

Circa l’autore

Jean-Pierre Geelen lavora nella redazione di Science come editor di ‘Nature & Biodiversity’. Tra le altre cose, ha scritto il libro “Blinde Vink, come ho imparato a guardare gli uccelli”.

Nelle aree naturali aperte, come le dune e le brughiere, la dimensione della popolazione delle specie animali è diminuita in media di oltre il 60% dal 1990 e lo stato di natura continua a deteriorarsi. Secondo il rapporto, “una forte riduzione della deposizione di azoto è un prerequisito per la prosperità delle popolazioni, così come la riumidificazione delle terre aride”.

Un pimpernel blu scuro

Un pimpernel blu scuro “in pericolo di estinzione” su un grande pimpernel.ImmagineGetty Images

Nella zona agricola, più della metà della superficie dei Paesi Bassi, il valore naturale continua a diminuire. Il declino degli uccelli delle praterie e dei terreni agricoli, delle farfalle delle praterie e di altri insetti può essere invertito solo con “una transizione agricola fondamentale”: meno intensiva, più organica e con molti meno pesticidi. “Non è più giustificabile che più della metà della nostra terra densamente popolata sia utilizzata per la produzione di generi alimentari, in particolare carne e latticini, che sono ampiamente esportati”, afferma il rapporto.

READ  Che ruolo giocano le scuole nelle infezioni? Ecco il caso della Valle d'Aosta

Biodiversità

Le specie animali generalmente se la passano male nelle città e nei paesi, mentre il numero delle specie vegetali è in aumento, anche perché i comuni sono più tolleranti e addirittura incoraggiano la biodiversità in città. Circa 800 specie di piante, metà della flora olandese, si trovano nelle aree edificate.

Egli Rapporto Pianeta vivente Paesi Bassi è nato da una collaborazione tra varie organizzazioni di specie, istituti di conoscenza come il Naturalis Biodiversity Center e il World Wildlife Fund. Il rapporto si basa su una varietà di specie animali, tra cui mammiferi (30), uccelli nidificanti (161), rettili (7), anfibi (16), pesci (30), libellule (56) e farfalle (51). Inoltre, sono inclusi i dati sull’andamento delle piante per gli habitat.

Secondo il rapporto, ci sono anche sviluppi positivi, come la stabilizzazione o addirittura la progressione di specie animali e vegetali, ma secondo Sander Turnhout di DierenNL e Radboud University, questi progressi non compensano la perdita in generale.

La lontra europea o la lontra di pesce sta tornando in auge.  Immagini Getty

La lontra europea o la lontra di pesce sta tornando in auge.Immagini Getty

Secondo il rapporto, i più grandi riproduttori sono la lontra (in aumento da vent’anni, che è appena apparsa questa settimana nel Biesbosch), il falco pellegrino (poiché le cassette nido sono sempre più attaccate agli edifici alti) e la palude a artiglio del lupo (il pianta di un milione di anni prospera su un terreno povero di nutrienti che viene tenuto aperto).

perdenti

Chi perde di più sono il riccio (più di 100.000 uccisi ogni anno da un’auto), lo scorch blu scuro (farfalla “in pericolo di estinzione” a causa della canalizzazione dei corsi d’acqua, della politica di sfalcio e del passaggio dai prati da fieno ai campi) e il vipera (l’unico serpente velenoso nei Paesi Bassi soffre di terreno asciutto).

Gli autori del rapporto vedono il ritorno della lontra come una prova che il ripristino di una rete faunistica sta funzionando: le aree di ricomparsa del mammifero sono interconnesse da “rive fluviali rispettose della natura” e attraversamenti di fauna selvatica vicino alle strade. La gestione dello sfalcio è stata adattata e anche la qualità dell’acqua è migliorata.

Secondo Kirsten Haanraads, program manager olandese del WWF-NL, è anche un esempio del fatto che la natura non dovrebbe essere un avversario, ma un alleato: “Molte misure di recupero non sono solo un bene per la natura, ma aiutano anche a combattere siccità, inondazioni o , ad esempio, lo stress da calore nelle città. Il recupero è nel nostro interesse.

L'unico serpente velenoso dei Paesi Bassi, la vipera, soffre del prosciugamento del terreno.  Immagini Getty

L’unico serpente velenoso dei Paesi Bassi, la vipera, soffre del prosciugamento del terreno.Immagini Getty

Sembra già troppo tardi per alcune aree forestali su terreni sabbiosi alti, afferma Haanraads. Causa: eutrofizzazione e acidificazione per deposizione di azoto. “La chimica del suolo è fuori uso in alcune foreste secche e non può più essere riparata. Tutto quello che puoi fare è rimuovere le minacce e sperare che le cose funzionino dopotutto.

BBB

La vittoria del “partito contadino” BBB alle elezioni del Consiglio provinciale non dovrebbe ostacolare l’attuazione del ripristino della natura, afferma Haanraads: “Il risultato non toglie nulla alla necessità di risolvere questo problema. Su questo dovranno lavorare anche gli amministratori provinciali.

Anche il “professore di azoto” Jan Willem Erisman, professore di ambiente e sostenibilità all’Università di Leida e non coinvolto nel Rapporto sul pianeta vivente, sostiene la conclusione che il deposito di azoto è la principale minaccia per la natura. “Da un punto di vista scientifico, a livello internazionale non ci sono dubbi, nemmeno sulla questione di chi abbia causato il problema”.

L’ambientalista Turnhout di DierenNL afferma che il sostegno pubblico alla natura non è diminuito. Cita il Compendio per l’ambiente di vita, che osservato lo scorso anno che “quasi tutti gli olandesi” considerano importante la protezione delle aree naturali esistenti e che la maggioranza della popolazione sostiene misure volte ad arrestare il declino.

La popolazione del falco pellegrino è in aumento da quando gli edifici alti sono dotati di nidi.  Immagini Getty

La popolazione del falco pellegrino è in aumento da quando gli edifici alti sono dotati di nidi.Immagini Getty

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *